Ambiente

Progetto “Strade provinciali pulite”: dalla Regione 4 milioni a Comuni e province

È in corso di pubblicazione il bando di 3 milioni per l’individuazione dei soggetti che si occuperanno del servizio di rimozione dei rifiuti, mentre un milione sarà destinato all’acquisto di fototrappole

Politica
Corato sabato 23 maggio 2020
di La Redazione
Progetto “strade provinciali pulite”
Progetto “strade provinciali pulite” © n.c.

Giornata di lancio del progetto regionale denominato “Strade provinciali pulite” curato dall’assessore all’Ambiente Gianni Stea di concerto con l’Ager, con le province pugliesi e con la città metropolitana di Bari. Tre milioni di euro per finanziare un articolato piano, a supporto del servizio ordinario, per il contrasto all’abbandono illecito di rifiuti sulle strade provinciali pugliesi sovente trasformate in discariche a cielo aperto a causa dell’incuria e dell’inciviltà.

“Attraversando le strade a scorrimento veloce lungo il tragitto che abitualmente percorro per tornare a casami capita di trovare di tutto, poltrone, lavatrici, biciclette, materassi,sino a rifiuti più pericolosi per la salute, come ad esempio lastre in amianto, batterie usurate, pneumatici bruciati, scarti di lavorazione di ogni genere”, dichiara l’assessore all’Ambiente Gianni Stea che continua: “è ora di intervenire a tutela e salvaguardia del nostro territorio, poiché prima di arrivare sulle coste per godere del nostro splendido mare, o di raggiungere i nostri centri storici, i santuari mete di pellegrinaggio e turismo religioso, insomma prima di apprezzare le bellezze naturali e paesaggistiche che la Puglia ha da offrire, dobbiamo pensareche queste strade provinciali sono quelle che vengono percorse per raggiungere i comuni costieri piuttosto che i borghi interni e rappresentano il biglietto da visita di tutti i pugliesi.”

È in corso di pubblicazione, a cura di Ager, il bando per l’individuazione dei soggetti che si occuperanno, su base provinciale, del servizio di rimozione, raccolta straordinaria e conferimento dei rifiuti, mentre un ulteriore milione di euro sarà destinato all’acquisto di fototrappole con funzioni di controllo e prevenzione degli atti illeciti e vandalici.

Per la prima volta - spiega il direttore generale di Ager, Gianfranco Grandaliano - si è proceduto, di concerto con la Regione, le province, la città metropolitana di Bari e i Comuni a definire un piano davvero organico che mira a infliggere un duro colpo al fenomeno, incivile, dell’abbandono dei rifiuti sulle strade extra-urbane, prevedendo quindi non solo la rimozione, ma anche attività di prevenzione e repressione mirate a evitare il futuro ripetersi di comportamenti che penalizzano fortemente il territorio, sia dal punto di vista ambientale che turistico”.

Le strade oggetto degli interventi di raccolta straordinaria sono state individuate su indicazione di ogni singola provincia e della città metropolitana in considerazione del maggior traffico veicolare e della valenza turistica.

Le risorse sono state ripartite sulla base di diversi indicatori frutto di uno studio effettuato da Ager, tra cui l’estensione territoriale, la popolazione residente (dati Istat), la presenza turistica (dati 2019), la lunghezza complessiva delle strade provinciali, tanto al fine di costituire un quadro dei fabbisogni e garantire una efficace assegnazione di fondi per bacino provinciale.

Entro questa settimana sarà pubblicato il bando di gara per l’affidamento del servizio di rimozione dei rifiuti abbandonati sulle strade provinciali e quindi di trasporto e avvio allo smaltimento/recupero nel rispetto della normativa vigente.

Mentre al fine di garantire il corretto utilizzo delle fototrappole e la gestione delle eventuali sanzioni amministrative, le provincie pugliesi, attraverso la polizia provinciale e la polizia locale, saranno impegnate ad assicurare il giusto presidio e controllo territoriale con il supporto necessario e aggiuntivo della vigilanza ambientale regionale.

Le attività saranno dettagliate nell’ambito di un protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione Puglia, Anci Puglia, le Province di Lecce, Foggia, Brindisi, Taranto, Bat e Città Metropolitana di Bari. Le appraecchiature fornite saranno in grado di rilevare e registrare su supporto informatico la commissione di violazioni costituite dall'abbandono di rifiuti. Le fototrappole saranno concesse in comodato gratuito alle amministrazioni locali che ne facciano richiesta in considerazione del numero di abitanti e dell’estensione territoriale, queste saranno collocate, a cura delle amministrazioni locali, in prossimità delle strade pubbliche provinciali maggiormente interessate dal fenomeno dell'abbandono dei rifiuti. Un'iniziativa salutata con estremo favore da Province e Comuni che hanno assicurato piena collaborazione ed operatività.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • fc ha scritto il 27 maggio 2020 alle 14:34 :

    A chi compete pulire le strade? Chi non vede e poi fà finta di spaventarsi? E tutti questi ambientalisti che stanno in giro a farsi le foto non hanno mai visto e denunciato mai nulla. E le istituzioni, le amministrazioni perchè non intervengono? Allora mettete da parte l'ipocrisia e la falsità perchè bisogna intervenire con immediatezza, punire i colpevoli, gli incivili e tutti coloro che per mestiere fanno i politici e i funzionari pubblici solo per hobby. Rispondi a fc

  • Facciamo schifo ha scritto il 24 maggio 2020 alle 19:15 :

    Ma le immondizie che si vedono lungo le nostre strade, sono abbandonate da noi bravi e civili cittadini che non possiamo recarci all'isola ecologica perché troppo impegnativo, al contrario con un semplice gesto gettiamo tutto dal finestrino della nostra auto mentre rientriamo dalla VILLA in campagna o al mare a bordo della nostra lussuosa macchina, con accanto la nostra bella donna che si fa il selfie…. Rispondi a Facciamo schifo

  • Taken ha scritto il 24 maggio 2020 alle 14:24 :

    Invece di sprecare soldi pubblici x questo progetto inutile x risparmiare è facile gestire la situazione chiamare tutti i personaggi che usufruiscono il reddito di cittadinanza metti agruppi di persone elavorano nella bonifica del comune di Corato è limitrofi è risparmiare sui costi e fatto è se stavo io a comandare lo facevo senza problemi è io pago Rispondi a Taken