Le parole della coratina

Boxe, Rosalba Marcone passa agli Assoluti italiani e va in semifinale

Domenica ha trionfato nel match contro l’atleta Federica Perfetto, accedendo ufficialmente alle semifinali del Campionato Italiano di Boxe Femminile 2021, disputato a Montecatini

Altri Sport
Corato martedì 07 dicembre 2021
di Angela Iannone
Boxe, Rosalba Marcone passa agli Assoluti italiani e va in semifinale
Boxe, Rosalba Marcone passa agli Assoluti italiani e va in semifinale © Foto Parise

«Se c’è una magia nella boxe, è quella di combattere battaglie al di là di ogni sopportazione, al di là dei pugni in faccia, delle costole incrinate e dei reni fatti a pezzi. È la magia di rischiare tutto per realizzare un sogno, o più semplicemente per scoprire e valicare i propri limiti, cosa che nessuno vede tranne te». Parlava così Morgan Freeman, alias Eddie Scrap Iron Dupris, nel film Million Dollar Baby, dimostrando come lo sport spesso diventi una metafora di vita, che ti travolge nel suo turbine di sfide, tra passione e determinazione. E ce lo continua a dimostrare anche la coratina Rosalba Marcone, che domenica ha trionfato nel match contro l’atleta Federica Perfetto, accedendo ufficialmente alle semifinali del Campionato Italiano di Boxe Femminile 2021, disputato a Montecatini.

L’atleta coratina, reduce lo scorso giugno della vittoria sulla campionessa italiana nei 69 kg Altadonna sul ring di Piacenza, ha gareggiato con la sua società reggiana Boxe Tricolore Olmedo, guidata dal maestro Valentino Manca, nella categoria dei 69 kg. «Ho esordito sul ring a marzo, nel quarto incontro disputato lo scorso giugno, c'è stato un match che ha acceso i riflettori su un mondo inedito, quello della boxe femminile, totalmente diverso dalla boxe maschile» racconta l’atleta Marcone. «Subito dopo ho gareggiato in altri tre incontri. La boxe, a differenza di altri sport è uno sport che ha dei tempi diversi».

«Ho avuto un buon ritmo, allenandomi con costanza, disputando un match al mese e facendomi trovare sempre pronta. A novembre ho partecipato ai WBL a Pompei, i Campionati a squadre della Woman boxing league. Ho vinto il mio match, ma il resto della squadra non ha vinto e non siamo andate avanti. Dopo dieci giorni, ho disputato un incontro con un'avversaria che aveva 52 match e quasi dieci anni di pugilato alle spalle. Sono arrivata a questi Campionati Italiani con solo sette incontri a otto mesi dall'esordio, cosa che rendeva difficile anche la convocazione. Invece è andata bene, sono meno esperta dalle altre, ma consapevole che sto vivendo un’esperienza meravigliosa che mi sprona a migliorare e imparare ancora»

Un traguardo che rappresenta un nuovo punto di partenza, dove il fattore X è nella mente e parte dal dialogo interiore  he ogni atleta deve avere per mantenere al massimo la propria concentrazione e la sicurezza delle proprie capacità. «In questo momento della mia vita, la boxe è il mio modo per meditare riflettere» conclude. «Sono le due ore della mia giornata in cui abbandono il caos della scuola, il frastuono dei ragazzi, il caos della mia vita e mi abbandono subendo il fascino di questo sport».

Lascia il tuo commento
commenti