Video, foto e interviste

Esperimento Gravel sulla Murgia coratina: Ivan Carrer vince a Tenuta Pedale

Gara nazionale disputata ieri su un veloce percorso di 17 km sotto gli occhi attenti della FCI Puglia

Altri Sport
Corato lunedì 29 marzo 2021
di Roberto Ferrante
Esperimento Gravel sulla Murgia coratina: Ivan Carrer vince a Tenuta Pedale
Esperimento Gravel sulla Murgia coratina: Ivan Carrer vince a Tenuta Pedale © Roberto Ferrante / CoratoLive.it

A metà strada tra la mountain bike e il ciclismo tradizionale. E non è il ciclocross. Una nuova disciplina si sta affacciando - decisamente senza aloni di timidezza - nell’ampio panorama delle specialità ciclistiche. È per chi ama le strade bianche e i ciottoli, ma non ha la fortuna di vivere a Siena o Roubaix, la velocità e i cambi di ritmo in fuoristrada ma non vuole limitarsi al solo inverno con il cross. Per chi predilige la linea al circuito. Si chiama Gravel, dall’inglese “ghiaia”, e sta nel mezzo. Come una bici da ciclocross, ma con i comfort della specialissima da corsa, sempre più ricercata dai cicloturisti ma, da poco, anche dagli agonisti.

Proprio per aggiungere quel tocco di brio che solo l’agonismo sa dare, c’è chi si ingegna ad allestire delle vere e proprie gare sperimentali. In questa direzione Corato è tra le città pioniere, grazie all’eclettica attività del Team Eurobike guidato da Capitan Carrer, uno col ciclocross nel sangue e che proprio non rinuncia alle emozioni invernali e desidera spanderle su tutte le stagioni. Così, con tutte le autorizzazioni necessarie in tempo di pandemia, concesse solo alle gare di interesse nazionale, durante la domenica delle palme 2021 nella Murgia coratina è andata in scena la 1^ Gravel Nazionale “Tenuta Pedale”: 100 partecipanti su un percorso di 17 km da ripetere 2 volte con un’unica importante asperità sulle pendici del Cecibizzo e tanta velocità. È infatti nel tracciato la differenza con la mountainbike - mezzo comunque ammesso a partecipare alla gara - prediligendo sterrati leggeri e ben battuti in luogo di tratti sconnessi, e pietrosi. E non è un caso se le tre posizioni del podio siano state monopolizzate da bici gravel o ciclocross. La disciplina preferita, quest’ultima, di Ivan Carrer - vincitore - e del fratello Vittorio, secondo. No, un caso nemmeno questo.

Quella di Tenuta Pedale, con un arrivo in parata tutto in famiglia, è la prima vittoria stagionale per Ivan Carrer, portacolori del progetto transregionale Puglia-Lazio della plurima Team Bike Terenzi-Eurobike, reduce da qualche gara sfortunata su strada caratterizzate da cadute senza gravi conseguenze. Continua l’ottimo stato di forma di casa Carrer dopo il podio teramano del fratello Vittorio la scorsa settimana.

Terzo assoluto al traguardo l’ucraino Yan Pastushenko, vecchia conoscenza dei colori coratini e ora in forze al Pedale Elettrico, autore di una gara tutta in rimonta e contraddistinta da una notevole dose di grinta. Città di Corato sugli scudi grazie anche al terzo posto juniores di Dario Pisicchio, da quest’anno alla Polisportiva Cavallaro di Bisceglie, a completare un podio tutto neroverde. Il “solito” Mimmo del Vecchio porta a casa l’oro nella categoria M6 e Gaetano Loiodice chiude la spedizione locale con il 3° posto nella categoria M1 (Quarat Bike).

In gara, su un percorso privato della salita, anche le categorie giovanili. Tra gli allievi ha trionfato Andrea Rocchetti (Team Bike Martina Franca) e tra gli esordienti Marco Russo (GS Salentino). Tra le ragazze allori per Rosmery Marco (Allieva - ASD D+) e Angelica Brucoli (Esordiente - Avis Bike Ruvo).

Il ciclismo in fuoristrada tornerà in agro coratino, ancora una volta nella zona del Pedale, con un’altra gara nazionale: l’11 aprile sarà il turno del Memorial Cataldo Livrieri, organizzato dalla Quarat Bike su uno spettacolare percorso disegnato interamente sulla collina del Cecibizzo. Specialità Cross Country della MTB.

Lascia il tuo commento
commenti