Verso le amministrative

Lenoci al debutto da candidato sindaco: «Con me una rete civica che punta alla concretezza»

Ieri sera è stata presentato il progetto politico. L'intervista

Politica
Corato mercoledì 07 novembre 2018
di La Redazione
Emanuele Lenoci presenta la sua candidatura a sindaco
Emanuele Lenoci presenta la sua candidatura a sindaco © CoratoLive.it

«Non puntiamo al “libro dei sogni”, ma alla realizzazione di pochi punti programmatici, di concreta realizzabilità». Ha esordito così, ieri sera, Emanuele Lenoci, presentando sua candidatura a sindaco di Corato a circa sette mesi dalle elezioni amministrative di primavera.

Una scelta - quella di uscire allo scoperto quando manca ancora tanto alle votazioni - che, come spiega nella videointervista, parte da una doppia motivazione: «è un vantaggio competitivo avere più tempo per incontrare le persone ed ascoltarle, senza essere presi dalla fretta della campagna elettorale. E poi il mio nome stava già circolando in città e dopo un paio di mesi di attesa molti amici mi hanno invitato a formalizzare questo impegno per chiarire quali sono le nostre finalità e i nostri obiettivi».

Nelle sale di Corte Bracco dei Germani, Lenoci ha presentato il progetto politico: «siamo una rete civica che punta ad allargarsi» ha detto. Luca Cifarelli insieme a Maurizio Vernice, sono stati tra i primi ad aver promosso la mia candidatura. Con loro anche Cataldo Strippoli con Corato Popolare, collegato a Puglia Popolare; Alduccio Tarricone con Colpo di spugna e Nino Nesta, esperto di sport».

Non certo volti nuovi della politica coratina: «questo progetto nasce dall’esperienza che tutti noi abbiamo maturato negli anni scorsi e punta ad evolversi» ha aggiunto Lenoci. «Porteremo avanti una campagna pacata, determinata, sincera, senza attacchi personali gratuiti. Abbiamo inteso girare pagina. Abbiamo le idee chiare sul programma ma non è questa la sede in cui parlarne. Di sicuro porteremo avanti l’obiettivo relativo “al profilo di salute” della città, al fianco dell’associazione Onda d’urto per il registro tumori, non per creare allarmismi ma per approfondire le cause: il sindaco ha la responsabilità della salute dei cittadini, che non ha colore politico. Siamo aperti al dialogo con le altre forze politiche.

Rispetto, ascolto e dialogo: questi saranno i tre pilastri su cui si fonderà la nostra coalizione. Non mi vedrete mai attaccare un avversario politico. Vogliamo essere ricordati per aver imposto uno stile diverso, che ci permetta di voltare pagina e dare risposte alla città. Abbiamo bisogno di persone serie che non seguono la logica del do ut des».

La presentazione
«Alla luce delle recenti vicende politico-amministrative, si rende necessaria una nuova azione politica che sia di discontinuità rispetto al passato e possa essere percepita come tale dai cittadini con un taglio diverso, focalizzata, fortemente, sui problemi della Comunità.

Sollecitato da alcuni Movimenti Civici espressione della Società Coratina, soprattutto di chi ha subito la politica di vecchio stampo, ed è alla ricerca di una vera inversione di tendenza, ho accettato di candidarmi alla carica di Sindaco nelle prossime elezioni comunali a Corato, del 2019, dando corpo al Progetto di Rete Civica, che era nelle mie corde ormai da diversi anni.

Il Progetto Civico nasce nel solco di esperienze comuni, di quanti tra noi stanchi di rispondere alle Segreterie Politiche dei partiti tradizionali, hanno dato vita ad una nuova stagione di Civismo, che come recita la Treccani, è “Nobiltà di sentimenti civili, alto senso dei propri doveri di cittadino e di concittadino, che spinge a trascurare o sacrificare il benessere proprio per l’utilità comune”. Per questo noi tutti dobbiamo dare prova di civismo.

Sono quindi espressione di una coalizione di soli Movimenti Civici, trasversale ai colori politici, contraria alla polarizzazione della politica e alle barricate ideologiche, con le quali hanno diviso per anni gruppi propositivi come i nostri, che racchiude al suo interno persone motivate esclusivamente dalla voglia di cambiare il modo di fare politica e di convergere su un programma elettorale di governo che non sia il solito, classico, e ricorrente “libro dei sogni”, ma che esprima concretezza, fattibilità, innovazione, indotti economici e occupazionali, riduzione degli sprechi, incremento delle entrate senza inasprire la pressione fiscale ma cercando di diminuirla, ricerca di finanziamenti per opere pubbliche di interesse comune, e non solo che esprimano visibilità, dando priorità a ciò che serve di più, e non a quanto fornisce più visibilità politica, rinforzo in termini di risorse umane della “Macchina Comunale”, il cui organico è ridotto ai minimi termini, e quant’altro si andrà di comune accordo a determinare sulla base delle linee guida condivise, “conditio sine qua non” perché questa coalizione possa allargarsi ad altre espressioni del Civismo Coratino.

La perdita d’importanza dei partiti politici a scapito di altre variabili tra le quali, come nel nostro caso, i Movimenti Civici, stanno trasformando il modo di condurre le campagne elettorali. Si va accantonando la precedente “americanizzazione della politica”, verificatasi nelle campagne elettorali precedenti, che avevano sancito il passaggio dall’ideologia al marketing, dalla propaganda alla pubblicità elettorale, ad opera delle organizzazioni partitiche e ormai per noi anacronistiche, a favore di un ritorno alle campagne elettorali “porta a porta”, più consone ai Movimenti Civici che mi sostengono.

Il cambiamento delle regole del gioco dalla precedente elezione comunale alla prossima, ci ha motivati a ridefinire, più o meno radicalmente rispetto a quanto fatto da altri in passato, le nostre proposte, in termini di candidati ed alleanze da presentare nella prossima campagna elettorale. Siamo già certamente consapevoli del fatto che, in un momento di sensibile restrizione del voto d’appartenenza, di crescita del voto d’opinione e di mobilità ell’elettorato, la competitività di un candidato sindaco e delle liste che lo sostengono, si misura sempre più sulla qualità della loro proposta.

Emergono in questa descrizione tre caratteristiche principali che ritornano con forza nello stile politico di un buon candidato Sindaco, competenza e professionalità, rapporto continuo con la gente, decisionismo al momento giusto, se condiviso con tutti i Movimenti Civici di sostegno, come un valore positivo, che spesso ha la meglio sulle divisioni ideologiche.

La principale innovazione riguarderà la propaganda elettorale. Contenuti e forme si dovranno uniformare ad uno stile diverso. Speranza, generosità, voglia di fare, di questo ha bisogno un Comune come il nostro per riprendere a crescere. Avere fiducia nei propri mezzi, nelle proprie risorse, trovare la forza di cambiare.

La nostra comunicazione si deve fondare su 3 pilastri: rispetto, per tutti anche per i nostri avversari politici. Quindi NO ad attacchi personali, SI a valorizzare gli aspetti positivi della nostra proposta, evitando le provocazioni mediatiche dei social; ascolto, attivamente dobbiamo raccogliere i bisogni dei cittadini; dialogo, con tutti, cittadini, associazioni di categoria, imprenditori. Promettiamo solo ciò che possiamo mantenere e che siamo sicuri di realizzare.

La differenza di personalità, capacità, dei Movimenti Civici che mi sostengono e sosterranno, costituiranno come fossero un tutt’uno, un granitico team inscindibile, animato solo da sani propositi e voglia di avviare un processo di rilancio del tessuto socio-culturale-imprenditoriale della nostra cara Corato, con una particolare attenzione alle PMI, agli Artigiani e ai Commercianti.

Il rapporto con gli elettori e i cittadini si configurerà, in questa prossima competizione, come una vera e propria “campagna elettorale permanente”, che si sostanzierà in una ricerca continua del contatto diretto con i cittadini e con la gente comune, al di fuori delle precedenti appartenenze partitiche di questi ultimi e di ognuno dei miei sostenitori.

Un momento utile, se non altro, a stringere sempre più, e ad attivare, i nodi della Rete che andremo a creare nella “campagna permanente”, con una attività di networking, intendendo con questo termine la creazione e la gestione della comunicazione con tutti gli elettori, in maniera semplice, genuina, e soprattutto smart.

Il tutto, esplicitando in maniera chiara ed evidente una brusca e repentina inversione di tendenza, riavvicinandoci alla gente, e parlando con loro dei problemi e delle necessità della Città, quindi una sorta di brain storming itinerante, con la quale recepire disfunzioni, consigli, indirizzi, e proposte di soluzioni, da selezionare ed eventualmente far proprie e adottare, se risolutive ed efficaci.

Abbiamo le idee chiare. Il Programma che sarà condiviso dalla coalizione quando ne definiremo il perimetro, avrà pochi punti qualificanti e realizzabili.

Su un punto, prendo un impegno solenne: dei nostri concittadini, che non ha colore politico, ma è il bene primario.

Obiettivo: “Il profilo di salute”. Per raggiungere questo obiettivo sono necessarie 2 azioni: istituzione dell’osservatorio comunale sulla salute e nello specifico quello sulle neoplasie. Vogliamo capire, non creare allarmismi, perché solo attraverso la comprensione si possono mettere in campo soluzioni adeguate; quindi sosterremo la petizione dell’Associazione Onda d’urto e del suo Presidente. Istituzione di un sistema di monitoraggio dei fattori inquinanti dell’Ambiente, in rapporto e stretto confronto con l’Arpa Puglia.

Il nuovo modello di rappresentanza politica, dopo quest’ultima, deludente amministrazione, esige scelte innovative nel modo di fare politica, di rappresentare gli interessi delle collettività e di selezionare la classe politica che dovrà amministrare la nostra amata Cittadina. Io e la coalizione di Movimenti Civici che mi sostiene, tutto ciò lo abbiamo intuito e lo renderemo operativo in uno stile di rappresentanza che avrà i suoi aspetti peculiari nel rapporto diretto con gli elettori. Il primo aspetto rappresenta l’elemento di discontinuità rispetto al passato. L’attenzione al rapporto con il cittadino-elettore, alle organizzazioni di categoria, alle loro lecite richieste, dovrà essere posta in essere attraverso un’organizzazione trasversale e ben integrata dei nostri Movimenti Civici, dedita alla fidelizzazione continua nel tempo dell’elettore (“campagna permanente”).

Ipoteticamente si possono individuare tre possibili effetti della prossima campagna elettorale sul comportamento di voto: di conversione, se andasse a determinare un cambiamento di voto rispetto agli orientamenti politici pregressi, come si suppone dovrebbe accadere; di rinforzo, se andasse a dare ulteriore consistenza alle predisposizioni politiche precedenti, cosa, questa, molto improbabile, se non impossibile; di attivazione/riattivazione di quelle latenti; quindi il nostro piano di comunicazione elettorale, congiuntamente al nostro programma politico per la Città, a redigersi sulla base delle linee guida già condivise, e al piano strategico-elettorale con cui la condurremo, dovranno basarsi fondamentalmente sulla prima e la terza.

A riguardo del primo punto, di conseguenza diffonderemo e sottolineeremo il concetto che gli Italiani stanno cambiando, che sulla scorta di quanto accaduto nelle scorse politiche ciò potrebbe riflettersi parzialmente anche in periferia, che è il momento giusto per dare una spallata al sistema, e quant’altro argomenteremo a corredo di questi principi. In relazione invece al terzo punto, dovremo ricercare nelle pieghe sociali chi non ha voce, e diventare la loro cassa di risonanza; chi non ha più fiducia nelle istituzioni, e ridare loro fiducia; tutto questo mettendo in rilievo il nostro nuovo modo di far politica, cominciando dalle fasce più basse e deboli della scala sociale, e quant’altro necessario a garantire loro che potremmo rappresentare la loro ultima speranza di voltare pagina.

L’autonomia necessaria, che riviene da questa scelta strategica dà un punto di riferimento importante all’elettore contrario alle varie logiche clientelari, che ha sempre fatto a meno di percorrere la classiche e ricorrenti “scorciatoie preferenziali”, anche a costo di rinunciare a molti ambiti traguardi. Altrettanto importante dovrà essere la costanza e la convinzione nel voler cambiare veramente, dimostrandolo prima, durante, e soprattutto dopo la campagna elettorale, ma questa volta con i fatti, e non solo con gli slogan ad effetto, che inevitabilmente finirebbero per divenire boomerang politici, se alle parole, come quasi sempre è accaduto in passato, non dovessero seguire i fatti.

Quindi si dovrà essere chiari con gli elettori, fin da ora. È la sola strategia vincente per riavvicinare gli elettori delusi alle urne, che dovranno essere il nostro target elettivo da raggiungere con il nostro messaggio elettorale di rinnovamento.

Prendiamo già da adesso le debite distanze dal fare il contrario, e “dare corda” a chi ci dovesse chiedere attenzioni “personali” di ogni tipo, da adottare a scapito degli aventi diritto. Rifiutiamo fin d’ora il loro consenso elettorale “condizionato” dalla storica e sporca logica del “do ut des”, e lasciamo che questo “genere” di elettori vada a votare altri candidati.

Dovremo, invece, assistere le numerose vittime delle ingiustizie politiche, delle gestioni anti meritocratiche, quindi in generale delle scorribande dei tanti “oligarchi e pseudo feudatari” a cui si è dato purtroppo spazio».
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 09 novembre 2018 alle 08:38 :

    Caro Amedeo, ti ringrazio per la considerazione. In effetti io, teoricamente (e sottolineo con enfasi l'avverbio) potrei essere in grado di gestire un qualcosa a livello amministrativo (è congrua, la mia vecchia laurea). Ma in me esistono due anime: quella "rivoluzionaria", che nota molte discrepanze e vorrebbe eliminarle, e quella empirica, che si accorge che esiste una realtà ormai consolidata, a me talvolta avversa nei principii fondamentali. Fino a quando prevarrà la seconda sfaccettatura, sarà difficile smuovermi, a meno che qualcuno non mi aiuti a farlo. Cosa rimane quindi in me? Il ricordo della stima e del piacere che provavano i miei colleghi nello stare e nel lavorare con me, presso il Centro di Controllo del Traffico Aereo di Roma. Sentore reciproco, comunque. Cordialità. Rispondi a salvatore di gennaro

    Amedeo Strippoli ha scritto il 09 novembre 2018 alle 17:51 :

    Ci ho provato! Rispondi a Amedeo Strippoli

  • salvatore di gennaro ha scritto il 07 novembre 2018 alle 14:15 :

    Un programma troppo lungo. Riecheggia continuamente il desiderio di "parlare con la gente": la gente non vuol parlare, anzi, è del tutto disabituata al dialogo, a furia di ascoltare in tv, in silenzio e senza possibilità di replica, la miriade di personaggi squallidi che dominano la scena televisiva, pontificando compiaciuti, in attesa dell'immancabile applauso che il pubblico-scimmia loro tributa, su ordine del capo claque-domatore. Quei pochi sani di mente rimasti, vogliono concretezza. La retorica dei lunghi discorsi è un "vezzo" locale: c'è poca gente che parla tanto e molti che ascoltano solamente, perché non sanno cosa pronunciare di valido o di interessante. Auguro comunque un successo ad Emanuele: candidarsi è pur sempre un impegno, che personalmente non posso non apprezzare. Rispondi a salvatore di gennaro

    Amedeo Strippoli ha scritto il 08 novembre 2018 alle 17:42 :

    A quando la sua di candidatura, in considerazione che ha una conoscenza molto approfondita della politica cittadina e dei suoi mestieranti. Peraltro, Lei ha una vasta e approfondita cultura e nello specifico mi sembra che possieda una laurea proprio in scienze politiche. Quindi chi meglio di Lei potrebbe far da timoniere di questa nave chiamata Corato. Rispondi a Amedeo Strippoli