La risposta

Il Pd replica a Mascoli: «Per l'elezione a presidente non c'era il consenso delle forze politiche»

Giunge a distanza di poche ore il commento di Attilio Di Girolamo, coordinatore del Pd cittadino, in merito alla scelta del consigliere Salvatore Mascoli di lasciare il gruppo consiliare dei Dem e di approdare nel gruppo misto

Politica
Corato giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Il segretario del Pd, Attilio Di Girolamo
Il segretario del Pd, Attilio Di Girolamo © CoratoLive.it

«Posso immaginare che le sue azioni siano dovute alla mancata elezione come Presidente del Consiglio, che non é di mia nomina e riguardo la quale non avrei potuto fare nulla, non essendoci il consenso per la sua elezione da parte delle forze politiche. Come Partito tutto ció che si poteva fare in termini di riconoscimento politico é stato fatto». Commenta così Attilio Di Girolamo, coordinatore del Pd cittadino, la scelta del consigliere Salvatore Mascoli di lasciare il gruppo consiliare dei Dem e di approdare nel gruppo misto.

«Apprendo con meraviglia la scelta del consigliere Mascoli, con il quale nei giorni scorsi non ho avuto alcun contrasto» afferma Di Girolamo. «Peraltro ero in attesa della sua risposta rispetto la disponibilità a proporsi come Presidente della IV commissione consiliare. Tale disponibilità non é mai arrivata, nonostante le ripetute chiamate. Sono venuto a conoscenza solo ieri pomeriggio dal Presidente del Consiglio Valeria Mazzone, che ringrazio per avermi avvisato, che erano state protocollate le dimissioni dal gruppo consiliare e adesione al gruppo misto.

Posso immaginare - prosegue - che le sue azioni siano dovute alla mancata elezione come Presidente del Consiglio, che non é di mia nomina e riguardo la quale non avrei potuto fare nulla non essendoci il consenso per la sua elezione da parte delle forze politiche. Come Partito tutto ció che si poteva fare in termini di riconoscimento politico é stato fatto: é stato indicato come Capogruppo e proposto come Presidente della IV commissione consiliare, ció tuttavia, quando era ancora all'interno del gruppo consiliare del Partito» precisa il segretario.

«Per quanto riguarda la mia elezione a Segretario, il consigliere Mascoli non avendo mai avuto la tessera del Partito, ignora che é stata una decisione votata all'unanimità dal Coordinamento a seguito delle dimissioni del Segretario Natalino Petrone e ratificata dall'Assemblea, nonché all'esito di una discussione molto approfondita all'interno del Partito, attraverso il contributo fattivo di alcuni dei nuovi iscritti. Ad ogni modo - conclude Di Girolamo - auguro al Consigliere un buon lavoro all'interno della maggioranza, sperando che possa dare, pienamente il suo contributo in maniera coerente ed equilibrata».

Lascia il tuo commento
commenti