Whatsapp
«La panchina, sotto la pensilina, è segretamente occultata dal rigoglio. Uno scenario poetico, se non fosse per il pericolo di inciampare, se non addirittura di cadere, prima ancora di sedersi»