La nota dell'esponente di Ape, Sinistra democratica e Italia in Comune

Loizzo: «Nessuna traccia della giunta. E la città langue»

«Riteniamo che questo lento procedere sia da attribuirsi a difficoltà nella distribuzione degli incarichi assessorili, dei ruoli istituzionali e gli ambiti incarichi nelle partecipate comunali» afferma il consigliere comunale

Politica
Corato venerdì 12 luglio 2019
di La Redazione
Paolo Loizzo
Paolo Loizzo © n.c.

«Ancora nessuna traccia della giunta. E la città langue». Paolo Loizzo, consigliere comunale di Ape, Sinistra democratica e Italia in Comune, sottolinea il ritardo nella composizione della giunta comunale, da attribuire «a difficoltà nella distribuzione, secondo il classico metodo Cencelli, degli incarichi o agli estenuanti accordi di oggi potranno e dovranno essere utili per le Regionali di domani».

Di seguito la nota integrale di Loizzo.

«Dopo oltre un mese dall’elezione del nuovo sindaco della nostra città, ancora non vi è traccia di costituzione di una parvenza di giunta. Riteniamo che questo lento procedere sia da attribuirsi a difficoltà nella distribuzione, secondo il classico metodo Cencelli, degli incarichi assessorili, di quelli che saranno i ruoli istituzionali e gli ambiti incarichi nelle partecipate comunali.

Evidentemente, l’apparente monocolore e la granitica coesione richiedono comunque necessari equilibrismi tra le diverse espressioni politiche costituenti la maggioranza e quelle rimaste, per mero errore materiale, fuori dalla gara elettorale ma comunque presumibilmente presenti nel sostenere il Sindaco D’introno.

Si potrebbe anche ipotizzare che gli estenuanti accordi di oggi potranno e dovranno essere utili per le Regionali di domani (anno prossimo) e quindi favorire particolari candidature. Così, mentre, si provano gli accordi di violino, la città continua a languire. I soliti incendi di auto, la solita deroga ad un regolamento recentemente approvato quale quello dei dehors che tornano nei loro diversi colori e nelle loro diverse dimensioni, il solito vuoto delle periferie, lo stato di catalessi del centro storico, le inadeguate piste ciclabili occupate da auto.

Naturalmente, in questa silenziosa pax dominante, auspichiamo un’immediata convocazione del Consiglio comunale, affinché possa configurarsi la vita democratico-istituzionale della nostra città».

Lascia il tuo commento
commenti