Le News
Ieri sera

Nuova Umanità: «Si abbia il coraggio di rilanciare la politica»

Vito Bovino e il movimento politico Nuova Umanità, hanno incontrato nella propria sede i cittadini di Corato per discutere «dell'esperienza del "fare politica" come servizio alla cittadinanza».

Politica
Corato sabato 02 febbraio 2019
di La Redazione
Nuova Umanità: «Si abbia il coraggio di rilanciare la politica»
Nuova Umanità: «Si abbia il coraggio di rilanciare la politica» © n.c.

Ieri sera Vito Bovino e il movimento politico Nuova Umanità, hanno incontrato nella propria sede i cittadini di Corato per discutere «dell'esperienza del "fare politica" come servizio alla cittadinanza».

«Preziosa - si legge in una nota del movimento - è stata Ia testimonianza del movimento civico "Città Civile" di Terlizzi, nella persona del dott. Pasquale Vitagliano e della dott.ssa Daniela Zappatore, attuale consigliere comunale, dalla quale è emerso che la politica deve intendersi come servizio alla comunità, non come militanti in attesa del "proprio turno" ma come costruttori di un progetto comune e condiviso per superare le logiche vecchie e clientelari.

Per tale motivo si rende necessaria la presa di coscienza dei cittadini che devono rinunciare alle lamentele " da ringhiera" sopraffatti dalla rassegnazione e dalla sfiducia. Pertanto Vito Bovino e la Nuova Umanità invitano tutti i cittadini ad avere il senso di responsabilità, il coraggio e l'entusiasmo per il rilancio di una politica con la P maiuscola nella città di Corato».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 03 febbraio 2019 alle 11:43 :

    E davvero curioso leggere, nel 2019, frasi enfatizzate come nuove, ma che venivano pronunciate già fra le tribù primitive: "la politica (considerata quale insieme di azioni e di progetti) deve essere intesa come servizio alla comunità". Ma non è troppo tardi, per aver capito una simile verità? Auguri comunque anche a questa ennesima compagine, per il suo desiderio di mettersi in gioco. Rispondi a salvatore di gennaro