Sabato sera il concerto della cantante barese

Anna Oxa incanta Corato: «Felice di esibirmi nella mia terra»

Con il "Voce Sorgente Tour" per festeggiare i 18 anni di Radio Italia Anni 60

Spettacolo
Corato domenica 15 luglio 2018
di Ingrid Vernice
Anna Oxa nel suo
Anna Oxa nel suo "Voce Sorgente Tour" © N.c.

Trasformista, eclettica, sconvolgente, Anna Oxa è sbarcata a Corato così per una delle tappe del suo "Voce Sorgente Tour". Il concerto è stato l'occasione per festeggiare la maggiore età di Radio Italia Anni 60. L'artista ha salutato il pubblico pugliese dicendo di essere molto felice di potersi esibire nella sua terra.

Il Parco Comunale di via Sant'Elia, nella serata di ieri, ha accolto i numerosi fan della cantante accorsi per ascoltare la voce graffiante e precisissima della Oxa. Grandi successi come “Tutti i brividi del mondo”, “Un'emozione da poco", “Quando nasce un amore” e per concludere “Pagliaccio azzurro”, hanno suscitato apprezzamenti e grandi applausi, a dimostrazione che una magnifica artista rimane tale senza curarsi del tempo che passa.

Nello spettacolo la cantante barese ha eseguito i brani più celebri della sua carriera riarrangiati in funzione del nuovo gusto musicale dell'artista, sempre in costante evoluzione. Fluida, senza forma, impetuosa ed inarrestabile come l'acqua, elemento naturale a cui il tour è ispirato.

Voce sorgente tour
Il tour nasce dopo uno stop di alcuni anni. Uno spettacolo denso di emozioni che ripercorre la carriera della Oxa, artista mai uguale a sé stessa e sempre in continuo divenire.

«Non c'è nulla di statico in questo spettacolo. Sono note che si combinano, si mescolano, si muovono, proprio come l'acqua. Irrequieta e dolce allo stesso modo, senza mai farsi ostacolare, con una forza senza freno. È nata per scorrere, per fluire, per donarsi. Senza l'acqua non c'è vita, noi stessi siamo fatti di acqua. Troppo spesso ci dimentichiamo la nostra origine presi dalle piccolezze del quotidiano e non prendiamo esempio dal primo elemento. L'acqua, inarrestabile, prosegue per la sua strada, lasciando ciò che era per quello che diventerà. Dovremmo ricordarci di prendere esempio» spiega l'artista.

Le canzoni non sono repertorio ma sono urgenza sorgiva. Come se prima non ci fossero mai state né più ci saranno dopo che sono scorse. La produzione artistica dello spettacolo è di Oxarte con la direzione (artistica) di Anna Oxa.

Biografia
Anna Oxa, nome d'arte di Anna Hoxha, è una delle cantanti iconiche della musica italiana. Nata a Bari nel 1961, ha iniziato ad esibirsi nei pianobar della città, con l'accompagnamento al pianoforte del maestro barese Sabino Sciannelli, mentre a 15 anni ha inciso il suo primo 45 giri, per una piccola etichetta barese, contenente il brano Fiorellin del prato, scritto da Mario Panzeri trentasei anni prima.

Ha debuttato nel 1978 con l'album Oxanna e il singolo Un'emozione da poco, uno dei brani più noti del suo repertorio insieme con altre canzoni come È tutto un attimo, Donna con te, Quando nasce un amore, Senza di me, Storie, Senza pietà, Tutti i brividi del mondo e Ti lascerò, per citarne alcune.

Nella sua carriera numerosissime le collaborazioni con altri grandi artisti come Fausto Leali, Ivano Fossati, Lucio Dalla, Amedeo Minghi, Rino Gaetano, Giorgio Gaber e Roberto Vecchioni. Ha avuto modo di reinterpretare brani anche di Claudio Baglioni, Francesco De Gregori, Fabio Concato e Lucio Battisti, oltre a cover di Patti Smith e John Lennon. Ha partecipato per quattordici volte al Festival di Sanremo, risultandone vincitrice in due occasioni: la prima nel 1989 con Ti lascerò, in duetto con Fausto Leali, e la seconda nel 1999, da solista con Senza pietà.

Icona di stile
§Affascinante, ammaliante, carismatica, Anna Oxa, oltre che per la sua particolare voce vibrante, è nota per il suo trasformismo in fatto di look. Tra le cantanti più eccentriche della musica italiana, ha sempre fatto parlare dei suoi outfit e della sua grande capacità di sorprendere; iconico il suo abito elegante da uomo, camicia, cravatta e pipa accompagnato da un taglio di capelli corto in stile punk e trucco pronunciato per l'esibizione al Festival di Sanremo.

È con gli anni ’80 che Anna Oxa ci regala i suoi look più originali, quando nel 1983 si tinge i capelli di biondo e comincia ad essere una femme fatale secondo i canoni della moda anni ’80: cotonatura, spalline, abiti luccicanti e sgargianti sono all’ordine del giorno. Sul palco di Sanremo nel 1986 Anna Oxa fa scandalo per la prima volta, non più per l’ambiguità sessuale e il fascino punk di qualche anno prima, ma perché mostra l’ombelico durante l’esibizione di “È Tutto Un Attimo“. Con la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 lo stile di Anna Oxa cambia nuovamente, lasciando spazio a lunghi abiti eleganti e fascianti che risaltano la sua bellissima silhouette. Dal 2000 in poi i suoi look traggono ispirazione dalla natura, con l’utilizzo di colori tenui e forme oversize.

Lascia il tuo commento
commenti