La vicenda

"Strade private a uso pubblico", i residenti chiedono un incontro al commissario straordinario

L'intenzione è quella di discutere la problematica e avere chiarimenti sulla recente installazione nella zona da parte del Comune di segnali di divieto d'accesso con l’iscrizione “proprietà privata"

Attualità
Corato domenica 13 gennaio 2019
di La Redazione
Via Grossi, una delle strade private e uso pubblico
Via Grossi, una delle strade private e uso pubblico © CoratoLive.it

Un incontro con le istituzioni per tentare di districare una volta per tutte l'ingarbugliata vicenda delle cosiddette "strade private a uso pubblico".

A chiederlo, attraverso una missiva inviata nei giorni scorsi al commissario straordinario, Rossana Riflesso, e al comandante della polizia locale,Paolo Milillo, è il comitato di quartiere "Via Gigante" che riunisce i residenti della popolosa zona Barbaschello.

L'intenzione è quella di discutere la problematica relativa a queste strade - il cui particolare "status giuridico" le rende da un lato liberamente percorribili da chiunque come una qualsiasi via pubblica mentre, dall’altro, impedisce al Comune di intervenire su di esse anche per le opere di manutenzione ordinaria, facendone ricadere i costi sui residenti - e, in più, avere chiarimenti sulla recente installazione nella zona da parte del Comune di segnali di divieto d'accesso con l’iscrizione “proprietà privata”.

«Da anni denunciamo alle diverse amministrazioni comunali, e ai vari organi competenti, le storture amministrative a cui è assoggettato questo quartiere, compreso tra via Andria e la zona mercatale» scrive il portavoce del comitato, Massimo Cifarelli.

Una vasto territorio di circa ottomila abitanti ove la maggior parte degli edifici, quindi interi palazzi, e locali adibiti ad attività commerciali, sussistono su strade che dall’inizio degli anni '90 furono dichiarate come “private ad uso pubblico”. Strade non gestite dall’Ente Pubblico e quindi a totale carico dei residenti su cui ricadono tutti gli oneri di gestione e manutenzione nell’ordine di illuminazione, gestione del verde e manutenzione del manto stradale quando è possibile.

In origine l’unico soggetto giuridico, secondo le convenzioni urbanistiche all’epoca sottoscritte tra pubblico e privato, ovvero tra l’allora Amministrazione Comunale e le imprese edili che costruirono edifici e strade, era il Consorzio denominato “Barbaschello”, questi avrebbe dovuto provvedere e vigilare ad un’azione di ripartizione delle spese di manutenzione e gestione nell’ordine di 1/3 a carico dell’Ente Pubblico e 2/3 a carico dei residenti. Di fatto questo Consorzio non ha mai funzionato e risulta essere in fase di “chiusura e liquidazione” già dall’anno 2004.

Queste strade sono regolarmente percorse indiscriminatamente da tutti, non solo dai residenti, e pertanto, a nostro parere, si ravvisa l’uso pubblico piuttosto che privato. Tale anomalia, più volte posta all’attenzione delle Amministrazioni Comunali, ha generato nel tempo degrado ed insicurezza poiché l’Ente Pubblico non ha mai voluto farsi carico della gestione delle suddette strade, elevando ad esasperazione il disagio ed il malcontento di noi residenti a cui nessuno ha voluto e/o potuto dare risposte e soluzioni.

A nulla sono serviti i vari appelli rivolti alle Civiche Amministrazioni seguiti da diverse petizioni con le quali chiedevamo che queste strade fossero acquisite al demanio comunale. L’ultima petizione fu discussa nel consiglio comunale dell’Amministrazione Mazzilli, ma le risposte a tal riguardo furono scarne e contraddittorie tanto che la questione fu rinviata da una parte a verificare se ci fosse la “volontà politica” di acquisire le strade al demanio comunale e dall’altra questo Comitato fu invitato a voler istituire un “Super Condominio” che costituisse soggetto giuridico in sostituzione al summenzionato Consorzio Barbaschello.

Ad oggi l’enorme numero di proprietari, originari ed aventi causa, di unità immobiliari site in questi ambiti urbani serviti da queste strade “private ad uso pubblico” ha reso impossibile ogni forma di organizzazione consortile o condominiale dei beni e servizi, anche in ragione del fatto che essi sono percepiti, ed effettivamente utilizzati, come beni e servi pubblici e di utilità per tutta la collettività.

Inoltre ultimamente non meglio precisati uffici comunali hanno arbitrariamente installato, ad inizio di diverse strade, segnaletiche verticali indicanti “proprietà privata”, causando, come se i paradossi già suindicati non fossero sufficienti, disagi e ulteriore confusione alla circolazione di mezzi e pedoni.

Più volte questo Comitato ha tentato di far notare che la giurisprudenza in tema di strade non considera tanto il titolo di proprietà quanto più l’uso in ragione del maggior vantaggio. Quindi se pur ci trovassimo al cospetto di strade di proprietà privata (e queste non lo sono poiché prive finanche del titolo) e le stesse fossero di utilizzo pubblico (come di fatto avviene), le stesse devono essere considerate pubbliche a tutti gli effetti e quindi iscritte agli elenchi comunali e gestite in maniera pubblica.

Inoltre la Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 3, nell’ordinanza 3 novembre 2016 - 7 febbraio 2017 nr. 3216 afferma che se la strada è privata, ma aperta al pubblico transito, il Comune è responsabile della sua manutenzione e gestione. Dunque il Comune ha l’obbligo di ogni onere e responsabilità, ed di tutti gli eventuali risarcimenti a persone e cose in caso di sinistri o danni a cose e persone qualora questi fossero dipesi da assenza di segnaletiche adeguate o in presenza di buche sul manto stradale.

Per quanto sopra, questo Comitato chiede alle SS.VV. di esaminare le questioni accennate e di mettere in essere ogni azione necessaria alla soluzione del problema, onde scongiurare ogni possibile inconveniente, e di renderci partecipi della richiesta d’incontro con la presente formulata».

Per favorire una risoluzione del problema, il comitato sta pensando di costituire un "soggetto giuridico" che possa meglio relazionarsi con gli organi competenti. «Successivamente - conclude Cifarelli - seguiranno comunicazioni ad ogni singolo condominio i cui residenti potranno delegare un proprio condomino alla formazione del costituente soggetto giuridico che sarà di tipo collegiale e avrà un responsabile eletto dall'assemblea».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Umberto Galassi ha scritto il 14 gennaio 2019 alle 11:18 :

    Una nota per la Signora Commissario del Comune di Corato che dovrebbe chiudere questa annosa questione con riferimento alla sentenza della Cassazione riportatata nell'articolo. I vigili se chiamati per questioni di viabilita' rispondono che non hanno competenza. A me sembra, e non vorrei essere irriverente, una situazione che non ha logica. Due esempi. Via Giacometti: un unico rettilineo che porta su via Trani. Una parte e' privata e una parte pubblica. Via Pasquale Vilella: collegamento tra Via Giacometti (parte pubblica) e via Ferrini anch'essa pubblica. Almeno ci spiegassero perche' questo ricorso a questo tipo di denominazione. Si dice che sia un modo di favorire una certa categoria e a questo punto mi chiedo: l'Amministrazione Comunale non dovrebbe agire nell'interesse dei cittadini? Rispondi a Umberto Galassi