La nota

Longo (M5s): «Incomprensibile che Ferrotramviaria gestisca ancora la tratta»

«Si convochi immediatamente un tavolo tecnico per verificare gli accordi con Ferrotramviaria e tutelare gli interessi della nostra città» afferma il consigliere comunale del movimento 5 stelle, Nico Longo

Politica
Corato venerdì 12 luglio 2019
di La Redazione
Anniversario del disastro ferroviario del 12 luglio
Anniversario del disastro ferroviario del 12 luglio © CoratoLive.it

«Si convochi immediatamente un tavolo tecnico per verificare gli accordi con Ferrotramviaria (sottopasso di via Trani, parcheggio della stazione, condizioni sovrappasso via Ruvo) e tutelare gli interessi della nostra città».

Lo chiede il consigliere comunale del movimento 5 stelle, Nico Longo, nel giorno in cui si ricorda il tragico scontro fra treni del 12 luglio 2016.

«Inevitabilmente il pensiero va a chi non c’è più e a chi ha subito una perdita tanto inestimabile quanto folle per la modalità» scrive Longo in una nota. «Sarà sempre così, ogni 12 luglio, ogni volta che ascolteremo le parole treno, tratta Corato-Andria, Ferrotramviaria.

Già, Ferrotramviaria. Certo, dovremo aspettare le sentenze, i giudizi, le motivazioni, ma resta incomprensibile come la società coinvolta nel disastro più inaccettabile per la nostra comunità, sia ancora li a gestire quella tratta. E in assoluta consequenzialità continua a farlo male, con lavori migliorativi di pessima qualità, con disagi enormi per i pendolari, con progetti concordati con la vecchia amministrazione e poi ritirati e poi ritrattati e poi chissà cos’altro ancora.

È ora che il Comune di Corato alzi la testa. È ora che il Comune di Corato renda giustizia alle vittime e tuteli le vite dei propri concittadini su cui direttamente o indirettamente incidono le decisioni di Ferrotramviaria. Faccio appello alla sensibilità e al senso civico del sindaco Pasquale D’Introno e dei colleghi consiglieri comunali affinché si convochi immediatamente un tavolo tecnico per verificare gli accordi con Ferrotramviaria (sottopasso di via Trani, parcheggio della stazione, condizioni sovrappasso via Ruvo) e tutelare gli interessi della nostra città, evidentemente succube di questa società che persegue esclusivamente i propri obiettivi economici e non quelli dei cittadini di Corato.

Nel ricordo imperituro di quanti hanno perso la vita in un disastro evitabile, auspico che tutto il Consiglio comunale e il sindaco conducano un’azione coesa e ferma nella tutela degli interessi della nostra città».

Lascia il tuo commento
commenti