A un anno di distanza dal primo provvedimento governativo che come prima misura di contrasto al Coronavirus intimava la chiusura immediata dei teatri

Questa sera il teatro s'illumina: «Un simbolo ​per regalare luce allo spettacolo dal vivo»

Il Comune aderisce all'iniziativa "Facciamo luce sul teatro" di Unita, l'Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo

Attualità
Corato lunedì 22 febbraio 2021
di La Redazione
L'esterno del teatro comunale
L'esterno del teatro comunale © CoratoLive.it

Questa sera, a un anno di distanza dal primo provvedimento governativo che come prima misura di contrasto al Coronavirus intimava la chiusura immediata dei teatri nelle principali regioni del Nord, il sindaco Corrado De Benedittis e l'assessore alle Politiche culturali, Beniamino Marcone, hanno predisposto l'illuminazione degli ambienti a vista del teatro comunale, in adesione all'iniziativa "Facciamo luce sul teatro" di Unita, l'Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo. 

L'intento di Unita è quello di chiedere al nuovo Governo e a tutta la collettività che si torni immediatamente a parlare di teatro e di spettacolo dal vivo, che lo si torni a nominare, che si programmi e si renda pubblico un piano che porti prima possibile ad una riapertura in sicurezza di questi luoghi.

«Già durante l’intero periodo natalizio abbiamo voluto che il nostro Teatro fosse acceso. Segno di presenza, rilancio, rinascita, speranza» afferma l'assessore Marcone. «Siamo vicini al mondo della spettacolo, della cultura della nostra città, lo abbiamo dimostrato sin da subito e Natale Sospeso ne è stata la plastica e concreta espressione.  Abbiamo infatti promosso un progetto di teatro in streaming che da tutti gli addetti ai lavori è stato riconosciuto di alto spessore culturale e di esemplare livello organizzativo. Ci siamo anche ora. In occasione di questa giornata simbolica, voluta da Unita, illuminiamo anche a Corato il teatro comunale contemporaneamente a tanti altri teatri italiani per regalare luce al mondo della cultura e dello spettacolo. Perché lo spettacolo dal vivo, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, ritorni ad essere necessario ristoro dell’anima».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • tonico ha scritto il 22 febbraio 2021 alle 17:59 :

    Sindaco, codeste manifestazioni simboliche la sciano il tempo che trovano. A questa città , Corato, occorre concretezza. Il da fare è tanto. Dia un segno della Sua esistenza e del cambiamento. Anche un semaforo che funzioni nel senso che regoli concretamente il traffico è un segnale. Rispondi a tonico