​«Per sopraggiunti problemi nella loro tournée italiana la compagnia NoGravity Dance Company ha cancellato tutte le date di gennaio» scrivono dal Teatro pubblico pugliese

Annullato lo spettacolo “Comix”. Lo sostituisce “Sogno di una notte di mezza estate”

Il 20 gennaio in scena la compagnia AltraDanza invece della NoGravity Dance Company

Spettacolo
Corato mercoledì 16 gennaio 2019
di La Redazione
Sogno di una notte di mezza estate
Sogno di una notte di mezza estate © n.c.

Ancora cambi nell’ambito della stagione teatrale del comunale. «Per sopraggiunti problemi nella loro tournée italiana - scrivono dal Teatro pubblico pugliese - la compagnia NoGravity Dance Company ha cancellato tutte le date di gennaio dello spettacolo “Comix”, compresa la replica programmata a Corato, Teatro Comunale, per il prossimo 20 gennaio. Lo spettacolo verrà sostituito nello stesso giorno e stessa ora con il balletto “Sogno di una notte di mezza estate” della compagnia AltraDanza».

Il cast. Danzatori: Alessia Carbone, Michele Colaizzo, Paola De Filippis, Silvia Di Pierro, Ida Frau, Daniela Giannuzzi, Stefania Longo, Rosalia Moscato, Serena Pantaleo, Federica Resta; Voce: Vito Signorile; Voce: Antonella Di Noia; Maître de ballet: Milena Di Nardo; Musiche: Felix Mendelssohn; Regia e Coreografie: Domenico Iannone.

La sinossi dello spettacolo. L’ultima opera coreografica di Domenico Iannone, “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare, che ha debuttato 21 luglio 2018 al Teatro Abeliano di Bari, può essere considerata un’operazione dalla struttura tecnica in perenne evoluzione. Iannone mantiene e rispetta il testo shakespeariano collocando “quei” personaggi”, “quegli spazi” in un tempo che non può essere quello contemporaneo del drammaturgo inglese, ma nemmeno odierno: le infinite combinazioni che il coreografo applica alla danza classica, gli permettono di “raccontare” fedelmente le sfumature psicologiche caratteristiche di tutta la letteratura shakespeariana. Mantiene il focus su Oberon e Titania con inclusioni della danza contemporanea alla storicità della danza accademica: la danza è senza tempo, la danza non ha uno “stile” e esprime lo stato d’animo che il danzatore interpreta raccontando con il corpo.

necessaria una profonda preparazione professionale per un “azzardo” artistico. Con questa radicata esperienza, Domenico Iannone mette in scena tre delle arti del teatro che rappresentano la storia stessa del teatro: la recitazione, la danza classica, la danza contemporanea. Un “dialogo” interculturale tra l’interpretazione degli attori con le parole, interpretate in versi come da testo originale e lo “specchio” della danza. Il danzatore è il “riflesso” dell’attore e viceversa e tutti in un unico racconto, un’unica opera. Questa maestria gli consente di cogliere l’attenzione dello spettatore non solo di quello preparato alle opere di Shakespeare e quindi al “teatro”, ma anche di quel pubblico amante della danza pura.

Avvalendosi di ottimi attori professionisti quali Vito Signorile e Antonella Di Noia, e ballerini di grande qualità, “Sogno di una notte di mezza estate” incanta con le musiche di Felix Mendelssohn, e genera quelle emozioni che Shakespeare, maestro da sempre, trasmette.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette