​Ieri in consiglio comunale il sindaco Massimo Mazzilli ha annunciato di «prendersi qualche ora» per decidere se proseguire o no nel suo mandato di primo cittadino

Sindaco Mazzilli: «In queste ore deciderò se proseguire il mandato oppure no»

All’origine della decisione le affermazioni del consigliere Pomodoro: «da ora in poi non potrà più contare sul nostro incondizionato appoggio»

Politica
Corato mercoledì 05 settembre 2018
di La Redazione
Il sindaco Mazzilli
Il sindaco Mazzilli © CoratoLive.it

Quella appena trascorsa potrebbe essere una notte decisiva per la vita amministrativa della città. Ieri in consiglio comunale (cliccando qui è possibile rivedere i video del dibattito) il sindaco Massimo Mazzilli ha annunciato di «prendersi qualche ora» per decidere se proseguire o no nel suo mandato di primo cittadino. All’origine di questa decisione ci sono le affermazioni del consigliere Pomodoro, fatte per conto dei quattro consiglieri di Noi con l’Italia e di Giuseppe Roselli, Forza Italia.

Almeno in teoria, Massimo Mazzilli non può più contare sulla maggioranza. Nei fatti però, almeno fino a ieri, i punti all’ordine del giorno sono stati approvati.

«Oggi noi non avremmo dovuto essere presenti - ha esordito Pomodoro - La nostra assenza però avrebbe fatto pagare alla città un prezzo molto pesante. Noi da tempo abbiamo sbagliato perché abbiamo contribuito a generare un equivoco, quello che ci fosse una sintonia piena tra il nostro gruppo e il sindaco, o addirittura che quest’ultimo fosse condizionato dai nostri orientamenti. Fino a quando tutto va bene, il gioco può valere la candela. Quando non è più così, è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità. Nei rapporti, politici e personali. Anche chi sta parlando ha svolto la sua opera per cercare di farle portare avanti con dignità il suo mandato, come forza politica abbiamo addirittura lasciato un assessorato come quello all’urbanistica.

Non ce l’ho con gli assessori - pescati dalla strada - capisco che adesso facciano il gioco di squadra intorno al sindaco. Non c’è stato un minimo contatto prima di questa seduta, non è ammissibile. Abbiamo la pretesa di essere coinvolti e portare il nostro contributo: questo significa fare politica. Non siamo qui per alzare la mano. Ci si può chiedere perché siamo qui oggi. La risposta è semplice: ci siamo per lo stesso motivo per cui si siamo stati in altre occasioni. L’impegno di pensare alle prossime elezioni amministrative non deve avere intralci.

Nei lunghi anni di lavoro che ho alle spalle ho imparato che la cosa più difficile non è fare il direttore ma gestire delle persone. Lo stesso accade qui. Nello scorso consiglio, lo ricordo benissimo, avevo detto “signor sindaco, si dia una regolata”. Lei non è capace di regolarsi, e se non ha queste qualità non può fare il sindaco, non può fare il sindaco. Può essere la persona che sa tutto come, quando e dove, ma non può fare il sindaco. Perché il sindaco deve prima di tutto avere una squadra a sua disposizione.

Se la gente fosse stata coinvolta e considerata non si sarebbe tirata indietro. Oggi vogliamo dire la nostra, ancora di più rispetto a ieri. Siamo qui perché abbiamo il dovere di portare avanti il nostro ruolo. Lei deve decidere cosa vuole fare: noi più volte le abbiamo consentito di rimanere in vita come sindaco.

La invitiamo a ragionamenti più politici. Da ora in poi non potrà più contare sul nostro incondizionato appoggio. Pretendiamo in qualità di uomini, prima ancora che consiglieri, di essere considerati nelle scelte e non solo quando c’è da salvare la faccia. Non è una presa di distanza ma una chiarificazione che andava fatta tanto tempo fa. Sto rivendicando un diritto-dovere, altrimenti non sarei un buon consigliere. Io - ha concluso Pomodoro - finisco qui. Svolgerò il mio ruolo solo negli interessi della città».

«Mai metterò a repentaglio le esigenze della città - ha replicato il sindaco - Sapevo che, passato agosto, si sarebbe aperta la campagna elettorale. Lo sapevo ma non me l’aspettavo oggi. Non voglio essere trattato da scolaretto e nemmeno bacchettato sulle mani. Mi riservo una notte per capire se andare avanti oppure no.

E se i quattro anni e mezzo li avessi persi io? Mi sono ostinato a portare avanti il desiderio di servire la città, buona parte delle volte sono stata vittima. Chiederemo ai cittadini se intanto la città è migliorata o peggiorata. Sono stato legittimato dal popolo, mi sono messo il fardello sulle spalle e ho iniziato a pedalare. Non è vero che il dialogo è mancato, ci si è sottratti al dialogo. Come negli incidenti c’è sempre un concorso di colpe. Mai mi permetterei di andare avanti senza avere la certezza che ci sia una maggioranza. Su questo io faccio le mie riflessioni. Mi dovete dire se ci sono gli estremi per staccare la spina.

Se venisse il Commissario dovrebbe solo mandare in gara quello che è già pronto. Sono fiero di essere più tecnico e meno politico. Sono un cittadino rispettabile che sta qui a lavorare per 15 ore al giorno. Nel marzo 2015, quando mi fu proposta la candidatura, dissi che non volevo essere messo in mezzo a questioni politiche.

Devo fare mie riflessioni, profondissime. Mi sto ammalando in questo anno, se la maggioranza non c’è noi stiamo alle case nostre. Vi invito ad approvare i provvedimenti che sono già finanziati. Poi arriverà che ci si rivedrà. Su questo devo riflettere, pesantemente. Farò conoscere le mie determinazioni. Avendo fatto sport di squadra dico che se la palla non te la passano, devi uscire dal campo.

Prendo atto delle dichiarazioni di Pomodoro a nome di Noi con l’Italia e di Forza italia. Valuterò se ci sono le condizioni per continuare oppure no. Sembra che io mi sia arroccato in questo ruolo: ricordo a tutti che sono stato legittimato dal popolo, sulla base di un programma ben preciso. Sembra che il problema sia il mio, invece è di tutti. Ho operato per tutti, con la massima onestà. Forse anche con troppo sacrificio. Mi riservo qualche ora per riflettere e poi comunicherò le mie intenzioni».

Anche secondo il consigliere Cataldo Mazzilli «la bocciatura di Pomodoro dovrebbe essere davvero presa in considerazione». Ha «aperto una pagina importante» ha commentato Caputo: «la prima domanda è sempre la stessa: chi ha rotto l’armonia nel centro destra? Voi avete condizionato questa amministrazione dal primo momento».

Pomodoro ha registrato poi «un cordiale benvenuti a bordo» da parte del consigliere Tommaso Loiodice: perché ha «denunciato quello che noi dell’opposizione diciamo da sempre, l’incapacità di ascolto e di dare il giusto peso anche alle richieste di chiarimento».

«Sembra una seduta psicanalitica, con l’elaborazione del lutto - ha commentato Loizzo - Abbiate il coraggio di staccare la spina. Quale è il senso di questa amministrazione? Quale suggerimento si può dare a chi non ha più un orizzonte? Sindaco, come un fratello lo dico, basta. Abbia il coraggio di scrivere la parola fine».

Sulla stessa linea l’intervento della Mazzone: «il dato di fatto è che lei sindaco non ha la maggioranza. Sul sindaco ho detto spesso, tanto, invece resto basita dalle dichiarazione di Pomodoro: ben svegliato. A fine mandato vi siete accorti dei limiti del sindaco? Non è un politico, ha sempre fatto il tecnico ed è quello l’approccio che ha avuto nel suo mandato. Oggi Noi con l’Italia prende questa decisione con “l’amico Roselli”, come lo ha chiamato Pomodoro, pur avendo detto in passato che “non può definirsi un uomo di partito” per tutti i cambi che ha fatto.

Oggi Pomodoro avrebbe fatto meglio a non presentarsi proprio. In tutta questa attività siete stati complici. Voi vi state preparando la strada per la nuova campagna elettorale: Mazzilli andrà per fatti suoi e voi dall’altra parte. Intanto in questa città che cosa è successo? Con i problemi della città, ai coratini cosa importa di queste chiacchiere? Se il sindaco ha fallito, avete fallito tutti. Stiamo valicando ogni limite di decenza. Anche il peggior commissariamento sarebbe stato meglio di questa amministrazione».

«Per anni abbiamo accusato il sindaco che, per carità, le colpe le ha tutte - ha aggiunto la Marcone - Ora però proviamo a “copiare dai migliori”, per esempio in campo urbanistico».

Provocatorio l’intervento dell’ex sindaco Bucci: «sindaco, non ti dimettere, tanto i punti all’ordine del giorno saranno approvati. Qui non si sta parlando di questioni amministrative o di provvedimenti, ma del carattere di una persona, di telefonate fatte o non fatte. Questo è il teatro del nulla. In nessuno dei momenti di vita di questa amministrazione sono emersi motivi reali: tutto si è svolto sotto traccia. Dopo quello che è accaduto con Ventura, vedo soltanto equilibrismi a volte interrotti da manifestazioni di dissenso che però rientrano sempre».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Logica Dolorosa ha scritto il 05 settembre 2018 alle 15:55 :

    Ca nesciune e' fesse . E' chiaro che il Sig.Pomodoro sara' candidato sindaco se il sig.Perrone non lo sara', dunque da mesi dimenticano 15 anni di strettissima collaborazione. e le loro responsabilità. Rispondi a Logica Dolorosa

  • Mario 62 ha scritto il 05 settembre 2018 alle 15:40 :

    Mi sa che prima del sindaco devono andare via questi pseudi personaggi che stanno da 20/25 anni a fare bello e brutto tempo nell’amministrazione comunale. Rispondi a Mario 62

  • CATALDO ha scritto il 05 settembre 2018 alle 13:54 :

    Ma Pomodoro, Giuseppe Roselli :-( Mazzone (o Marcone ? boh?) ,Bucci, Loizzo, saprebbero far di meglio dell'attuale primo cittadino ? Mah !!! Rispondi a CATALDO

  • Ettore miscioscia ha scritto il 05 settembre 2018 alle 13:53 :

    Massimo va t rtir Rispondi a Ettore miscioscia

  • salvatore di gennaro ha scritto il 05 settembre 2018 alle 12:40 :

    La Politica, per chi ce l'ha nel sangue e (non "o") l'ha studiata seriamente negli atenei, dovrebbe essere un fatto elementare: ricercare il bene della collettività. Da noi, in Italia, non è stato mai così. E alla base di ciò vi sono state proprio le antitesi di quei principi: insensibilità ed impreparazione. Nel sud è stato facile, nei decenni precedenti, "comandare": la vecchia DC, mutuatasi poi in numerose altre sigle, l'ha fatta sempre da padrona, ed uno, diciamo, più scaltro degli altri, otteneva facilmente la dominanza. Ora, per i sopravvissuti di tale momento favorevole, è dura: anche i vecchi amici (?) ti lasciano, non avendo più alcunché da ottenere. Cosa consiglio a Massimo? Di continuare fino alla fine: il vero uomo si dimostra nelle dure salite, non nelle facili discese. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Cittadino deluso ha scritto il 05 settembre 2018 alle 12:03 :

    Caro Sindaco.... e c’è bisogno di chiedere se la città è migliorata o peggiorata??? Ma dove vivi... sulla luna??????? Ma ti rendi conto di quello che dici ????????? La miglior cosa è che CHIEDI SCUSA ai cittadini ed alla città, e te ne vai. Grazie!!! Rispondi a Cittadino deluso

  • Giò Gatto ha scritto il 05 settembre 2018 alle 11:02 :

    La spugna andava gettata molto prima. Chi colleziona insuccessi non lo capisce facilmente. La dignità vale meno di poltrone e selfie. Rispondi a Giò Gatto

  • camilla pesce ha scritto il 05 settembre 2018 alle 10:43 :

    è evidente che ci stia preparando alle prossime comunali. Molto lo si evince anche dalla posizione silente di altri partiti di maggioranza come UDC che aspettano di saltare sul carro dei vincitori, o almeno di scendere in anticipo da quello del perdente. Il tutto per meri interessi personali e di carattere lavorativo. La colpa non è dei personaggi, ma di chi li ha votati, e di chi li voterà ancora. è questo lo scempio che ci meritiamo, perchè non siamo capaci di cambiare chi ci sta vicino che magari sparla di tutti, ma poi sempre al personaggio va a votare ... il tutto per un interesse personale! Rispondi a camilla pesce

  • Michele Strippoli ha scritto il 05 settembre 2018 alle 09:05 :

    Noi cittadini abbiamo finito anche i pop corn. Rispondi a Michele Strippoli

  • Emme emme ha scritto il 05 settembre 2018 alle 08:36 :

    Mi spiace molto per le tante spallate ricevute dal sindaco ma la situazione è chiaramente insostenibile da tempo con i tanti cambi sia di casacca che di ruoli. Per me va presentata la dimissione ed anticipate le votazioni..comunque visto l’acceso dibattito di Palazzo Gioia senti di dire che l’ex sindaco Perrone non avrebbe mai dovuto iniziare i lavori altro che “i legali hanno detto che posso farlo” poiché sono sicuro dato la sua scaltrezza che su un bene di sua proprietà mia avrebbe rischiato oltre 3 milioni dì danari, pertanto, va instituita commissione apposita e mandare subito gli atti in procura e pagare di tasca propria i soldi dei coratini spesi per un bene non più loro per il grave danno erariale commesso da Perrone in primis con relativi consiglieri favoreli e Mazzilli e consiglie Rispondi a Emme emme

    vitantoniopatruno ha scritto il 05 settembre 2018 alle 18:59 :

    Egregio sig. Emme emme e cari coratini tutti di destra,sinistra,sopra e sotto avviamo una bella class action considerato che va di moda "chi ha sbagliato deve pagare" e non certo i cittadini. Sono curioso di conoscere i nomi dei "legali!!!!" che hanno affermato che i lavori si potevano fare, quantomeno per evitarli in eventuali richieste di pareri e/o difese. Rispondi a vitantoniopatruno