Tutti in palestra con il grande campione paralimpico Luca Mazzone

Giornata di grande slancio sportivo e non solo all’Istituto d’Istruzione Superiore “A.Oriani-Tandoi “ di Corato

News
Corato lunedì 08 novembre 2021
Speciale scuola CoratoLive.it
Tutti in palestra con il grande campione paralimpico Luca Mazzone
Tutti in palestra con il grande campione paralimpico Luca Mazzone © n.c.

Giornata di grande slancio sportivo e non solo all’Istituto d’Istruzione Superiore “A.Oriani-Tandoi “ di Corato, il 4 Novembre 2021. «Il Dirigente Scolastico, i docenti e gli studenti - racconta Maria Barile della IIA del liceo delle scienze umane - hanno accolto con grande entusiasmo il campione paralimpico Luca Mazzone che vanta numerosi riconoscimenti sportivi e ben quindici titoli mondiali. La sua storia sportiva ha suscitato una grande emozione in tutti i presenti e la sua visita ha riscosso un grande successo. Prima del suo arrivo, la palestra è stata addobbata con cartelloni, striscioni, nastri, palloncini che richiamavano i colori della bandiera italiana e immagini salienti delle gesta sportive del campione, così da renderla più accogliente e capace di far rivivere un autentico spirito olimpico.

Gli studenti rappresentanti  le classi coinvolte hanno accolto Luca Mazzone all’ingresso della scuola, lo hanno accompagnato in palestra sulle note dell’inno di Mameli che ha creato subito l’atmosfera adatta ad accogliere un campione di livello mondiale. E’ stata preparata anche una coreografia di benvenuto, seguita dal discorso di ringraziamento del Dirigente Scolastico che ha omaggiato Luca per il valore della sua testimonianza e per la sua presenza tra gli studenti dell'Oriani -Tandoi. La professoressa Elicio M. in qualità di capo dipartimento delle scienze motorie ha rivolto a Luca un saluto a nome di tutti i docenti evidenziando che grazie allo sport si possono superare molti ostacoli e sviluppare le proprie abilità. Insieme abbiamo voluto confutare il pregiudizio più comune sulla disabilità associata da sempre alla debolezza.

Hanno fatto seguito alcuni interventi degli studenti che, con le loro domande, hanno posto  in risalto l 'importanza dello sport fra i giovani. Luca Mazzone nel rispondere ai quesiti posti ha sempre evidenziato quanto sia importante impegnarsi e sacrificarsi per raggiungere i traguardi a cui si ambisce. E’ stato presentato anche un power point riguardante la sua vita per ricordare a tutti che nonostante le innumerevoli difficoltà, Luca Mazzone è riuscito ad  essere un campione nello sport ma anche e soprattutto nella sua vita, dimostrando che i limiti non esistono poiché è riuscito anche a completare i suoi studi interrotti a causa dell’incidente e a formare una bella famiglia. Nel raccontare la sua esperienza,  ha sottolineato che la famiglia gli ha insegnato che non bisogna mai arrendersi ma che è importante essere caparbi e sistematici per ottenere risultati soddisfacenti. Luca ha evidenziato più volte che all’inizio ha dovuto farcela da solo con le sue forze ma lo sport è stato la carta vincente della sua vita. Attraverso l’esperienza raccontata da Luca Mazzone gli studenti hanno compreso che tutti possiedono delle fragilità e sta a noi affrontarle e superarle: sicuramente lo sport costituisce una grande opportunità  per noi tutti. Grazie campione!»

«Grazie Luca di essere qui oggi» è stato il saluto della dirigente scolastica, Angela Adduci. «. La gioia e l’orgoglio per i tuoi successi è enorme. Hai contribuito con le tue vittorie alle Olimpiadi di Tokio 2020 a rendere felici e orgogliosi tutti gli Italiani ma in particolare noi Pugliesi. Quando sul podio sventolavi il tricolore hai dimostrato che lo sport non è mai fine a sé stesso ma ci rende davvero fratelli e sorelle d’Italia. Questa è stata una grande estate per lo sport come ha detto il nostro presidente Sergio Mattarella: “Voi atleti siete stati squadra, avete dimostrato amicizia ed integrazione tra di voi e avete sollecitato attenzione allo sport e a praticare sport”.

Lo sport italiano, in questa estate da sogno, ha evidenziato un solo volto quello di un paese vincente, resiliente, multietnico, inclusivo e solidale. Luca, tu ci dimostri che, grazie allo sport si possono superare molti ostacoli e sviluppare le proprie abilità: lo sport diviene, dunque, un nuovo punto di partenza. Partendo dal presupposto che la comunicazione è prima di tutto educazione, vogliamo confutare il pregiudizio più comune sulla disabilità associata da sempre alla debolezza, ed educare ad un mondo dove nulla è impossibile, basta volerlo, impegnarsi e affrontare con caparbietà le difficoltà, individuare percorsi comunque appaganti, meglio ancora se condivisi con gli amici.

Luca sei per noi testimone di speranza per tanti che non riescono ad uscire dalle proprie paure quotidiane o da pregiudizi infondati. Proviamo, quindi, tutti insieme prendendo esempio da te a sostenere che “non dobbiamo mettere un punto laddove può esserci una virgola”. Proviamo a risvegliare la tenacia dell’atleta paralimpico che alberga in ognuno di noi. Mettiamo un punto agli stereotipi, ai luoghi comuni, ai pregiudizi. Impariamo dunque che ciò che è diverso da noi è esclusivo e straordinario, un "unicum" e come tale ha un gran valore come una vera e propria opera d’arte. Grazie Luca».