​Corato arriva a questa sfida con la giusta concentrazione, la pesante sconfitta dell'antivigilia non ha abbattuto gli uomini di coach Verile, che vogliono chiudere in bellezza questo 2018

Corato, chiusura con il botto: al PalaColombo è derby contro Bisceglie

L'Adriatica Industriale Basket Corato si appresta ad affrontare l'ultimo match dell'anno solare 2018 contro i vicini di casa della Lions Bisceglie

Basket
Corato sabato 29 dicembre 2018
di La Redazione
Adriatica Industriale Basket Corato
Adriatica Industriale Basket Corato © n.c.

Smaltita la sconfitta pre-natalizia patita in quel di San Severo, sabato 29 dicembre alle 20.30, al Palacolombo di Ruvo di Puglia, l'Adriatica Industriale Basket Corato si appresta ad affrontare l'ultimo match dell'anno solare 2018 contro i vicini di casa della Lions Bisceglie.

Corato arriva a questa sfida con la giusta concentrazione, la pesante sconfitta dell'antivigilia non ha abbattuto gli uomini di coach Verile, che vogliono chiudere in bellezza questo 2018. La squadra è al gran completo e nonostante il PalaLosito sia ancora inagibile, potrà contare anche in quel di Ruvo sul meraviglioso pubblico che qualche giorno fa ha festosamente invaso la daunia. La classifica neroverde recita "meno due" dai playoff, "più quattro" dai playout. La sfida contro Bisceglie potrà dare una dimensione definitiva a questa squadra, prima del turno di riposo dell'ultima giornata di andata.

I nerazzurri guidati da coach Marinelli non sono nel loro miglior periodo: tre sconfitte consecutive, ultima domenica scorsa in casa contro Fabriano per 56-67, più il turno di riposo e i conti sono presto fatti. Zero vittorie per la Di Pinto Panifici in un dicembre nerissimo, ma grazie ad una prima parte di campionato ad alti livelli, la formazione della BAT, naviga nelle parti nobili della classifica a quota 14 punti.

Il roster nerazzurro è di buon livello ed è costruito per puntare ai playoff. Il simbolo di questa squadra è certamente capitan Marco Rossi (9.8 ppg), classe 1981, una vera e propria autorità cestistica che dà classe ed esperienza al gruppo. L'ala grande Tredici, classe '92, porta punti pesanti a Bisceglie, il top scorer Cantagalli (17 ppg), play classe 1988 mortifero dalla distanza, mentre sotto le plance si alternano Tomassello (11 ppg) e il bielorusso naturalizzato Kushchev, che danno fisicità alla squadra, mentre la guardia Smorto garantisce più di 11 punti a gara. Un mix di esperienza e gioventù che rende la squadra nerazzurra una temibilissima avversaria.

I derby si sa, hanno un fascino e un'importanza particolare, quello di sabato può essere decisivo soprattutto per il morale oltre che per la classifica. Chiudere il 2018 con una vittoria sarebbe il giusto epilogo di un anno che i tifosi neroverdi ricorderanno molto, molto a lungo.
Lascia il tuo commento
commenti