Le regole

C'è un nuovo sport in città: il frisbee "plana" a Corato

Da quasi un anno Corato ha una sua squadra - la Disc&Disc - iscritta alla Fifd (Federazione Italiana Flying Disc). Un caso quasi unico nel centro Italia

Altri Sport
Corato mercoledì 04 novembre 2020
di La Redazione
La Disc&Disc
La Disc&Disc © n.c.

C'è un nuovo sport in città. È divertente, favorisce la socialità ed è facile da praticare: basta un disco di plastica e imparare poche semplici regole. È il frisbee e da quasi un anno Corato ha una sua squadra - la Disc&Disc - iscritta alla Fifd (Federazione Italiana Flying Disc). Un caso quasi unico nel centro Italia. Da Roma in giù di team ce ne sono solo due: quello della nostra città e i gravinesi di Sciamanìnn.

Ma partiamo dalle regole dell'Ultimate, la disciplina più importante della grande famiglia del frisbee. Si gioca su un campo in erba, naturale o artificiale poco importa. Cinque giocatori per squadra con cambi infiniti perché il dispendio di energie è tanto. Chi ha in mano il frisbee non può muoversi, sennò è infrazione (passi) ma può solo lanciare ad un compagno. L'unico movimento consentito è quello del piede perno per poter effettuare il movimento di lancio. Segna un punto chi riesce a portare - grazie all'armonica rete di passaggi - il frisbee oltre la linea di fondo. Chi arriva a 15 punti vince.

Una delle particolarità di questo sport è l'assenza di arbitro. Ci si autoregola. Incredibile, vero? Allo "Spirit of the game" che racchiude il fair play ma anche la conoscenza delle regole, viene assegnato un punteggio a parte. Cosa accade se viene commesso un fallo come, ad esempio, toccare il lanciatore? L'autore deve assumersene la responsabilità. Se c'è qualche dubbio se ne può parlare 30 secondi.

Il frisbee è stato portato a Corato da Simone Grosso che l'ha riscoperto nella sua vita da fuori sede a Milano. «In passato ho praticato tanti sport diversi - spiega - e quando mi regalarono un frisbee, con alcuni amici decidemmo prima di giocare con regole nostre, poi di approfondire la disciplina. A Milano, con il Cus, ho cominciato a giocarci seriamente fino a militare in B e in C».

La Disc&Disc nasce nel novembre 2019. Simone ne parla con l'associazione Francesco Ludovico Tedone che abbraccia totalmente la sua proposta. Dopo aver giocato alla villa Comunale, riescono a strappare qualche ora nella piccola palestra della scuola di viale Arno. Quella della struttura dove giocare rimane una delle problematiche più impellenti per chi pratica sport a Corato.

«Ci alleniamo sul campo di San Gerardo (almeno fino alla chiusura del centro in seguito al dpcm, ndr) - spiega Tiziana Tedone, vicepresidente dell'associazione dedicata a suo fratello Francesco - ma con la mia famiglia stiamo mettendo su un nostro campo lì dove vorremmo costruire una cittadella di sport, arte e cultura. Al momento stiamo ricavando uno spazio per poter giocare cinque contro cinque».

In squadra ci sono uomini e donne: è uno sport trasversale che si può praticare assieme. In tutto una quindicina. Ognuno di loro ha un soprannome che viene assegnato dall'allenatore. «È una tradizione», spiega Simone. La squadra avrebbe dovuto partecipare al suo primo campionato di Serie C quest'anno ma la pandemia ha spazzato via il torneo. Se ne riparlerà più avanti anche perché la pandemia ha, di fatto, limitato anche il frisbee. Intanto in questi mesi, allenamenti a parte, l'associazione ha organizzato qualche amichevole con i cugini di Gravina ed è riuscita a portare a Corato Massimo Pagnin, allenatore della nazionale under 24 mista. Quest'estate hanno messo su il primo torneo di Ultimate in Puglia che metteva in palio il "disco di pietra".

Perché praticare il frisbee? «Perché no? - ribatte Simone - È uno sport divertente, senza barriere ed è uno sport inclusivo. Le tradizioni, il terzo tempo, ci sono diversi momenti che uniscono. E poi è una sfida. Con l'ultimate, in un anno e mezzo di allenamenti puoi già giocare in un campionato ufficiale».


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • atomo ha scritto il 04 novembre 2020 alle 10:06 :

    grandi raga da essere in 4 state crescendo quando posso mi unisco a voi😂😂💪 Rispondi a atomo

    Thor ha scritto il 05 novembre 2020 alle 12:14 :

    La tua fama ti precede, aspettiamo tutti di conoscere il famigerato Atomo Rispondi a Thor

    Simone Grosso ha scritto il 04 novembre 2020 alle 13:03 :

    Quando sarà possibile giocare una partita vogliamo le attesissime pagelle di Atomo Rispondi a Simone Grosso

    atomo ha scritto il 06 novembre 2020 alle 17:51 :

    ovviamente io mvp Rispondi a atomo