Le Zechelune

di Mimmo Mazzilli

Corato - venerdì 19 ottobre 2007
Le Zechelune
Le Zechelune © n.c.

Ci sono alcune parole che spesso attirano la mia attenzione.


Questo accade più di frequente per le parole dialettali, ovviamente coratine. I motivi sono i più diversi. In genere sono: il suono, la similitudine con parole straniere e la sintesi concettuale ( spesso poche sillabe esprimono in maniera unica un concetto complesso).


Queste parole, per me speciali, fanno sbizzarrire senza limiti la mia fantasia. Una semplice parola dialettale, a volte di pochissime sillabe, può permettermi di fantasticare liberamente, di immaginare situazioni, persone e fatti, i più vari. Un termine che recentemente mi ha colpito e che spesso mi torna in mente è una di quelle parole dialettali strane, oggi poco utilizzate.


Non vi è in italiano un termine simile, si rassomiglia però nel suono ad un vocabolo inglese, anche se le due parole hanno un significato del tutto diverso, ma forse, azzardando, chissà qualcosa in comune ce l’hanno. Questa parola coratina è Zechelaune al plurale zechelune. Il suono richiama subito alla mente il vocabolo inglese clown ( pagliaccio).


Vediamo cosa significa nel dialetto coratino. Zechelaune: Uomo scaltro, volpone. secondo il dizionario etimologico coratino del compianto prof. Cataldo Bucci. A questo significato credo possano aggiungersi altri.


A riguardo mi torna alla memoria il gioco dei noccioli di albicocca: si giocava in vari modi, ciascuno aveva in comune lo scopo di vincere i noccioli dell’avversario. Gli ossi in questione, infatti, si vendevano e ciò consentiva di racimolare qualche soldino. U zechelaune era il nocciolo più grosso, diverso dagli altri, si distingueva perchè era più importante degli altri.


Quindi l’altro significato: Colui o ciò che si distingue in maniera positiva dagli altri. Un terzo significato, un po’ diverso ma simile ai precedenti, si riferisce a colui che riesce bene nella sua professione, nello sport, nell’arte, nella sua attività , ecc.. Una persona molto brava e quindi eccezionale .


E’ il momento di inserire un po’ di fantasia. Consideriamo ora la parola al plurale: Zechelune.


Mi vengono in mente alcuni personaggi coratini del passato. Persone semplici, schiette, nella loro diversità ricche di molta umanità e serenità. Persone note e conosciute in città per la loro particolarità, spesso derise o poco considerate. E’ questo il significato più bello di Zechelune .


Ora pochi si ricordano di loro e in futuro lo saranno ancora meno.


A queste persone perciò, ho voluto dedicare la poesia in vernacolo che segue:


Stiedde cadende


Na sàire d’estate

me sendàie stangate


me scettiebbe ’nderre straiàte

a vedàie u ciele stellate.


Mèndre stàie tutte congendrate

ad acchjamendà chidde pendidde allumate


sc-scandiebbe a vedàie

na stelle ca cadàie.


Nan faciebbe a timbe a pigghiarme do sc-scande

ca ne vediebbe cadàie tande.


Ogni stelle tenàie ne nàume

erre totte na processiàune.


La prime tenàie scritte gruosse grosse : Cittadine

e sotto chjù picciu: U Bannetore de le Quaratine


Po’ saupe a n’alta stelle lesciebbe: Sisine

la principesse ca addevine


ca pe na certe stravaganze

pe tutte tenàie parole de speranze.


Vediebbe po n’alta stelle , paràie venì da nu alte munne

appena appene se lesciàie: Vengienze Bum


venàie do Paravise

m’acchiamendò e se facì na rise.


Prenne prenne apparerene do stiedde accucchiate

Ciccille la Iata e u ciucce sgubbate


Sote sote se ne sciàine, ogni tande se fermaine

e chiane chiane tutte u ciele s’aggeràine.


Arrevò na stelle totta speciale

lesciebbe: Fonzine la Cambiale


Sotte stàie scolpite aggarbate

“La soche pagate! La soche pagate!”


E po na stelle me venì vicine vicine

nan petiebbe fa a mene de lesce : Lanarda u Facchine


mu arrecorde, erre precise e sembre felisce

all’autobus u acchieve per pertarte la valisce.


Doppe picche venì na stelle pu bastoncine

saupe stàie ’mbresse: Ba Felecette u Fandine.


Arrevò po n’alta stelle longhe e strette

erre Vitucce pu trainette


ca ad ogni pizze de strade per ne file de voce

vennàie scoupe da la mattine a la osce.


Ne picche chiù lendane, abbannate a na vanne

stàie la stelle de Catalle u Scanne


ca sembre ’nziene se pertàie e sicce percè

ne vanghetiedde a dongatè.


All’ulteme arrevò la stelle de Catalle u Me

ca quanne parlàie nan la specciàie me.


Chesse stiedde lesciebbe, ma ne zembiebbe chiù d’une

Ce peccate le Quaratine Zechelune.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti