Il premio

Gold medal per l'extravergine bio di Granoro al "Biol international prize"

Importante riconoscimento per Granoro in occasione della più importante competizione internazionale che ha premiato i migliori oli evo prodotti nell’annata 2020/2021

Corato martedì 04 gennaio 2022
di La Redazione
Gold medal per l'extravergine bio di Granoro al
Gold medal per l'extravergine bio di Granoro al "Biol international prize" © n.c.

Il 2021 si è concluso con un importante riconoscimento di qualità per Granoro e il suo olio extravergine d’oliva biologico, a cui è stato assegnata la “BIOLNOVELLO Gold Medal” in occasione del Biol International Prize 2021, il prestigioso concorso per il miglior olio extravergine di oliva biologico del mondo, svoltosi a Matera. La competizione rappresenta la più importante manifestazione internazionale dell’intero settore dell’olio extravergine di oliva per numero di partecipanti (produttori olivicoli), numero di paesi coinvolti, numero di esperti e consumatori coinvolti, citazioni sulla stampa specializzata e non. 

Per Granoro la Gold Medal ottenuta al Biol, assegnata ai migliori oli evo biologici prodotti nell’annata 2020/2021, è una ulteriore conferma della volontà di esprimere un forte legame con il proprio territorio. L’olio extravergine di oliva biologico Granoro è prodotto con olive delle varietà “Coratina” e “Ogliarola” coltivate con le metodiche dell’agricoltura biologica, provenienti dalle campagne che circondano Corato, sede del Pastificio Granoro. Sono raccolte a mano, con il sistema della “bacchiatura”, frante col metodo tradizionale e premute a freddo senza utilizzo di pesticidi e concimi chimici di sintesi. Il gusto è fruttato, appena piccante con un profumo delicato, una miscellanea di essenze tipiche della nostra Murgia, conservando le sue qualità organolettiche e nutrizionali sia a crudo che in cottura. Il colore è giallo con riflessi verdi. La sua acidità naturale è mediamente di 0,5%, al di sotto del valore massimo stabilito dalla normativa vigente (0,8%) per gli Extra Vergini di Oliva.

Lascia il tuo commento
commenti