Per tumulare un proprio caro serviranno 400 euro, che diventeranno 300 per chi rientra nella fascia Isee inferiore a 10mila euro. Nei giorni festivi o in orari non di servizio, il costo salirà a 600 euro

Tumulazioni: Giunta conferma le vecchie (e care) tariffe, ma nessuna maggiorazione per vittime Covid

​Non verrà applicata alcuna maggiorazione per le operazioni disposte d'urgenza dall'ufficio igiene per motivi igienico sanitari, in modo da non gravare ulteriormente sulle famiglie che hanno perso un familiare a causa del Covid​

Attualità
Corato giovedì 22 aprile 2021
di La Redazione
L'ingresso del cimitero di Corato
L'ingresso del cimitero di Corato © CoratoLive.it

Il dibattito si era aperto sul finire del 2020, in seguito alla segnalazione di un lettore che sottolineava l'esoso costo delle tumulazioni in città. E in questi giorni il cerchio si è chiuso con una delibera di giunta che il 12 aprile scorso ha riconfermato le tariffe comunali per i servizi cimiteriali.

Per tumulare un proprio caro, quindi, serviranno - come prima - 400 euro, che diventeranno 300 per chi rientra nella fascia di reddito Isee inferiore a 10mila euro, 200 se si tratta di feto o bambino al di sotto dei 10 anni. Se l'operazione verrà effettuata nei giorni festivi o in orari non di servizio, il costo salirà a 600 euro. Non verrà però applicata alcuna maggiorazione per le operazioni disposte d'urgenza dall'ufficio igiene per motivi igienico sanitari, in modo da non gravare ulteriormente sulle famiglie che hanno perso un familiare a causa del Covid.

A parte quest'ultima novità, non cambia, quindi, il tariffario che da diversi anni continua, immutato, a delineare i costi dei servizi cimiteriali, riconfermati nel settembre 2020 dal commissario prefettizio e ora anche dall'amministrazione comunale.

Nel dicembre scorso la questione arrivò anche sui banchi del consiglio comunale. Su domanda di Vito Bovino, il sindaco De Benedittis rispose: «Mi sembra una tassa iniqua, ma per procedere dobbiamo attivarci seguendo le procedure giuste. Uscirà un mio atto d'indirizzo in tal senso».

Allora come mai la Giunta ha riconfermato il tariffario? «Poiché è il primo bilancio di questa amministrazione - spiega Vincenzo Sinisi, assessore ai lavori pubblici e servizi connessi - pur ritenendo necessari diversi approfondimenti sulle tariffe, si è ritenuto dare priorità all'assetto generale del bilancio, per cui, tutte le tariffe sono state sostanzialmente confermate.

Si è voluta fare eccezione nello specifico alle tariffe definite a suo tempo per le tumulazioni, su cui si è scelto di non applicare la maggiorazione per le operazioni disposte di urgenza dall'ufficio igiene della Asl Bari "per motivi igienico sanitari. Tale scelta è stata una doverosa risposta a quelle famiglie a cui è venuto a mancare un proprio caro per il Covid 19. Ovviamente la piena operatività di questa scelta è temporalmente connessa all'approvazione del bilancio preventivo che si terrà nel prossimo consiglio comunale».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • luigi ha scritto il 23 aprile 2021 alle 14:59 :

    bravi,e meno male che dovevano rivederla....se ci confrontiamo con comuni limitrofi la differanza e' abissale....comunque io ho perso un parente strettissimo a causa del covid e ho pagato ben 200 euro in piu', cioe' 600 per la tumulazione fuori orario di servizio....vergognoso...che poi il virus del defunto esce dalla bara ? perche' mai poi la Salma nn poteva sostare nella camera mortuaria del cimitero? Per disposizione del dirigente sanitario dell'ufficio Igiene? le tariffe erano gia' carissime, e la nuova giunta le ha confermate...quindi nulla di diverso dalla vecchia giunta. Rispondi a luigi

  • lucypet ha scritto il 22 aprile 2021 alle 17:59 :

    ritengo il costo oneroso,e si vuole speculare sula morte ...effettivamente nn ci sono spese se nn la manodopera di circa 15 minuti degli operatori x sigillare il loculo...mi chiedo poi ma gli addetti alla tumulazione sono pagati con salari mensili dal comune? allora perchè un prezzo cosi elevato x apporrere due mattoni? Sindaco abbassi le tariffe che la gente muore sia di covid ma anche di fame, specialmente ora che molte attivita' sono chiuse...! Rispondi a lucypet

  • nicol ha scritto il 22 aprile 2021 alle 14:02 :

    da qua a cento anni a mia madre la farò cremare e la metterò insieme col marito cosi non faccio arricchire nessuno Rispondi a nicol

  • nerdrum ha scritto il 22 aprile 2021 alle 14:01 :

    aldo vangi anzichè diffondere fake vatti a vedere la deliberazione di giunta comunale nr. 17 del 11/03/2027 e precedenti con oggetto tariffe cimiteriali, per capire da dove vengono i 400 euro ed i 600. informatevi o tacete. l'unico lato oscuro è nella tua mente. Rispondi a nerdrum

    carlo mazzilli ha scritto il 22 aprile 2021 alle 21:00 :

    11/03/ 2027 ??? cioè dal futuro ??? sapevo che l'amministrazione comunale di corato è sempre stata avanti ... ma non credevo tanto ... Rispondi a carlo mazzilli

    Aldo Vangi ha scritto il 22 aprile 2021 alle 15:30 :

    DOVRESTI APPROFONDIRE MEGLIO CIO' CHE LEGGI O TI VIENE DETTO....Anche tu vai in confusione fra Tumulazioni e Inumazioni.... Rispondi a Aldo Vangi

  • Gigi Gusto ha scritto il 22 aprile 2021 alle 13:04 :

    ... state tranquilli dice il Sindaco “uscirà un mio atto di indirizzo”... quando? Booo. Uscirà, proprio come dovrà prima o poi fare lui , uscendo da palazzo San Cataldo e rendersi conto che lui è il sindaco e DEVE GIRARE PER LA CITTÀ Rispondi a Gigi Gusto

  • Aldo vangi ha scritto il 22 aprile 2021 alle 11:55 :

    Qualcuno confonde tumulazione con inumazione... Tumulazione é solo la messa a dimora della salma nel loculo ( quest ultimo può essere acquistato, cappella privata o di confraternite). L inumazione invece é la messa a dimora della salma nel terreno e comprende: scavo fossa, messa a dimora, altarini in legno e concessione decennale della fossa. La tariffa per l inumazione esisteva già dalla amministrazione Mazzilli, invece la tariffa per la tumulazione é stata introdotta a settembre 2020 dal commissario. Sotto questa vicenda ci sono molti lati oscuri.... Rispondi a Aldo vangi

  • Filippo ha scritto il 22 aprile 2021 alle 10:57 :

    La verità è che tra i comuni limitrofi, Corato è il più caro, per quando riguarda le spese per la tumulazione e anche per lo "scascio "!! E la cosa in questo momento in particolare la ritengo davvero vergognosa! Rispondi a Filippo

  • Antonio.m ha scritto il 22 aprile 2021 alle 10:42 :

    La "conferma" del cambiamento... Rispondi a Antonio.m

  • carlo mazzilli ha scritto il 22 aprile 2021 alle 10:28 :

    scusate , ma per morire gratis ... cosa bisogna fare? Rispondi a carlo mazzilli

  • Giovanni ha scritto il 22 aprile 2021 alle 09:40 :

    si, queste tariffe ci sono da anni. in questi giorni sono state riconfermate, con in più la novità dela non maggiorazione per covid che entrerà in vigore con l'approvazione dle bilancio Rispondi a Giovanni

  • Maurizio ha scritto il 22 aprile 2021 alle 09:26 :

    Mio padre è morto di covid a novembre scorso e queste tariffe ,era già in vigore! Quindi non capisco questa ripartizione di costi che è stata resa nota solo ora! Rispondi a Maurizio

  • Maurizio ha scritto il 22 aprile 2021 alle 09:12 :

    No caro signor Giovanni, le garantisco che c'è eccome!! Lo posso affermare con assoluta certezza, per esperienza personale! Rispondi a Maurizio

    Giovanni ha scritto il 22 aprile 2021 alle 09:19 :

    Ovviamente mi dispiace moltissimo per quanto le è accaduto, non volevo certo banalizzare. Questa novità nelle tariffe, leggo nella dichiarazione dell'assessore, entrerà in vigore non appena verrà approvato il bilancio, quindi immagino tra poco Rispondi a Giovanni

  • Francesco Labianca ha scritto il 22 aprile 2021 alle 08:17 :

    Vergogna vergogna questa è l'Italia che schifo Rispondi a Francesco Labianca

  • Cataldo di Corato ha scritto il 22 aprile 2021 alle 08:13 :

    Ma che GENTILI !!! Rispondi a Cataldo di Corato

  • Maurizio ha scritto il 22 aprile 2021 alle 07:42 :

    Invece, si va proprio a gravare sulle famiglie che hanno perso un caro per covid! Perché i motivi igienico sanitari, sono soprattutto per quelle morti ( in questo maledetto periodo),la cui " urgenza" di tumulazione, avviene esattamente, in gg festivi o fuori dell'orario ordinario! Quindi di cosa state parlando!!! Vista la situazione attuale, non dovevano più esistere fasce di costo, già 400 € è un costo esoso per chi magari ha perso il lavoro, poi se l'ha perso per covid ,fuori dall'orario ordinario, la tariffa sale a 600!! Al danno la beffa!!! VERGOGNA!!! Rispondi a Maurizio

    Giovanni ha scritto il 22 aprile 2021 alle 08:04 :

    se è fuori dall'orario ordinario per causa covid, la maggiorazione non c'è Rispondi a Giovanni

  • Ctarricone ha scritto il 22 aprile 2021 alle 06:42 :

    E poi dicono che le sinistre sono , da sempre , vicine ai cittadini! Meditate gente, meditate! Rispondi a Ctarricone

  • Stolfa Filomena ha scritto il 22 aprile 2021 alle 06:37 :

    Anni fa mi soffermati a parlare con un componente della nostra amministrazione comunale. Ritenevo ingiusto e assurdo un intervento sul cambio della pavimentazione nel centro storico. Non sto certo qui a raccontare nei dettagli la conversazione ma il consigliere mi disse: è troppo facile giudicare da fuori perché non sapete come funziona la politica. Detto questo, signori coratini la nostra parola val ben poco. Noi siamo buoni solo per pagare tasse e tributi per il resto dobbiamo accettare Rispondi a Stolfa Filomena

  • Artù ha scritto il 22 aprile 2021 alle 06:26 :

    Un pezzo di polistirolo una bomboletta di schiuma e 4 lavoratori per caso. Complimenti sindaco. Bella cosa ottimo introito comunale Rispondi a Artù

  • Aldo Vangi ha scritto il 22 aprile 2021 alle 05:30 :

    Complimenti alla nuova amministrazione.... Il business del deceduto ha vinto sul bilancio e sulla morale. Vergogna.. Una media nazionale di € 110 per le tumulazioni che a Corato ( paese ricco) diventano € 400. Rispondi a Aldo Vangi

    Rosanna Prisco ha scritto il 22 aprile 2021 alle 19:32 :

    Questo che sta a significare? Che tutto ciò che ruota intorno al covid è business Rispondi a Rosanna Prisco