Alla pettè de mèste Lallùcce

Gerardo Strippoli include nella rubrica un altro vero e proprio zechelàune.

Corato - venerdì 09 maggio 2008
Alla pettè de mèste Lallùcce
Alla pettè de mèste Lallùcce © n.c.

Anche i lavori più umili, se svolti con dignità, abnegazione e disponibilità, possono elevare al rango di “nobiltà”, quella vera, quella dell’animo, la nobiltà di coloro che meritano e si guadagnano il rispetto degli altri.


E’ questo il caso di un umile artigiano, anch’egli, secondo me, da annoverare nella schiera de “Le Zechelùne”: mèste Lallùcce u scarpàre.


Mèste Lallùcce (che sta per Catallùcce, diminutivo di Cataldo) era un ciabattino molto conosciuto in paese, perché molto bravo e preciso, capace di recuperare un paio di scarpe, anche se ridotte in malo modo. Ciò era importantissimo quando le scarpe costavano tanto, le famiglie erano più numerose e le possibilità economiche erano scarse. Le scarpe prima di essere buttate erano sfruttate fino “all’osso”, facevano il giro dei componenti il nucleo familiare, man mano che i figli crescevano.


Mèste Lallùcce, con il suo umile lavoro di artigiano, contribuiva perciò a questo risparmio delle famiglie: ròsciue (rattoppi di suole), mèzze sòle (mezze suole), suole intere, tàcche, saupatàcche (tacchi e sopratacchi), ferrìette (ferretti), cusetùre (cuciture), ‘ngullatùre (incollature), tengiùte (tinture) mettevano i clienti in condizioni di sfruttare ancora le calzature.


Mèste Lallùcce era famoso anche per il suo sapere dialogare di tutto; era sempre al corrente di tutte le notizie, dicerie comprese, e intratteneva i suoi clienti con una cordialità unica, nella sua piccola bottega, colma di cataste di scarpe di ogni tipo.


Ma c’era la particolarità più forte: mèste Lallùce non aveva la possibilità di deambulare perché una malattia gli aveva fatto perdere l’uso delle gambe ed egli (scherzo del destino o volontà caparbia?) aveva voluto specializzarsi nel dare agli altri la possibilità di camminare comodamente: un vero e proprio zechelàune!



Mèste Lallùcce


‘Mòcche tène re semezzèlle,

assìse stè sàupe o sgabbèlle,

tène ‘nànze u vanghetìedde,

màine dù còlpe pu martìedde.


Ammandène ‘màne ne scarpàune,

accòste, de chìdde, ne mendàune,

tùtte rùtte oppure sfennàte,

sòtte a ìdde ièssene aggestàte.


Scarpìne, chianìelle, zoccolètte,

vòrze, curràisce, stevalètte,

pìenze do vòlte prìme de scettà

pùortere a Lallùcce a sestemà.


Ròsciue, tàcche e ferrètte

inde a nùdde cùdde mètte,

quatte sòlte te fàsce patisce,

camìne bùone e cumbarìsce


Mèndre c’aspìette dìsce le fàtte,

sàpe tùtte sàtte-sàtte,

de chère ca seccède ìnde a Quaràte

pùre c’alla sègge stè ‘ngatenàte


‘Idde ca pàsse nan pòte scummòve,

te fàsce scì ‘ngìre pe scarpe nòve,

cìerche permèsse e tràse cùcce-cùcce

quànne vè alla pettè de mèste Lallùcce.


Gerardo Giuseppe Strippoli


Semezzèlle = chiodini sottili e corti

Vanghetìedde = banchetto

Mendàune = catasta

Scarpìne = scarpa bassa da uomo con lacci

Curràisce = cintura

Ròsciue = rattoppo

Cùcce-cùcce = in tono dimesso e rispettoso

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti