La nota

Elezioni, Loizzo (Ape): «Il centrosinistra si apra a chi condivide le stesse finalità»

L'ex consigliere comunale Ape​, Paolo Loizzo, firma una lunga lettera aperta in cui traccia un bilancio del lavoro svolto dall'opposizione durante l'amministrazione Mazzilli e guarda al futuro

Politica
Corato lunedì 28 gennaio 2019
di La Redazione
L'ex consigliere Loizzo (Ape)
L'ex consigliere Loizzo (Ape) © CoratoLive.it

L'ex consigliere comunale Ape, Paolo Loizzo, firma una lunga lettera aperta nella quale traccia un bilancio del lavoro svolto dall'opposizione durante l'amministrazione Mazzilli auspicando, in vista delle prossime elezioni, «di ripartire da questo nucleo di espressioni politico-sociali per discutere, confrontarsi ed impostare nuove visioni, nuovi progetti con altri soggetti siano essi movimenti civici, politici che associazioni o singoli individui. Il senso civico di responsabilità imporrebbe alle espressioni politiche del centrosinistra della nostra città, che hanno nei tempi recenti tracciato un solco comune, ad intraprendere con umiltà, pari dignità, coraggio ed entusiasmo un nuovo stimolante e costruttivo percorso insieme a tutti coloro che vogliano condividere le stesse finalità».

Di seguito la lettera integrale.

«Le consultazioni elettorali del 25 maggio 2014 determinarono l’avvio dell’ultima Amministrazione Comunale della nostra Corato. Il 20 settembre 2018 il Sindaco Massimo Mazzilli diede le proprie dimissioni dalla carica. Venti giorni dopo, il Prefetto della Provincia di Bari decretò la sospensione immediata del Consiglio Comunale sino all’emanazione del relativo decreto di scioglimento e nominò la dott.ssa Rossana Riflesso nel ruolo di Commissario Prefettizio per la gestione provvisoria dell’Ente.

Tra le due date citate sono stati tenuti 55 Consigli Comunali durante i quali i consiglieri di minoranza/opposizione, di APE, Cantiere in Comune, Io e Renato e PD, hanno presentato e discusso 49 mozioni e 22 interrogazioni senza poter numerare i tantissimi interventi sia nei preliminari di ciascun consiglio che durante le discussioni sugli O.d.G. e, naturalmente, sorvolando, perché di dovere istituzionale, sulle presenze attive nelle commissioni svoltesi.

Questi dati numerici ci offrono la visione di un’elevata capacità di partecipazione allo svolgimento delle attività consiliari da parte degli ex consiglieri di minoranza ed attestano un dinamismo performante piuttosto che, come taluni denigratori negazionisti ritengono, una palude immobile. E non si è trattato di partecipazione unicamente oppositiva poiché, laddove si è ravvisata l’utilità pubblica, si è ritenuto utile sostenere ed approvare le proposte venute dalla maggioranza o direttamente dall’Amministrazione.

Certamente si sono registrati forti elementi di discussione e critica nei confronti del Sindaco, delle sue variegate Giunte e dei consiglieri di maggioranza su talune tematiche vedi quelle relative all’elettrodotto di via Massarenti e suo possibile spostamento, o quelle relative ai fatti gestionali dell’Asipu-Sanb, o sulle aree mercatali, o sull’acquisto dei terreni confinanti le tombe di San Magno, o sui problemi di sicurezza del paese (incendi di auto, omicidi), sull’area ZTL, sui cosiddetti debiti fuori bilancio, sui bilanci stessi, sui provvedimenti nell’ambito sociale e scolastico, sui problemi tuttora irrisolti del Palazzo Gioiae tanto altro.

Ma si è lavorato, in una collaborazione costruttiva, con la maggioranza su altre tematiche come, soprattutto, la condivisione di visione sugli aspetti del “Piano di riordino ospedaliero” per la tutela sanitaria del nostro territorio e come per tante altre mozioni approvate all’unanimità.

Conservo la memoria di incontri fatti dalle rappresentanze di minoranza, per confrontarsi sulle tematiche in questione o per prepararsi assieme, prima di alcuni specifici Consigli Comunali. Conservo la memoria di mozioni condivise, di scambi informativi, di approcci predisposti, di sguardi di intese, di veloci decisioni durante gli stessi Consigli.

Dunque, una ricchezza esperienziale, formatasi ed acquisita, che non dovrebbe andare perduta e che, semmai, dovrebbe maggiormente motivare sia coloro che hanno partecipato direttamente alle attività consiliari sia coloro che hanno sostenuto e lavorato, per così dire dietro le quinte nelle proprie sedi politiche, a volersi impegnare a procedere su un cammino condiviso.

Non vanno perdute le radici della propria identità, della propria storia, di ciò che si è stati e si è, ma ritengo che sulla consapevolezza di una possibile coesione si possano e si debbano gettare le basi di un nuovo inizio per meglio gestire il domani comune. È il momento di ripartire proprio da questo nucleo di espressioni politico-sociali per discutere, confrontarsi ed impostare nuove visioni, nuovi progetti con altri soggetti siano essi movimenti civici, politici che associazioni o singoli individui.

L’allargamento non può essere solo numerico, perché in politica spesso le somme sono algebriche, ma deve avvenire in modo qualitativo ovviamente nel solco democratico progressista tracciato assieme in questi anni. Si devono aprire quei confronti dialettici che possano permettere ad una variabilità di opinioni di giungere poi ad una sintesi democratica.

Occorre rimettere al centro l’uomo-cittadino, favorirne la partecipazione ai processi decisionali ponendo la discussione come strumento di formazione e trasformazione delle scelte individuali, senza che ci si perda però nell’immobilismo dell’indecisione ma concretizzando quella indispensabile convergenza insita nei processi di una democrazia deliberativa.

In un confronto dialettico costruttivo, non solo vengono elaborate le scelte collettive, ma prendono forma e si modificano le stesse scelte individuali. La scorsa Amministrazione si è caratterizzata per la scarsa convocazione delle Consulte, pur previste nel Regolamento Comunale, per non dire di alcune specifiche Commissioni e ciò ha determinato l’allontanamento del cittadino dai processi di partecipazione e l’assunzione di un’idea di larvale trasparenza dei processi deliberativi.

Riporre l’uomo-cittadino al centro del sistema socio-politico deve, dunque, essere un’azione prioritaria per indagare sulle problematiche della città e le istanze emergenti: lo stato della sicurezza effettiva e percepita; il disagio sociale diffuso; le difficoltà economiche del singolo, delle famiglie e delle attività commerciali ed industriali; le tematiche ambientali; le periferie isolate; le più varie condizioni di degrado; il senso diffuso di sfiducia verso le istituzioni.

Il senso civico di responsabilità imporrebbe alle espressioni politiche del centrosinistra della nostra città, che hanno nei tempi recenti tracciato un solco comune, ad intraprendere con umiltà, pari dignità, coraggio ed entusiasmo un nuovo stimolante e costruttivo percorso insieme a tutti coloro che vogliano condividere le stesse finalità.

Non è più il tempo dell’uomo solo ma di più uomini che sappiano lavorare assieme nel rispetto reciproco consci che la diversità promuove e favorisce lo sviluppo di nuove idee, nuovi percorsi e delinea nuovi confini ed ulteriori orizzonti. È il tempo di trasmettere messaggi chiari ed univoci».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 29 gennaio 2019 alle 04:58 :

    Permane il gusto della retorica, in questo caso anche assai prolissa, con l'idea che più concetti aulici si esprimano, più facciano effetto. Verso chi, non si sa, visto l'atavico disinteresse, non motivato certo dalla cattiva politica, ma proprio esso causa prima di quest'ultima, del cittadino. E' difficile in effetti inventarsi qualcosa di nuovo, ed infatti il lungo articolo non contiene, ma è sinceramente meglio così, precisi spunti programmatici, ma solo dichiarazioni di intenti, che fanno comunque trasparire buona volontà e sincerità. Personalmente ammiro per principio chi si mette in gioco: è una dote che mi manca, per scetticismo, coraggio o considerazione di essere forse inadeguato. Sinceri auguri quindi, in mancanza di volti nuovi, a Loizzo, e anche agli altri che si candideranno. Rispondi a salvatore di gennaro

Le più commentate
Le più lette