La lettera inviata ai vertici regionali di Fratelli d’Italia e Direzione Italia

Crisi politica, il sindaco apre alla maggioranza: «Sì all’azzeramento della Giunta»

«La migliore delle soluzioni per il bene della città e dei cittadini è “ripartire da zero” con l’azzeramento della Giunta è il riconoscimento del giusto ruolo ai partiti che mi hanno supportato» scrive D'Introno

Politica
Corato giovedì 05 settembre 2019
di La Redazione
Il sindaco D’Introno
Il sindaco D’Introno © CoratoLive.it

Oggi si scrive una nuova pagina ”nel libro” della crisi dell’amministrazione D’Introno: alla vigilia del consiglio comunale in programma per oggi, il sindaco ha accettato la richiesta di azzeramento della Giunta arrivata nei giorni scorsi da parte dei coordinatori provinciali di Direzione Italia e Fratelli d'Italia.

Attraverso la lettera che di seguito riportiamo integralmente, D'Introno lo ha comunicato a Saverio Congedo e Filippo Melchiorre (rispettivamente segretario regionale e provinciale di Fratelli D’Italia), a Francesco Vendola e Antonio Di Stato (rispettivamente segretario regionale e provinciale di Direzione Italia) ed anche agli onorevoli Giorgia Meloni e Marcello Gemmato.

«Carissimi - scrive il primo cittadino - ho accolto con grande slancio la vostra richiesta fatta nei giorni scorsi a trovare insieme la soluzione per far ripartire l’Amministrazione comunale a Corato.

Dopo i nostri incontri di ieri e di oggi (la missiva è partita ieri sera alle 20.43, ndr), vista l’apertura politica dei partiti del centrodestra su questa linea, vi formalizzo quello che già vi ho comunicato personalmente e cioè che la migliore delle soluzioni per il bene della città e dei cittadini è “ripartire da zero” con l’azzeramento della Giunta è il riconoscimento del giusto ruolo nella Giunta ai partiti che mi hanno supportato.

Vi chiedo di comunicare questa mia decisione ai segretari dei Partiti Regionali, provinciali e cittadini, ai consiglieri comunali delle forze politiche di maggioranza. Con grande amicizia Pasquale D’Introno, sindaco di Corato».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 05 settembre 2019 alle 12:02 :

    Nooooooooooooo, ancora co' 'sto "bene della città e dei cittadini"…! Non riusciamo proprio a buttarla al macero, 'sta frase fatta e senza senso. Oltretutto, alla città e ai cittadini non importa un fico secco di quello che sta succedendo... Rispondi a salvatore di gennaro

  • carlo mazzilli ha scritto il 05 settembre 2019 alle 10:32 :

    "azzeramento della giunta", termine moderno che sostituisce l'antica perifrasi "calo delle braghe". a meno di altri carpiati con avvitamenti multipli dell'ultim' ora... Rispondi a carlo mazzilli

  • Aurelio Rag. Tortosa ha scritto il 05 settembre 2019 alle 10:14 :

    Beato l'uomo che non segue il consiglio degli empi, non indugia nella via dei peccatori e non siede in compagnia degli stolti; ma si compiace della legge del Signore, la sua legge medita giorno e notte. Sarà come albero piantato lungo corsi d'acqua, che darà frutto a suo tempo e le sue foglie non cadranno mai; riusciranno tutte le sue opere. Non così, non così gli empi: ma come pula che il vento disperde; perciò non reggeranno gli empi nel giudizio, né i peccatori nell'assemblea dei giusti. Il Signore veglia sul cammino dei giusti, ma la via degli empi andrà in rovina.(Salmo 1). Coraggio Pasquale! Rispondi a Aurelio Rag. Tortosa

    M.B ha scritto il 05 settembre 2019 alle 13:56 :

    La messa è finita andate in pace! Rispondi a M.B

  • nerdrum ha scritto il 05 settembre 2019 alle 08:41 :

    Carmen Consoli - 1997 - "Confusa e felice" ...... e penso di sentirmi confusa e felice, confusa e felice, confusa e felice.......... Rispondi a nerdrum

  • I CORATINI LO SANNO ha scritto il 05 settembre 2019 alle 08:23 :

    Pur di tener ferma la poltrona, si accetta di tutto... Ma mandatelo a casa, per favore.... Sembra che stia prendendo per pidocchi migliaia di coratini!! Basta con sta storia tragicomica. A casa. Rispondi a I CORATINI LO SANNO

  • Mario 62 ha scritto il 05 settembre 2019 alle 07:59 :

    Scusatemi non vorrei essere scortese ma è proprio vero che gli uomini vedi Eraclio le palle le mostra a tutti. Ma stiamo scherzando? Ma si può dire ai cittadini ( scusate se lo scherzo è durato 3mesi) ma non era la persona che non si faceva tirare con la giacca? Ma non era una persona libera? Non era contro l‘azzeramento ? E ora cosa leggo che proprio oggi che c’è il consiglio comunale chiede scusa per lo scherzo è accetta l’azzeramento della giunta. Niente di personale ma ............. Rispondi a Mario 62