La nota

Riapertura del palazzetto, Sinistra Italiana: «Per il Commissario non tutte le società sono uguali»

«Nella speranza che per eventuali deroghe non venga applicata la regola dei "figli e figliastri", l'auspicio di Sinistra Italiana è che sia il Palazzetto dello sport che il campo sportivo siano messi in regola al più presto»

Politica
Corato sabato 02 febbraio 2019
di La Redazione
Il Palalosito
Il Palalosito © n.c.

Tiene ancora banco la riapertura del palazzetto dello sport avvenuta giovedì scorso, in occasione della gara tra Basket Corato e Nardò, dopo tre mesi di chiusura per lavori. Sulla questione interviene il partito Sinistra Italiana che sottolinea la mancata concessione di una deroga alla società Nmc che solo il giorno prima aveva giocato nello stesso impianto ma a porte chiuse.

«Tra le tante eredità lasciate alla città dall'ex Sindaco Mazzilli, strade comunali dissestate, personale comunale ridotto al lumicino, nessuna casa popolare, assunzioni senza regole in Asipu, periferie abbandonate vi sono anche le strutture sportive mal tenute oltre che carenti» scrive il partito.

«Siamo a tre mesi di distanza da quando il nostro Palazzetto dello Sport Comunale ed il campo sportivo non possono essere utilizzati dalle associazioni sportive di basket, pallavolo e calcio e ancora nulla sembra essere all'orizzonte. Raccogliamo il grido di preoccupazione misto a sconforto e demoralizzazione di tutte le associazioni sportive.

L'erede Commissario Prefettizio sembra essere sordo alle numerose istanze di giocare con la presenza del pubblico ora che la situazione sembra essere, almeno apparentemente riassestata. Corato sportiva non può continuare a sopportare danni sia dal punto di vista sportivo che da quello socio-economico. Basta partite a porte chiuse, i giocatori di qualsiasi sport, in campo, sentono il bisogno dell'uomo in più, condividere col pubblico la gioia per un canestro, per un goal o una partita vinta non ha eguali. Notevole è il danno economico, sia per le società sportive che per tutta la città, considerato gli innumerevoli tornei provinciali, regionali e nazionali che portavano in città tanti giocatori, tanti sostenitori e tanti genitori al seguito e che contribuivano al sostegno dei redditi di albergatori, ristoranti, e aziende agroalimentari attraverso l'acquisto di prodotti tipici.

Di massima importanza, il danno sociale, è verso i tanti iscritti alle Società sportive e ai tanti genitori che attraverso lo Sport e la sua educazione sportiva contribuiscono ad allontanare i propri figli dalle tante distrazioni, alcune anche pericolose, recuperando nei valori dello sport le motivazioni per crescere e vivere in maniera onesta. Lo sport, lo si ribadisce ad ogni piè sospinto, crea le basi per crescere non solo sportivamente ma anche umanamente.

Infine prendiamo atto che per il Commissario Prefettizio, non tutte le Società sono uguali. Non comprendiamo quali possono essere stati i criteri di mancata deroga alla Società Sportiva NMC, che per l'elevato numero di iscritti nel settore giovanile ivi compreso il minibasket risulta essere la più penalizzata in merito all'utilizzo del Palazzetto Comunale dello sport. Nella speranza che per eventuali deroghe non venga applicata la regola dei "figli e figliastri", l'auspicio di Sinistra Italiana è che sia il Palazzetto dello sport che il campo sportivo siano messi in regola al più presto possibile per dar luogo alla ns. città, la rinascita dello Sport».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • PATRUNO VITANTONIO ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 12:03 :

    ALLA REDAZIONE: Considerato il sorgere di liste civiche, movimenti, partitelli e partiti sarebbe bello, per chiarezza e trasparenza, che accanto al neutro "PARTITO" venga riportato il nome del legale rappresentante. Questo al fine anche dell'assunzione delle dovute responsabilità su ciò che si afferma, evidando di nascondersi dietro il paravento di pseudo organizzazioni e lanciando invettive E' SOLO UN SUGGERIMENTO...... Rispondi a PATRUNO VITANTONIO

    Luigi Caputo ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 13:33 :

    Non solo questo... come può tale “partito” prendere le difese di una sola società in particolare (Matteotti) e non di tutte quelle che allo stesso modo hanno subito danni da tale provvedimento? Che si tratti delle stesse persone? Il dubbio sorge spontaneo... Rispondi a Luigi Caputo

    grazia balducci ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 15:46 :

    sig. Luigi Caputo da Presidente NMC le posso assicurare che dal provvedimento prefettizio SOLO NOI abbiamo subito i maggiori danni. Lei deve solo pensare che i mei iscritti ad oggi fra settore minibasket e giovanile supera abbondantemente i 400 iscritti. Abbiamo da svolgere 9 campionati FIP. Abbiamo da recuperare ancora partite di campionato......ma questo ovviamente attiene ad un disagio societario e di staff. Pensi a quanti ragazzini, alle famiglie che hanno dovuto sballottare i propri figli ora su un campo ora su altro non solo per gli allenamenti ma anche per le partite che si sarebbero dovute disputare in casa...... Pensi a tutto l'indotto economico che con lo svolgimento dei nostri tornei regionali e nazionali avremmo apportato al territorio di Corato! Pensi prima di scrivere!!!! Rispondi a grazia balducci

    Costantino ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 19:22 :

    CaraGrazia Balducci ,visto che tutto questo si sapeva da tempo , non era meglio esporre il problema a tempo debito?In modo di gravare meno possibile sulle abitudini famigliari

Le più commentate
Le più lette