​«Le ultime vicissitudini della vita amministrativa, degli ultimi giorni, non possono che indurci verso una svolta politica seria che metta alla porta i tanti faccendieri»

Verso le amministrative, il circolo di Liberi e uguali elegge il nuovo coordinatore

L’assemblea, che si terrà in piazza Umberto 1 alle 20.30 del 28 settembre, è aperta agli iscritti ed ai simpatizzanti di Leu

Politica
Corato venerdì 21 settembre 2018
di La Redazione
Liberi e uguali
Liberi e uguali © n.c.

Il circolo di Liberi e uguali (Leu) si dà appuntamento alle 20.30 del 28 settembre per eleggere il suo nuovo coordinatore. L’assemblea, che si terrà in piazza Umberto 1, è aperta agli iscritti ed ai simpatizzanti del partito.

«Viste le prossime competizioni elettorali, sia locali che europee che mirano dal basso a creare un cambiamento radicale nella vita quotidiana delle persone, il circolo di Corato si mette in gioco, proponendosi in primo luogo di rinnovarsi dal suo interno, eleggendo un nuovo direttivo.

Dai lavori della assemblea infatti - scrivono da Leu - verrà eletto un nuovo coordinatore che guiderà il circolo nelle delicate fasi della campagna elettorale.

Le ultime vicissitudini della vita amministrativa, degli ultimi giorni, non possono che indurci verso una svolta politica seria che metta alla porta i tanti faccendieri che mercanteggiano i propri interessi anteponendoli ai bisogni della città, proponendo invece personalità nuove e di sani principi che possano in primo luogo dare una guida morale alla nostra città».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 22 settembre 2018 alle 20:14 :

    I nomi positivi e beneaguranti dati ai vari partiti e movimenti che costellano il panorama politico italiano non attirano più di tanto gli eventuali simpatizzanti, poiché li considerano banali, troppo comuni, falsi. Penso che una compagine chiamata, non so, "Menefreghisti ed approfittatori" otterrebbe più adesioni, per due motivi: l'apprezzamento da parte della gente verso la mancanza della solita ipocrisia che domina la politica; il sentirsi, sempre da parte della persone, più affini, per la natura umana in realtà zeppa di difetti, a tali sentimenti. Sto chiaramente scherzando (ma non troppo). Rispondi a salvatore di gennaro

  • Angela Mazzilli Ventura-Corato ha scritto il 22 settembre 2018 alle 14:53 :

    Non mi sento "libera" e neanche "uguale" in questa società che viviamo. Ma SOLO "pestata" dai delinquenti,dai ladri,dagli ipocriti,dai FINTI poveri. Se volete prendere qualche (dico qualche) voto,vi consiglierei di cambiare nome al vostro partito. Rispondi a Angela Mazzilli Ventura-Corato