Le News
Ingegnere di 48 anni, ​è stato assessore a lavori pubblici e ambiente nella giunta Bucci​

​Claudio Amorese è il candidato sindaco del Polo di Centro

L'ufficialità è arrivata durante la conferenza stampa convocata nella sede del coordinamento della coalizione

Politica
Corato mercoledì 27 marzo 2019
di La Redazione

​Claudio Amorese è il candidato sindaco del Polo di Centro

L'intervista
Claudio Amorese è il candidato sindaco del Polo di Centro.
Claudio Amorese è il candidato sindaco del Polo di Centro. © CoratoLive.it

Claudio Amorese è il candidato sindaco del Polo di Centro.

L'ufficialità è arrivata durante la conferenza stampa convocata nella sede del coordinamento della coalizione, composta da Udc, Democrazia cristiana europea, Sud al centro, Corato nel cuore, Obiettivo comune e Puglia popolare.

Amorese, ingegnere di 48 anni specializzato in sistemi di produzione di energia elettrica ed efficientamento energetico, nel 2013 è stato assessore a lavori pubblici e ambiente nella giunta guidata da Renato Bucci.

Le prime parole di Amorese in veste di candidato sindaco sono state anticipato dall'intervento di Donato Amorese che ha sottolineato come il Polo di Centro sia ancora «aperto all'ingresso e al coinvolgimento di nuove forze politiche che vogliano condividere il nostro programma».

«Nonostante abbia viaggiato molto - esordisce Claudio Amorese - Corato è la città a cui voglio più bene e voglio che qui ci sia il mio, il vostro e il futuro dei miei figli. Voglio che il sospetto e il rancore, in questa città, siano sostituite da amicizia e solidarietà».

«Voglio rendere Corato una delle migliori città d'Italia e d'Europa per sicurezza, efficienza e qualità della vita. Ho la ragionevole certezza di poter raggiungere quest'obiettivo, anche grazie all'apporto del gruppo di persone che mi sostiene»

In attesa del comizio in piazza, in programma il 6 aprile, il neo candidato sindaco ha fornito un assaggio di quelle che saranno le sue linee programmatiche.

«Dare slancio alle aziende per affrontare il mondo globale, sostenere l'agricoltura, tenere pulita la città e renderla rispettosa dell'ambiente, realizzare infrastrutture per lo sport, ridare sicurezza ai cittadini».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • L. Scaringella ha scritto il 27 marzo 2019 alle 22:51 :

    Nu alt angor!!! Più frammentato è il voto e peggio sarà per la nostra città. Incombe lo spettro di un consiglio con maggioranza risicata e/o possibile fenomeno anatra zoppa. L’appello che si voti scegliendo bene in modo saggio e coerente. In bocca al lupo a tutti i candidati. Rispondi a L. Scaringella

  • salvatore di gennaro ha scritto il 28 marzo 2019 alle 06:10 :

    A prescindere dalle capacità personali dell'ingegnere, anche in questo caso un volto non nuovo ed un programma, almeno nell'esposizione embrionale, simile a quello degli altri. Ribadisco che ormai, esattamente da quando siamo "entrati" in Europa e sono iniziati gli "sbarchi", la spinta propulsiva della sinistra, specie a livello sindacale, si è del tutto spenta, e che l'unica differenza di posizioni la fanno argomenti, una volta del tutto marginali per la presenza di temi ben più scottanti, come l'accoglienza, il matrimonio fra omosessuali, la difesa personale e dell'entità dello Stato, l'assistenzialismo elevato all'ennesima potenza. Il candidato del centro si augura mete socialmente elevate. Ma non una parola sull'insegnamento basilare e sistematico dell'educazione, nelle scuole. Rispondi a salvatore di gennaro

  • nerdrum ha scritto il 28 marzo 2019 alle 08:18 :

    longo, lenoci, d'introno, de benedittis, sacco, mazzilli, amorese, bovino.... e qualche altro che non ricordo o si aggiungerà. commissario prefettizio a vita: sintesi, efficienza, velocità, competenza. non voglio neanche pensare ai logorroici ed insignificanti sermoni che ci attendono, prima e dopo il voto. Rispondi a nerdrum

    M.B ha scritto il 28 marzo 2019 alle 09:41 :

    Verrà fuori un macello con tutti ti candidati sindaci. ....di sicuro non andrò a sentire nemmeno uno dei discorsi logorroici e farciti di inutili quanto false promesse.......fino ad esaurimento scorte......commissario prefettizio! Rispondi a M.B

    carlo mazzilli ha scritto il 28 marzo 2019 alle 09:56 :

    il podestà. dovremmo reintrodurre questa figura, sceglierlo tra le figure nobili, e ce ne sono, della imprenditoria coratina, offrirgli il governo della città, l'onere e l'onore di tale carica e lasciarlo lavorare in pace per quattro / cinque anni...ah, magari si potesse!!! Rispondi a carlo mazzilli

  • I CORATINI LO SANNO ha scritto il 28 marzo 2019 alle 10:18 :

    MA NON ERA CON RENATO - CANTIERE IN COMUNE DOVE LA MOGLIE E' PRESIDENTE FINO A QUALCHE MESE FA? AIUTOOOOooo Rispondi a I CORATINI LO SANNO

  • Ferrara Cataldo ha scritto il 28 marzo 2019 alle 13:04 :

    Leggendo i commenti noto che c'è ancora chi critica ma non si firma. Signori se vi sentite più capaci fatevi avanti, è troppo bello criticare nascondendosi dietro all'anonimato. Vi ricordo che il voto è libero e democratico, saranno i Coratini a scegliere da chi essere governati. Rispondi a Ferrara Cataldo

  • Gaetano Bucci ha scritto il 28 marzo 2019 alle 15:40 :

    · Shakespeare: Amleto (Atto III , scena I) ... Hamlet: To be, or not to be, that is the question ... Rispondi a Gaetano Bucci

  • CATALDO ha scritto il 28 marzo 2019 alle 17:34 :

    tra un pò saranno di più i candidati sindaco...che i coratini... Rispondi a CATALDO

  • salvatore di gennaro ha scritto il 28 marzo 2019 alle 19:47 :

    L'anonimato nei commenti è una realtà, non facilmente giudicabile, alla quale bisogna abituarsi. D'altro canto, senza l'obbligo di firma (ed inoltre uno può anche inventarsi il nome e cognome) ci sono molti interventi, e ciò non accadrebbe se invece ci si dovesse autografare. Vi è oltretutto la certezza, grazie al filtro della Redazione, che nessun commento potrà superare un basso livello di decoro. Rispondi a salvatore di gennaro