La richiesta

Crollo del prezzo delle olive, Emiliano chiede incontro urgente al ministro Bellanova

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha inviato una lettera al Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova

Politica
Corato mercoledì 12 febbraio 2020
di La Redazione
Il ministro Teresa Bellanova
Il ministro Teresa Bellanova © n.d.

Non si placa il disagio degli agricoltori a causa dei prezzi delle olive particolarmente bassi. Sulla questione, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha inviato una lettera al Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova.

«In queste ore - scrive Emiliano - sono stato sollecitato dai rappresentanti della filiera olivicola pugliese, fortemente preoccupata dagli esiti del terzo avviso pubblico europeo finalizzato a ritirare dal mercato le quantità eccedentarie e mantenere alti i prezzi dell’olio di oliva. Nella riunione che ho convocato ieri 11 febbraio, sono emerse rilevanti criticità relative all’attuazione del Regolamento di Esecuzione (UE) 2019/1885 sull’Ammasso privato dell’olio d’oliva.

I partecipanti alla riunione hanno sottolineato con forza come la crisi del mercato dell’olio, agli occhi di Bruxelles, risulti un problema circoscritto a Paesi quali Spagna, Portogallo o Grecia e non sembra assolutamente affliggere l’Italia, tanto meno la Puglia, benché proprio quest’ultima, nonostante Xylella e gelate, sia il maggiore produttore del nostro Paese.

Si tratta di uno scenario desolante, frutto degli orientamenti impressi a chiare lettere nella decisione adottata dalla Commissione Europea, e che richiama responsabilità evidenti del nostro sistema Paese assente nella discussione che ha portato alla adozione della decione.

Di fronte al crescente disagio del settore causato dai prezzi delle olive particolarmente bassi, in questi mesi ho insistito nel sollecitare gli agricoltori ed i più importanti operatori privati a stoccare rilevanti quantità di olio e ad utilizzare il regolamento comunitario di sostegno all'ammasso privato. In questo modo il nostro settore olivicolo avrebbe potuto godere di evidenti vantaggi: da una parte, la compensazione delle spese per chi si impegnava a mantenere per 180 giorni l’olio in deposito; dall’altra, prezzi di mercato più alti per tutti gli agricoltori grazie alla minore quantità di prodotto in vendita.

È triste dover riscontrare che, proprio nel momento in cui alcuni gruppi di aziende pugliesi riescono a partecipare al bando europeo, con la proposta di ritirare dal mercato ben 20.000 tonnellate di olio extra-vergine di oliva, le relative offerte vengono rifiutate dalla Commissione perché il costo per tonnellata al giorno risulta di pochi centesimi più elevato rispetto a quella proposto dai concorrenti, anche se questi si impegnano a stoccare olio di diversa qualità (vergine e lampante). Ulteriori motivi di rammarico sono rappresentati dal fatto che l’approvazione delle offerte sia avvenuta senza aver potuto interloquire con alcuno che avesse potuto dare conto di decisioni assunte in apparente mancanza di limiti di budget e con criteri ignoti agli stessi partecipanti.

Nonostante gli sforzi compiuti e i relativi investimenti, ci ritroviamo, perciò, ad incassare un risultato disastroso, frutto di un regolamento comunitario orientato a favorire imprese e modelli produttivi di altri Paesi, sicuramente meno orientati alla qualità. In questo riconosco un sistema iniquo, che ci penalizza fortemente e sottolinea l’incapacità dei nostri referenti di sovrintendere agli interessi della nostra agricoltura in sede europea. La stessa disattenzione peraltro già riscontrata allorché le imprese pugliesi avevano dovuto rinunciare a partecipare al secondo bando per via dei ritardi con cui AGEA aveva emanato le Linee Operative e della conseguente difficoltà di conformarsi ad esse in tempi brevi. Se allora si è taciuto, confidando nell’auspicato risultato agli esiti del successivo bando, oggi risulta difficile non esprimere amarezza.

La determinazione con cui oggi sono stati posti sul tavolo i temi suesposti, mi spinge a chiedere che venga convocata presso il Ministero una riunione tecnica con carattere d’urgenza e, comunque, entro il 20 febbraio p.v., prossima data per la presentazione delle proposte di ammasso, al fine di valutare in che modo porre rimedio alle richiamate disattenzioni e restituire dignità all’operato di quanti si sono organizzati per poter rispondere adeguatamente alle richieste della commissione europea.

A tal fine, e nelle more di una consultazione tecnica della Commissione Politiche Agricole della Conferenza delle Regioni, volta a verificare se altre Regioni abbiano registrato analoghe criticità, comunico sin d’ora la disponibilità ad un incontro».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Taken ha scritto il 14 febbraio 2020 alle 11:41 :

    E olive sono finite ma ci prendiamo in giro caro Emiliano ora si pota l'albero d'ulivo x la nuova stagione olivicola periodo di votazione siete tutti bravi x risolvere il problema ma andate a zappare la terra e vedere i risultati del nostro lavoro Rispondi a Taken

  • Cataldo Ferrara ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 20:39 :

    Emiliano bisogna riconoscere che è stato molto tempestivo,😂😂😂. La raccolta delle olive è terminata da un pezzo, sarebbe il caso che qualche suo amico politico glielo dicesse. C'è un proverbio andriese che recita ""prima fanno scappare le vacche e poi cercano le corna"😂😂😂😂. Emiliano vattin và Rispondi a Cataldo Ferrara

  • carlo mazzilli ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 19:49 :

    risposta di Bellanova: mhe? e cè v'jà fà gghj??? Rispondi a carlo mazzilli

  • domenico ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 19:17 :

    e la storia continua... c'e' la gelata e si chiede contributo , c'e' produzione eccessiva e si chiede contributo! Mi ripeto, l'agricoltore fa impresa e come ogni impresa si deve assumere i rischi di impresa, Basta con questi aiuti a carico dei contribuenti!! Rispondi a domenico

  • Umberto Galassi ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 16:29 :

    Forse sono inopportuno ma voglio far notare che la raccolta delle olive e' quasi terminata. Rispondi a Umberto Galassi

  • luigimintrone ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 13:16 :

    Emiliano!!!!!!!! 2 piedi in una scarpa, Bruxelles ha deciso di ridurci a terzo mondo d'Europa,prima l'acciaio, poi il calzaturiero ed il manufatturiero, i prodotti caseari con allevamenti annessi, l'agricoltura con importazione di tutti i prodotti ora vogliono ridurre sul lastrico l'ovicultura e la viiticultura, vogliono ordinarci come fare il pane, non fare il fesso per non fare la guerra. Rispondi a luigimintrone

  • Franco ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 12:40 :

    Semmai Emiliano chiede uno scontro, vista la minaccia della Bellavova di presentare liste di Italia Viva alle prossime regionali. Rispondi a Franco