La gara

​Nmc a Lecce per difendere il 3° posto. In campo i nuovi acquisti

Ieri l'annuncio di Milo Bacchini, play-guardia 29enne

Basket
Corato sabato 15 febbraio 2020
di La Redazione
Milo Bacchini, play-guardia 29enne
Milo Bacchini, play-guardia 29enne © Nmc

Settimana movimentata quella che si avvia a concludersi per la Nuova Matteotti Corato. Prima l'inattesa sconfitta interna in campionato contro Mesagne al PalaLosito, poi l'addio del capocannoniere della squadra Simonis, tornato in patria dopo la sua ultima prova monstre con 41 punti a referto. È stata poi la volta dell'annuncio del primo rinforzo arrivato a Corato, cioè Steponas Babrauskas, 35enne campione lituano. Ed infine, l’arrivo di Bacchini nel roster biancoblu, annunciato ieri sera dalla società.

Milo Bacchini, play-guardia 29enne, nato il 5 giugno 1990, e proveniente dalla Basilicata Sport, squadra di C silver lucana. Qui ha iniziato la stagione sportiva disputando 16 gare, con 281 punti segnati, oltre 17,5 di media a partita. Bacchini ha iniziato la sua carriera a Carmagnola (TO) ed è stata una delle rivelazioni assolute della Nertos Cosenza nella vecchia serie C nazionale nel 2014. Per lui non è la prima esperienza in Puglia, avendo già militato proprio a Cerignola, in una squadra diversa dall'attuale capolista del girone, e da giovanissimo nel 2011/12 proprio a Molfetta, squadra che si ritroverà di fronte da avversaria, stavolta con la maglia coratina, dove fu compagno dell'attuale coach Corvino.

Milo, ormai esperto delle competizioni regionali, ha segnato più di 2 mila punti in carriera, disputando stagioni di alto livello che, a Cerignola ed Alessandria, hanno coinciso con la vittoria del campionato. È un vero guerriero, uno di quei giocatori a cui un allenatore non rinuncia mai quando deve affrontare una battaglia. Gran difensore, gran lavoratore, è anche abile in fase offensiva, dove ha sempre realizzato oltre 10 punti di media a partita in ogni squadra in cui ha giocato.

Settimana che quindi si conclude con la trasferta a Lecce per la sesta di campionato contro la Scuola di Basket Lecce, squadra in cui milita il capocannoniere del girone, Nicolas Segura. Una gara diventata cruciale alla luce dell'andamento della formazione coratina, che ha dilapidato il vantaggio che aveva sulle quarte classificate ed ora si trova in classifica a braccetto a quota 26 punti con la Dinamo Brindisi. Vietato sbagliare quindi per la NMC, che deve subito ritrovare i due punti in un match per nulla semplice contro una buona squadra come Lecce.

La formazione salentina infatti è quasi imbattibile tra le mura amiche. In 9 gare giocate al PalaVentura ha vinto 7 volte e subìto solo 2 sconfitte, contro Brindisi e Barletta. Un avversario temibile dunque, nonostante nell'ultimo turno sia stato sconfitto di misura dal Monopoli 60-59.

Punti di forza della squadra di coach Lorenzo Leopizzi, oltre al già citato Segura, la coppia di play Colella e Laudisa, con il primo ancora decisivo a 41 anni. Attenzione anche al centro 33enne Dell'Anna ed alla giovanissima ala Pinto, in grado di essere offensivamente pericolosi. Formazione quindi importante e clima caldissimo quello che aspettano i coratini. Lecce infatti è la sesta forza del torneo, ed una nuova battuta d'arresto complicherebbe, e non poco, i piani di entrambe le squadre nella corsa playoff.

I coratini dal canto loro arrivano carichi all'appuntamento e lo staff tecnico biancoblu ha inserito negli schemi le new entry Babrauskas e Bacchini. Bisognerà vincere per uscire da una fase di campionato complicata, con tre sconfitte nelle ultime cinque gare, peraltro tutte interne, col PalaLosito diventato terra di conquista per chiunque fin qui nel girone di ritorno.

All'andata invece i due punti furono coratini, col 76-59, ed una partita sempre comandata dal primo all'ultimo minuto. Servirà una prova di forza e grande carattere in un match che si preannuncia bellissimo e spettacolare, con le due squadre che attaccano segnando quasi 85 punti di media ciascuna.

Arbitreranno la gara, in programma oggi alle ore 19, i signori Russo di Taranto e Capobianco di Pulsano.

Lascia il tuo commento
commenti