Le reazioni

Bomba carabiniere: solidarietà anche da M5s, Città Nuova, Lega e Rimettiamo in moto la città

Parole di «profonda solidarietà e vicinanza» al carabiniere coratino, vittima di un vile atto intimidatorio ai danni della propria auto

Politica
Corato martedì 04 dicembre 2018
di La Redazione
Boato nella notte, esplode un'auto in via Loi
Boato nella notte, esplode un'auto in via Loi © CoratoLive.it

Continuano le espressioni di condanna e solidarietà in seguito all'esplosione dell'auto del carabiniere coratino avvenuta nella notte tra domenica e lunedì.

«Esprimiamo la nostra sincera solidarietà e quella di tutti gli attivisti del Movimento 5 Stelle alle Forze dell'Ordine, oggetto del duro attacco malavitoso» scrivono i parlamentari Cinque Stelle Angela Bruna Piarulli, Francesca Galizia e Davide Galantino.

«La bomba della scorsa notte è l'ennesimo episodio che si aggiunge ai già numerosi eventi criminali che vedono Corato triste protagonista. Questo è il momento in cui la politica deve compattarsi per poter assecondare le richieste che le Forze dell'Ordine riterranno opportune per contrastare il fenomeno criminale».

«Profonda solidarietà e vicinanza al carabiniere coratino, vittima di un vile atto intimidatorio ai danni della propria auto, avvenuto nella notte del 3 dicembre» arriva dal gruppo politico di Città Nuova.

«Un attacco che colpisce il nostro concittadino ma evidentemente indirizzato alle forze dell'ordine e a tutte le istituzioni che lavorano senza risparmio per la sicurezza dei cittadini italiani.

L'attentato è anche un segnale preoccupante per la città di Corato: è necessario che le istituzioni locali, nazionali e la società intera si impegnino a tutti i livelli per contrastare l'illegalità, mostrando compattezza e responsabilità, sopratutto in un momento di sbandamento come quello attuale. Riteniamo sia necessario un intervento da parte del ministero dell'interno, per evitare che situazioni gravi come questa possano ripetersi e per ottenere risposte alla domanda di sicurezza che arriva dai cittadini, attraverso un incremento di uomini e mezzi idonei alla lotta contro la criminalità».

Dopo la condanna giunta dall'onorevole Sasso, si esprimono anche i vice segretari cittadini della Lega, Luigi Menduni e Marcello Mastromauro.

«Ieri notte la città di Corato è stata svegliata da una spaventosa esplosione che ha buttato giù dal letto centinaia di concittadini» afferma Menduni. «Un ordigno ha distrutto l’auto di un Carabiniere in Via Loi, causando danni ingenti ad altre cinque auto e abitazioni contigue. Questo è un episodio gravissimo per la nostra comunità, un violento messaggio intimidatorio nei confronti di un pubblico ufficiale e cittadino che quotidianamente si batte per la nostra sicurezza con coraggio e attaccamento all’Arma. Questo attacco diretto allo stato è inaccettabile, le autorità competenti stanno già indagando per risalire all’autore del vile gesto, perché episodi del genere non devono passare inosservati, non devono restare impuniti. Il punto focale del nostro programma elettorale è garantire la sicurezza dei cittadini, debellando ogni forma di vandalismo, intensificando la presenza di forze dell’ordine sul territorio, aumentando i punti di sicurezza passiva sparsi per il paese, illuminando le periferie per scoraggiare ogni attività criminale. La Lega esprime massima solidarietà al Carabiniere colpito e auspica una severa punizione all’attentatore».

«Un atto intimidatorio di una gravità inaccettabile ai danni di un carabiniere residente a Corato, ieri notte un ordigno rudimentale ha fatto esplodere la sua auto parcheggiata sotto casa e per fortuna non ha coinvolto nessun'altra persona che poteva trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato» aggiunge Mastromauro. «Ritengo che l’episodio meriti l'attenzione del prefetto di Bari e vengano intensificati i controlli notturni, ormai tra auto date alle fiamme e fatte esplodere, furti negli appartamenti, delitti e violenze di ogni genere, questa città non è più da considerarsi un’isola felice nella provincia di Bari. Adesso serve immediatamente la risposta dello stato, che intervenga per porre un freno a questa escalation di criminalità. Solidarietà assoluta alla vittima dell’attentato e anche a tutti coloro che sono stati danneggiati moralmente ed economicamente dal gesto».

«Il gravissimo attentato intimidatorio accaduto l’altra notte a Corato, ai danni di un Carabiniere in servizio ad Andria, impone a tutte le forze politiche cittadine, di aprire un serio dibattito sul tema della sicurezza e della criminalità organizzata - commenta poi Corrado De Benedittis dal movimento Rimettiamo in moto la Città - È urgente una reazione delle istituzioni e della società civile per impedire che possa subentrare la diffusa rassegnazione a una città violenta.

In pochi mesi, si sono succeduti eventi criminali di rilievo: dalla uccisione in largo Abazia del giovane Viktor, all’incendio di una villa, alla serie interminabili di auto incendiate, alla bomba della scorsa notte. Come di recente ha sostenuto, in un incontro promosso da Lions e Rotary a Corato, il dott. Antonio De Luce, Presidente del Tribunale di Trani, il problema della sicurezza va affrontato avendo una visione di sistema e intervenendo sulle criticità sia attraverso la repressione che attraverso la prevenzione e la rigenerazione sociale e urbana.

Di questi argomenti, purtroppo, non c’è praticamente traccia nel dibattito politico-istituzionale locale, a fronte, invece, di una realtà cittadina attraversata da fenomeni criminali gravi legati al mondo dell’usura e del riciclaggio, già oggetto, peraltro, di importanti inchieste. Piena solidarietà, quindi, al Carabiniere oggetto di questo grave atto intimidatorio e all’intero quartiere così violentemente segnato.

È necessario rompere il silenzio e intraprendere, con decisione, la strada verso la costruzione di una “Legalità del Noi” così come sostiene incessantemente il dott. Giuseppe Gatti Sostituto Procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Ettore miscioscia ha scritto il 04 dicembre 2018 alle 19:13 :

    Una persona che sfoga i suoi nervi con una macchina vuol dire che non a il coraggio di affrontare di petto il problema 20 anni si merita e sono anche pochi Rispondi a Ettore miscioscia

  • Ettore miscioscia ha scritto il 04 dicembre 2018 alle 16:51 :

    Non so chi sei carabiniere comunque non aver paura vai avanti per la tua strada sei un eroe Rispondi a Ettore miscioscia

  • Taken ha scritto il 04 dicembre 2018 alle 13:20 :

    Onore x il carabiniere di Corato che fa il suo dovere con coraggio e tanto impegno x l'arma è la società non mollare mai vai avanti con valore è coraggio x i politici che non servono più andate a cambiare le leggi a favore del cittadino onesto viva i carabinieri Rispondi a Taken