La nota

De Benedittis: «La maggioranza governi oppure si torni al voto»

«Il fallimento della coalizione di centrodestra ci costa» afferma Corrado De Benedittis, consigliere comunale di Demos - Democrazia Solidale e Rimettiamo in moto la città

Politica
Corato martedì 13 agosto 2019
di La Redazione
Corrado De Benedittis
Corrado De Benedittis © CoratoLive.it

«Ribadiamo l’urgenza che Corato venga governata nel pieno rispetto del risultato elettorale. Prendiamo atto, però, che non c’è maggioranza e dunque l’alternativa drammatica è l’immediato ritorno al voto con la piena responsabilità del Sindaco e della sua coalizione di centrodestra».

Corrado De Benedittis, consigliere comunale di Demos - Democrazia Solidale e Rimettiamo in moto la città, torna sulla crisi dell'amministrazione D'Introno e ribadisce la sua posizione già espressa in consiglio comunale: la maggioranza governi oppure si torni al voto.

«Sei consigli comunali senza esito, una coalizione di centrodestra che non decide. Il costo per la Città sarà alto» afferma De Benedittis.

«Lo pagheremo tutti, cittadini e cittadine, famiglie, imprese, artigiani, commercianti e soprattutto i giovani e le giovani vittime di un inesorabile declino cittadino che non dà prospettive e che spalanca loro la strada dell'emigrazione.

L’attuale paralisi politico-amministrativa danneggia Corato dal punto di vista economico, sociale e culturale. Si assiste gradualmente alla crisi delle istituzioni democratiche vilipese dall'assenteismo e dalla diserzione. Non condividiamo politicamente ed eticamente questo comportamento che segna lo sgretolarsi del rispetto per le cariche istituzionali: si è eletti per presidiare e difendere le istituzioni democratiche, non certo per disertarle o abbandonarle.

Con fermezza, ribadiamo l’urgenza che Corato venga governata nel pieno rispetto del risultato elettorale. Prendiamo atto, però, che non c’è maggioranza e dunque l’alternativa drammatica è l’immediato ritorno al voto con la piena responsabilità del Sindaco e della sua coalizione di centrodestra.

Con passione civile, siamo e saremo sempre dalla parte della nostra amata Corato e della sua gente. Siamo e saremo sempre per la difesa e il rigoroso rispetto delle istituzioni democratiche di cui ne garantiremo, ad ogni costo, l'agibilità. Dialogo sempre, ma nessun trasformismo, nessun ribaltone, nessun inquinamento del dibattito e della dialettica politica».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • PASQUALE DI BARTOLOMEO ha scritto il 14 agosto 2019 alle 10:21 :

    DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE TUTTI SI TOCCAVANO IL CUORE PERCHè AFFERMAVANO DI AMARE CORATO MA PENSO CHE LA POLITICA FACCIA DIMENTICARE ANCHE L'AMORE PIù GRANDE,VEDO DA ANNI LE SOLITE STORIE NON SO SE VALGA LA PENA PIù PARTECIPARE AL VOTO TANTO POI OGNIUNO FA I CAVOLI PROPRI,ALTRO CHE DEMOCRAZIA,ALTRO NELLE MANI DEL POPOLO,IL POPOLO NON COMANDA NIENTE. Rispondi a PASQUALE DI BARTOLOMEO

  • Aldo Fiore ha scritto il 14 agosto 2019 alle 06:53 :

    I problemi della città sono tanti,ma quello ambientale non può aspettare. Elettrodotto Depuratote, Viabilità ecc San Cataldo liberaci da questi nuovi barbari. Rispondi a Aldo Fiore

  • Coratino Emigrato ha scritto il 13 agosto 2019 alle 21:57 :

    Sono sicuro che qualcuno sa, ma non parla,il perché di tutto questo.Si può solo immaginare,promesse non mantenute,favori che sono saltati,ecc,ecc,ecc.Questo è il bene che volete alla città e di chi vi ha votato.Grazie di cuore a tutti voi gli ELETTI.sciatavinn sciat. Rispondi a Coratino Emigrato

  • nerdrum ha scritto il 13 agosto 2019 alle 18:04 :

    a proposito della mancanza di reazione da parte dell cittadinanza.... adesso nn possiamo perché siamo in ferie... ma promettiamo che dopo s. cataldo mettiamo a ferro e fuoco la città.... come hanno fatto ad hong kong. le ferie sono sacre!!! Rispondi a nerdrum

  • CATALDO ha scritto il 13 agosto 2019 alle 16:59 :

    ma eventuali (altre) votazioni comunali ( dopo così poco tempo) le paga lui ??? Rispondi a CATALDO

  • salvatore di gennaro ha scritto il 13 agosto 2019 alle 15:25 :

    Come ho detto in un'altra occasione, le alleanze, se non supportate dal desiderio di collaborare e di rinunciare, ogni parte di esse, a qualcosa, sono destinate a fallire. Per la verità ci dovrebbe essere un'altra condizione, la più importante: la capacità umana. Ma non si può acquistarla in farmacia, e quindi diamo per scontato che se ne possa fare a meno. Impelagarsi in un ginepraio come quello di Corato, da parte di chi si è candidato sindaco in una coalizione, comportava la necessità di immaginarsi di dover scendere a continui compromessi. Pensare ora di decidere in modo monocratico, è un'assurda illusione. Dietro a tutto ciò, lo ripeto per l'ennesima volta, c'è la certezza di una completa mancanza di reazione da parte della cittadinanza. E la cosa, non fa affatto onore. Rispondi a salvatore di gennaro

    carlo mazzilli ha scritto il 14 agosto 2019 alle 06:21 :

    ottima osservazione. i coratini, si sa, fatte le debite distinzioni, non sono famosi per la loro schiena dritta. sono per lo più famosi per una certa elasticità di pensiero e azioni che comunque esclude la presa di posizioni nette, rigide, granitiche. poi adesso siamo tutti in ferie e dobbiamo solennizzare il santo patrono, con luminarie, giostre, processioni interminabili e vacue come il vuoto pneumatico, mercatini di roba rigorosamente made in PRC...poi dopo le ferie bisognerà tornare al lavoro e quindi ci sarà poco tempo per elucubrare sui turbamenti del d'introno e sulle vicende del consiglio... e tutto andrà avanti gestito dai soliti noti, nel solito modo, con i soliti risultati, cioè rendere una ridente cittadina...una roba da scapparsene. Rispondi a carlo mazzilli

  • ledo.bevilacqua ha scritto il 13 agosto 2019 alle 15:10 :

    Chiedo a voi Consiglieri della maggioranza il motivo per cui non si riesce a raggiungere un accordo. Il Sindaco dovrebbe spiegare a noi cittadini cosa succede. Purtroppo noi tutti ne paghiamo le conseguenze con uno spreco di tempo e non aggiungo altro. Rispondi a ledo.bevilacqua

    M.B ha scritto il 13 agosto 2019 alle 19:38 :

    Questo silenzio è vergognoso. ..tutto alle nostre spalle ....chi va a votare non merita questo trattamento. .... Rispondi a M.B