Tengono ancora banco le denunce di presunta compravendita di voti

Presunto voto di scambio, ​De Benedittis rilancia. Parlano Roselli e Labianca

«Se queste voci fossero vere, le elezioni dovrebbero essere annullate» ha detto De Benedittis dal palco del suo comizio di ringraziamento. Sulla questione intervengono anche Carlo Roselli e Vincenzo Labianca

Politica
Corato lunedì 03 giugno 2019
di La Redazione
Il comizio di ringraziamento di Corrado De Benedittis
Il comizio di ringraziamento di Corrado De Benedittis © n.c.

Tengono ancora banco le denunce di presunta compravendita di voti lanciate a più riprese da Corrado De Benedittis. L'ultima volta domenica sera, nel comizio di ringraziamento in piazza Cesare Battisti.

«Dopo l'amarezza dei primi giorni, ci siamo messi a studiare il flusso elettorale sezione per sezione e l'amarezza è diventata inquietudine» ha detto l'esponente di Rimettiamo in moto la città e Demos. «Il luogo di lavoro è il posto in cui si forma un popolo libero e democratico e invece sentiamo cose del tipo "io non potevo votarti perché altrimenti mi licenziavano". Questo non è lavoro ma subordinazione, asservimento e violazione della dignità dei lavoratori. Sono convinto che questa città sia troppo pulita perché queste voci siano vere. Ma, se queste voci fossero vere, le elezioni dovrebbero essere annullate».

Alcuni giorni fa a citare presunti episodi legati al voto di scambio è stato anche Carlo Roselli, candidato con Rinnovamento Corato (lista a sostegno di Lenoci).

«Abbiamo visto tante porcherie» ha detto Roselli in un video messaggio sui social. «Ci sono state persone pagate, che non potevano mangiare, ma che quel giorno hanno ottenuto i 50 euro» «Nel mio quartiere, il Belvedere, conosco persone che vivono in modo precario, che vendono il loro corpo e vendono anche droga. E si vede, più volte ho notato alcuni passaggi poco piacevoli. Il 26 maggio, invece, li ho visti ben vestiti, con i foglietti in mano e facevano i rappresentanti di determinate liste. Sono rimasto meravigliato, ma sono state pagati per fare quel lavoro lì. Poi durante lo spoglio si sono visti determinati voti a determinate persone».


Sulla questione ha poi risposto - sempre attraverso un video sui social - Vincenzo Labianca, candidato al consiglio comunale con l'Udc (a sostegno di Amorese) e risultato il più suffragato in assoluto con 793 voti.

«Mi sembra doveroso aprire delle riflessioni in merito a dei video e dei post che circolano sui social, in cui si parla di spaccio, prostituzione, scambio di voti in alcuni quartieri della nostra città» ha affermato Labianca. «I trasgressori devono essere puniti, quindi gli autori di questi video devono denunciare facendo nomi e cognomi agli organi competenti. Perché non è possibile che questi gesti, qualora ce ne fossero, rimangano impuniti perché è a scredito di tutti gli altri candidati al consiglio comunale che hanno operato per il bene della città e hanno avuto consensi frutto di rispetto, stima e fiducia.

Nello stesso tempo è impensabile che un atto così vile rimanga impunito. Se qualcuno ha commesso un reato del genere devo pagare perché è un atto ignobile. Invito tutti a continuare una campagna elettorale corretta, senza infangare la dignità delle persone, senza tirare fuori situazioni inesistenti, senza denigrare nessuno e facendo una campagna sui programmi concerti per il bene della nostra città».


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • AMOCSINA ha scritto il 04 giugno 2019 alle 14:43 :

    GENTILE SIG. ROSELLI, PERCHE' NON HA FILMATO E PORTATO ALLA PROCURA QUANTO DA LEI AFFERMATO?IL VOTO DI SCAMBIO VA DENUNCIATO, PRIMA ALLA PROCURA E DOPO A MEZZO STAMPA, SENNO' RIMANE SOLO UNA CACCIA ALLE STREGHE!!! Rispondi a AMOCSINA

  • Victor ha scritto il 04 giugno 2019 alle 04:29 :

    Al lupo,al lupo...... Rispondi a Victor

  • Salvatore livrieri ha scritto il 03 giugno 2019 alle 20:10 :

    Se siete sicuri di quello che dite denunciate se poi siete delusi perché volevate occupare la poltrona lasciate ché il ballottaggio vada nei .igliori dei .odi che gli elettori no. Sia o i clienti ,are dalle baggianate grazie Rispondi a Salvatore livrieri

  • salvatore di gennaro ha scritto il 03 giugno 2019 alle 18:53 :

    Non è possibile scoprire se ci siano o meno irregolarità nelle votazioni, e l'elegante invito a cercarle, inserito nell'articolo, è del tutto pleonastico. Ho già detto in un'altra occasione che l'unico sistema per evitare la possibile indagine "geografica" sui voti, è quello di portare le urne in un unico luogo, aprirle e mischiare le schede. Ma l'urgente curiosità sui risultati o altri problemi che non mi sovvengono, impediscono che ciò venga attuato. E' come quando dico di eliminare la carta moneta, per combattere le illegalità: non comprendo il perché non si faccia. Rispondi a salvatore di gennaro