L'incontro

Il dg Asl Sanguedolce a Perrone: «L'ospedale di Corato sarà potenziato»

Programmata l’assunzione di quattro nuovi medici e l’incremento a 18 posti letto del reparto di medicina interna dell'ospedale di Corato

Politica
Corato venerdì 31 gennaio 2020
di La Redazione
Il dg Asl Sanguedolce a Perrone: «L'ospedale di Corato sarà potenziato»
Il dg Asl Sanguedolce a Perrone: «L'ospedale di Corato sarà potenziato» © n.c.

Programmata l’assunzione di quattro nuovi medici e l’incremento a 18 posti letto del reparto di medicina interna dell'ospedale di Corato.

La rassicurazione è arrivata durante un incontro ieri tra il direttore generale della Asl Bari, Antonio Sanguedolce, e l'ex senatore Perrone. Al centro del colloquio le prospettive di potenziamento del presidio ospedaliero coratino, in conformità con quanto previsto dal piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia.

Sanguedolce ha garantito «l’avvio di un complessivo piano di riassetto dell’attività della medicina interna, con l’assunzione di ulteriori quattro dirigenti medici internisti a completamento della dotazione organica, i quali saranno assunti dalla graduatoria di concorso espletato recentemente. In più il reparto vedrà un incremento degli attuali 12 posti letto sino alla capienza completa, ovvero 18 posti letto. Due passi in avanti decisi nella strategia di rilancio e potenziamento dell’Umberto I, con l’obiettivo di rispondere alle esigenze del territorio e della comunità».

Il direttore generale dela Asl, infine, si è impegnato a comunicare i successivi sviluppi legati alla programmazione.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Anda Coraggio ha scritto il 02 febbraio 2020 alle 11:43 :

    Credo che si ricandiderà alla carica di sindaco per il bene o male di Corato ,a 75 anni si é ancora giovani e dopo ancora due mandati di sindaco avrà solamente 85 anni per profittare della vita . Rispondi a Anda Coraggio

  • Dylandog ha scritto il 01 febbraio 2020 alle 15:31 :

    Assolutamente apprezzabile ed unica vera soluzione alla ns. Corato Rispondi a Dylandog

  • Carmine Patruno ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 22:33 :

    Il senatore Perrone, piaccia o no, ha ricoperto numerosi ruoli istituzionali, quindi la sua presenza a qualunque tavolo tratti la situazione di Corato è ampiamente giustificata. Le iniziative sue e del suo partito in questi mesi sono state diverse, dalla Sanità alla Sicurezza alla situazione dell’Urbanistica. Che si sia o meno estimatori del sen. Perrone c’è solo da augurarsi che abbiano successo nell’interesse di Corato. P.S.: l’uso dell’appellativo di Senatore è pienamente legittimo in base ad una prassi consolidata ed al principio “semel abbas semper abbas”; le Camere stesse, nella corrispondenza con gli ex appartenenti, usano gli appellativi di Deputato e Senatore. Rispondi a Carmine Patruno

  • Aldo De Palma ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 21:45 :

    Complimenti Senatore sempre attento alle esigenze e alle necessità della nostra comunità.... 🔝🔝🔝🔝 Rispondi a Aldo De Palma

  • Luigi mazzilli ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 21:26 :

    Il senatore Perrone è l’unico che si interessa della nostra Città e che ha ha fatto del bene per corato Rispondi a Luigi mazzilli

  • Presidente ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 17:52 :

    Secondo me risparmieremmo più soldi se l' ospedale lo chiudono visto che secondo me è zeppo di incompetenti per quanto riguarda il buon ex senatore farebbe meglio a stare a casa. ormai penso che la gente abbia aperto gli occhi Rispondi a Presidente

  • disco disco ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 17:49 :

    Tutti commenti fini a se stessi. Poi dalle urne (come l'ultima volta) chissa perchè esce vittorioso sempre lui. Siete l'esempio del coratino medio che parla e parla, pero agisce esattamente al contrario. Forza Perrone! Rispondi a disco disco

  • Mario 62 ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 16:10 :

    E mi sembrava strano..🎼. ma proprio strano ..🎼stranoooooo Rispondi a Mario 62

  • Pasquale ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 14:52 :

    Adesso il signor Perrone si presenta come panacea per tutti i mali di questa città, ma vorrei far presente che in questa situazione catastrofica in cui ci troviamo non ci si arriva dall'oggi al domani ma con anni e anni di mal governo. Se le strade sono ridotte ad un colabrodo è perché in questi anni è mancata la manutenzione ordinaria, se adesso parliamo di delinquenza è perché in questi anni non si è provveduto alla rigenerazione del corpo di polizia locale. In quasi vent'anni di amministrazione Perrone e soci, abbiamo assistito alla lenta agonia di questa città. Spero vivamente che per il bene della nostra città la gente smetta di ascoltare il suono ammaliante delle sirene e apra finalmente gli occhi. Rispondi a Pasquale

    Valerio preziosa ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 21:24 :

    Se non erro il senatore Perrone non governa più questa città dal 2013 quindi non vedo che responsabilità si possono imputare a questa persona che e l’unica che si interessa della nostra citta Rispondi a Valerio preziosa

    Pippo Scamarcio ha scritto il 15 marzo 2020 alle 09:02 :

    Sembra la difesa dell'avvocato di turno non governa dal 2013 e prima quanti danni ha arrecato ? Rispondi a Pippo Scamarcio

  • Tolo Tolo ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 14:11 :

    Chissà perchè Perrone si sta preoccupando proprio ora dell'ospedale di Corato ....... Rispondi a Tolo Tolo

  • salvatore di gennaro ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 13:58 :

    L'intento di Luigi è, credo, duplice: un ritorno alla visibilità, in una possibile prospettiva elettorale; un interesse, mai sopito, per la propria città. Sinceramente non vedo di cattivo occhio una sua ricandidatura: ha quel carisma che è mancato del tutto ai suoi predecessori. Una sola cosa raccomando ancora: ogni statista si circonda di collaboratori e consiglieri, e la fortuna del politico è scegliersi le persone giuste. E che non siano, quindi, dei puri fantocci. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Pier Luigi ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 13:51 :

    Io continuo a chiedermi a quale titolo il sig. Perrone abbia parlato col dirigente Als Bari. A titolo personale? Per conto della collettività? Se sì, in qualità di cosa, dato che attualmente non ricopre nessuna carica amministrativa? Mi sa tanto che da qui alle elezioni comunali saremo invasi da notizie positive associate al sig. Perrone. Rispondi a Pier Luigi

  • carlo mazzilli ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 13:20 :

    damn, avrei potuto dare la stessa notizia se ci fossi andato io dal dirigente dr.sanguedolce. avrei potuto bussare alla porta e dire: dr. sanguedolce, buongiorno, ci sono novità per l'ospedale di corato? e quello: sì, verranno aggiunti 18 posti letto ecc.ecc. ... e poi andare in mezzo allo stradone a vantarmi: sono andato da sanguedolce, l'ho afferrato 'nganna, e gli ho fatto potenziare l'ospedale di corato! e mò votatemi che farò potenziare pure tutto il resto!!! peccato non averci penzato prima! e adesso seguiranno visite dal dirigente asipu, dal commissario p.s., dal comandante dei carabinieri, dall'angappacani, dal direttore della casa di riposo e da tanta altra gente con la stessa pantomima. nel frattempo, la cittadina soffre disagi degni del burkina-faso. perchè? Rispondi a carlo mazzilli

    Pippo Scamarcio ha scritto il 15 marzo 2020 alle 09:00 :

    Ben detto Rispondi a Pippo Scamarcio

  • teresa de meo ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 13:16 :

    Finalmente una notizia positiva in un paese in totale abbandono . Iniziamo dalla sanità . Andiamo avanti Rispondi a teresa de meo

  • Anonimo Coratino ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 11:18 :

    Domanda: a quel tavolo non ci dovrebbe essere una figura amministrativa/dirigenziale dell'ospedale di Corato? In base a quale funzione pubblica, a quel tavolo è seduto Perrone? Mi sembra un astuto tentativo di associare una notizia positiva a un volto che nulla ha a che vedere con la notizia in sè! Campagna elettorale ante litteram? Rispondi a Anonimo Coratino

    ALDo favia ha scritto il 31 gennaio 2020 alle 21:22 :

    È un ex senatore ex sindaco penso che abbia pieno titolo per sedersi a quel tavolo Rispondi a ALDo favia