Speciale Elezioni

Speciale Elezioni 2020

Le News
La lettera integrale

Carlo Sacco ai candidati sindaco: «Uniti per il bene della città»

Carlo Sacco scrive ai tre candidati sindaco che hanno formalmente annunciato la candidatura (Longo, De Benedittis e Quinto) ma anche all'ex senatore Gino Perrone

Politica
Corato martedì 30 giugno 2020
di La Redazione
Carlo Sacco
Carlo Sacco © Coratolive.it

Giornalista, volto televisivo e protagonista - nelle prime battute della scorsa campagna elettorale - con il progetto politico "Forza 4", poi defilatosi poi dalla competizione perché troppo sovraffollata. A più di due mesi dalle prossime amministrative, Carlo Sacco scrive una lettera destinata ai tre candidati sindaco che hanno formalmente annunciato la candidatura (Longo, De Benedittis e Quinto), ma anche all'ex senatore Gino Perrone.

«Tempi straordinari richiedono donne e uomini straordinari, ne stiamo avendo prova in questo momento nuovo e drammatico, dove abbiamo visto la forza di tanti professionisti, sanitari e non solo, di tanti cittadini e imprenditori che si sono adoperati con creatività per reinventarsi e per essere d'aiuto agli altri. Ed i politici coratini, saranno all'altezza del tempo straordinario e grave in cui ci siamo trovati, nel dover amministrare a breve la nostra comunità?

Me lo domando in questi giorni e sento che tutti dovremmo avere il coraggio di osare qualcosa di nuovo, abbandonando il solito modo di fare politica per dimostrarci capaci di creare coesione e non divisione in un frangente tanto difficile. Anche il Papa, facendosi voce direi di un sentire morale universale prima che religioso, ha chiesto che i politici cerchino il bene della comunità e non quello della propria parte politica, e credo che sia un desiderio molto diffuso, anche se continuamente smentito dalla scena politica nazionale e locale.

Allora vorrei avanzare una proposta, abbandoniamo per un po' i soliti strumenti della politica (che tanto si sono sviliti nel tempo), le polemiche, le frecciate, le reciproche accuse, la preclusione gli uni alle idee degli altri. Mettiamoci tutti insieme al lavoro per il bene della nostra comunità. Una sorta di armistizio partitico, per i prossimi cinque anni, per dire che vogliamo rialzarci insieme da questo momento drammatico per la nostra Città, per dire che le polemiche politiche sono piccola cosa rispetto al cataclisma che ci ha colpiti.

Oso anche di più: per quanto possibile accantoniamo il metodo delle decisioni nelle "segrete stanze", sforziamoci di sederci attorno ad un tavolo rappresentanti politici e della società, e di ragionare e confrontarci fino ad arrivare a scelte condivise. È un modo diverso di esercitare la democrazia, che tanti di noi già sperimentano in contesti associativi o lavorativi, e funziona nella misura in cui si condivide l'obiettivo di fondo e si accetta il punto di vista dell'altro. Poi dopo aver scelto i rappresentanti a Palazzo San Cataldo la maggioranza dovrà fare lo sforzo di considerare che solo integrando le idee delle opposizioni si dà conto della totalità della cittadinanza, e la minoranza dovrà riconoscere il giusto peso a chi è stato scelto dalla maggioranza dei votanti.

Per chi amministrerà la Città ci sarà tempo per un intenso lavoro: il bilancio del Comune va in larga parte riscritto, bisogna dare risposte ai tanti che sono usciti più fragili economicamente o socialmente da questa emergenza sanitaria, bisogna probabilmente ripensare gran parte delle proposte e delle attività che il Comune organizza o sostiene, bisogna ridisegnare una serie di servizi. Bisogna ridare un volto al nostro stare insieme.

Sarebbe stupido pensare che tutto questo lavoro straordinario non possa che essere migliore ascoltando il contributo di tutti e se tutti siamo concentrati per rispondere alle necessità della nostra comunità piuttosto che strumentalizzare polemicamente ogni scelta o proposta. È chiaro che questo vorrebbe dire rimodulare le posizioni più divisive per definire un orizzonte comune (che poi lo troviamo già nella Costituzione e nelle dichiarazioni dei diritti dell'uomo). Dovremmo fare reciprocamente dei passi di avvicinamento.

Parto io indicando un passo, dare fiducia unitariamente ad una coalizione ampia che veda tra Angela Quinto, Gino Perrone, Corrado De Benedittis, Nico Longo e i politici locali tutte le forze democratiche e coerenti che senza indugi dia una svolta a questa città.

Rispondo in anticipo a due facili obiezioni. La prima è che le posizioni sono troppo distanti e che per tanti motivi il dialogo è già troppo compromesso. Lo capisco, costerebbe molta fatica a tutti, ma se i passi di incontro sono reciproci e veri è preferibile per il bene comune fare quei passi faticosi piuttosto che restare nel proprio orizzonte di riferimento, più comodi ma fermi. Credere nella democrazia vuol dire anche questo.

La seconda è che è io non sono nessuno per decidere tutto questo. Vero, ma un momento come questo non l'abbiamo mai vissuto, ed è di fronte a questa drammatica novità che avanzo questa idea. Sarebbe solo per un certo periodo, poi dal 2025 potremmo tornare ai nostri programmi, alla critica intransigente e ai facili mezzi per acquisire consenso, ci resterebbe comunque tutto il tempo per il bene della nostra Città.

È vero, forse per un'operazione del genere servirebbe gente di una statura politica che forse noi non abbiamo, ma nei momenti straordinari ciascuno di noi è capace di tirare fuori risorse inaspettate, perciò io dico che ci potremmo provare. Io sono disponibile, ma funziona solo se lo facciamo tutti».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mappe Piacere ha scritto il 30 giugno 2020 alle 05:34 :

    Non so se sembra più una letterina a Babbo Natale dove si chiede la pace bel mondo invece dei regali ma poi la mattina del 25 si piange a dirotto per non aver trovato nulla sotto l'albero o un sermone di quelli belli belli qualunquistici che da un pulpito dorato viene rivolto a persone in pelliccia e gioielli. Ma che davvero davvero oooh!? Rispondi a Mappe Piacere

    il contabile ha scritto il 30 giugno 2020 alle 06:53 :

    Condivido ogni singola parole... Parole vuote! Il sistema attuale necessita di velocità mentale e capacità di stare ai tavoli dove si prendono le decisioni e si programma il futuro prossimo. Siamo all'interno di un sistema molto complesso che non può piu aspettare forme di eccessiva condivisione e "cosidetta democrazia". Rispondi a il contabile

  • Gaetano Bucci ha scritto il 30 giugno 2020 alle 08:58 :

    Questa lettera è apprezzabilissima in quanto esprime una necessità, oltre che un sentimento diffuso tra i coratini. C'è da chiedersi se una consigliatura di "unità comunale" sia possibile alle attuali condizioni e con i personaggi politici citati. Credo sarebbe molto difficile visto le posizioni, i profili, le storie, le proposte e gli obiettivi. Possibili sarebbero, invece, sforzi di sintesi pre-elettorale. E, infine, perché C. Sacco prima scrive da "cittadino" e poi conclude da "aspirante politico"? Una contraddizione che, a sua volta, smentisce le "buone intenzioni" della lettera a Coratolive. Rispondi a Gaetano Bucci

    Carlo Sacco ha scritto il 30 giugno 2020 alle 10:48 :

    Gentilissimo Prof Bucci io non avanzo nessuna candidatura ma solo disponibilità a dare un contributo per far dialogare le parti.... Rispondi a Carlo Sacco

  • nerdrum ha scritto il 30 giugno 2020 alle 11:27 :

    pragmatismo, palle, capacità decisionale anche in deroga a tutti i santissimi crismi della burocrazia (oggi persino il carrozzone dell'anac è in discussione), visione ampia della città e delle sue problematiche, spunti da esperienze di gestione fatte altrove, governo forte della città dove nn ci sia spazio per gli sterili tazebao delle opposizioni..... un solo nome insomma. Rispondi a nerdrum

  • Gaetano Bucci ha scritto il 30 giugno 2020 alle 14:03 :

    Ottima e cortese la precisazione di C. Sacco, sebbene dalla chiusa della lettera non si capisse. C'è stata nel frattempo il niet di Longo, ch'è tutto dire. C'è De Benedittis che ha cancellato la parola alleanza dal suo vocabolario. C'è Quinto una neofita, neonata candidato di che parte non si sa. E c'è il l'eterno immarcescibile fantasma di Gino Perrone che sta apparecchiando pupi scene e storie. Quindi, ci risiamo. Piuttosto, caro Sacco, si stimoli un dialogo civile per dire a diversi cataplasmi, nuovi e vecchi: "Fatevi da parte, Corato non vi vuole perché avete dato prova non amare la città". Poi largo ai giovani di idee e ai buoni di cuore. Credo che lei condivida ciò. Rispondi a Gaetano Bucci

Altri contenuti