La nota: «tutti i costi dell’incompetenza»

Palazzo Gioia, Cantiere e Italia in comune: «Il valore dei due appartamenti supera il milione»

Le due forze politiche sui due appartamenti acquistati nel 2017: «Fatta una perizia, risultato eclatante. Il Comune di Corato ha acquistato sperando di pagare 376mila euro, ma il prezzo reale da pagare è pari ad 1.032.119,98 euro»

Politica
Corato sabato 16 marzo 2019
di La Redazione
Gli ambienti di Palazzo Gioia a cui si riferisce la delibera
Gli ambienti di Palazzo Gioia a cui si riferisce la delibera © n.c.

Uncantiereincomune e Italiaincomune tornano sulla spinosa questione di Palazzo Gioia. Stavolta sotto la lente d'ingrandimento delle due forze politiche non finisce l'acquisto della parte principale dello storico immobile - di cui il Comune ha perso la proprietà, proponendo poi ricorso alla Suprema corte di Cassazione - bensì la compravendita di ulteriori due appartamenti, come decise il consiglio comunale (a maggioranza) nel 2017.

Una perizia (eseguita dall'architetto Clara Capozzo) fissa il valore dei due appartamenti - il primo di circa 360 metri quadri (10 vani), il secondo di 247 metri quadri (7 vani), ubicati al secondo e terzo piano dell’edificio al civico 32 di largo Plebiscito - in oltre un milione di euro, a fronte dei 376mila euro indicati per l'acquisto.

Di seguito la nota dei partiti.

«Nel gennaio 2017 l’Amministrazione Mazzilli ha deciso di esercitare la prelazione sull’acquisto di altri due appartamenti di Palazzo Gioia. La delibera fu da noi avversata perché, come sottolineava il consigliere Valeria Mazzone, «leggiamo di un importo pattuito pari a 376mila euro (di cui 216mila - valore in permute indicato dalla Soprintendenza - e 160mila (valore compravendita da cedere in contanti), ma ritengo che la spesa necessaria sia superiore. Avrei preferito che la delibera chiarisse meglio intorno a quali importi, minimi e massimi, si aggirerebbe la spesa».

Perché queste incertezze? In breve: poiché il “prezzo” era riferito in parte al valore di permuta, esso era solo una cifra di riferimento; la legge prevede che i venditori in questi casi possano chiedere una stima giudiziale del reale valore di mercato, che diventa automaticamente il reale prezzo di acquisto.

Era ben prevedibile che i due appartamenti valessero più di 376mila euro. I fatti ci hanno dato ragione: perizia fatta, il suo risultato è eclatante: 1.032.119,98 euro. Insomma, il Comune di Corato ha acquistato sperando di pagare 376mila euro, ma il prezzo reale da pagare è pari ad 1.032.119,98 euro.

Cosa accadrà? Impensabile che il Comune possa svenarsi ancora, ammesso che abbia quei soldi. E allora? È facile prevedere che nascerà un nuovo contenzioso, oppure un accordo, ma certamente ad un prezzo ben più alto dei 376mila euro euro ventilati. Insomma, bene che vada siamo rovinati. La spavalderia e la vanagloria con cui le Amministrazioni Perrone prima, Mazzilli poi, hanno gestito gli acquisti di Palazzo Gioia hanno cagionato danni incalcolabili.

Il primo acquisto (2007, poi reiterato nel 2010) è stato annullato dall’Autorità Giudiziaria; il Comune ha perso la proprietà del bene e gli oltre 3 milioni di euro investiti per trasformarlo in uffici e sale espositive (soldi spesi mentre il giudizio era in corso!), senza contare l’enormità dei danni che il Comune dovrà pagare al proprietario legittimo, ingiustamente privato del bene per 12 anni fino ad oggi.

L’”affare” “Palazzo Gioia” ha prodotto il miraggio di un arricchimento del patrimonio comunale e la triste realtà di una perdita di 3 milioni di euro, oltre ai danni a pagarsi; a tutto questo si dovrà aggiungere il milione di euro per l’acquisto prelazionato nel 2017.

Un fiume di denaro, stimabile in non meno di 5 milioni di euro, per ritrovarsi, alla fine, con solo due appartamenti, in primo e secondo piano, integralmente da ristrutturare. Incompetenza, quanto ci costi?»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • carlo mazzilli ha scritto il 17 marzo 2019 alle 05:24 :

    incredibile. se tutto corrispondesse ... basterebbe questo per...mah non fatemi dire brutte parole! Rispondi a carlo mazzilli

  • salvatore di gennaro ha scritto il 16 marzo 2019 alle 22:31 :

    L'incompetenza non c'entra nulla: in una democrazia, ripeto, in una democrazia, responsabile è solamente il popolo, o la maggioranza di esso, e non coloro che tale popolo, o la maggioranza di esso, manda poi a comandare. Per me, questi ultimi, sono del tutto incolpevoli. Se sono disonesti, se sono incapaci, male ha fatto il popolo, o la maggioranza di esso, a votarli. Chiaramente, sto generalizzando... Rispondi a salvatore di gennaro

  • Stefan Santarella ha scritto il 16 marzo 2019 alle 19:07 :

    Non sapete quanti retroscena ci sono sulla vicenda...forse è meglio che la gente sappia... Rispondi a Stefan Santarella