​Con 14 voti favorevoli e 4 contrari

Approvata la convezione Comune-Terna, via libera alla delocalizzazione dell’elettrodotto

Sindaco: «si compie un punto fondamentale del programma». L’opposizione: «si andrà a mettere l'elettrodotto sopra case e opifici già esistenti». Caputo: «si poteva fare di più e meglio»

Politica
Corato martedì 11 settembre 2018
di La Redazione
Elettrodotto
Elettrodotto © CoratoLive.it

Con 14 voti favorevoli e 4 contrari nell'ultimo consiglio comunale è stato approvato il testo degli “Accordi associati all’elettrodotto 150 kV Corato - Bari industriale 2” proposta da Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale.

Nello scorso mese di marzo, sfogliando le bozze in possesso dei consiglieri, si leggeva che Terna proponeva al Comune di procedere verso la realizzazione di un progetto che consentirà la delocalizzazione dell’elettrodotto della zona 167 «in aree a minor antropizzazione, in modo da ridurre i diversi impatti per le popolazioni locali e minimizzando l’interferenza con le zone di pregio naturalistico, paesaggistico e archeologico».

Un progetto che non corrisponde alla realtà nella parte in cui descrive il territorio. Nella convenzione di Terna infatti si legge che «il Comune dichiara che lungo le aree potenzialmente impegnate dai tracciati individuati e dalle proposte di varianti non vi sono abitazioni/edifici/recettori che non consentirebbero la realizzazione dell’intervento ove autorizzato». Invece, com'è noto, non è così, visto che in quella zona le case non mancano.

Come previsto dalla legge Terna si impegna a «compensare gli impatti territoriali legati alla realizzazione dell’intervento» partecipando alla «realizzazione di opere di pubblica utilità per un massimo di 100mila euro, iva inclusa».

A ricordare a tutti questi aspetti della questione sono stati i consiglieri di opposizione.

«Io non voterò questo provvedimento - ha detto Aldo Fiore - Noi stiamo dicendo che l'unica soluzione è questa e non ce ne sono altre mentre altri si sono opportunatamente impegnati a fornire altre soluzioni che noi oggi non vogliamo prendere in considerazione.

I residenti della 167 non devono minimamente sentirsi minacciati perché l’elettrodotto lì non può rimanere, lo ribadisce in modo inequivocabile e chiaro Terna. L’azienda oggi non sta facendo un favore al territorio di Corato, lo deve fare perché lo esige Enel.

Bitonto, per esempio, e altri territori dove ho letto protocolli d'intesa fatti nel 2008, si sono preoccupati di prendere questa linea e portarla oltre quello che era il dovuto, cioè ancora più in zona agricola, superando di un chilometro e mezzo il luogo in cui era stata prevista.

A Corato cosa stiamo facendo? Stiamo mettendo un’infrastruttura che durerà oltre mezzo secolo, in una zona con difficoltà paesaggistiche e dopo il parere del Ministero dell'Ambiente che ci indica una serie di criticità.

Dopo aver parlato direttamente con il dottor Luca Ferreri di Terna, posso affermare che l’azienda conferma che sta seguendo solo le indicazioni date dal Comune: se fosse arrivata una proposta diversa avrebbero sicuramente rivisto il tracciato. In passato hanno costruito nuove case sotto l’elettrodotto, oggi si andrà a mettere l'elettrodotto sopra case e opifici già esistenti».

«Fiore - ha risposto il sindaco - parlando delle criticità sollevate dal Ministero, si riferisce ad un documento del 2017. Nel 2018 invece, se la commissione Via ha licenziato favorevolmente il progetto vuol dire che quelle osservazioni che erano state sollevate, sono state condivise, superate, attenuate. Comunque si è giunti all'esito favorevole della decisione.

Ti assicuro che Terna non aveva tra le opere strategiche a realizzarsi e da inviare a valutazione Via questo impianto. Terna lavora come il Comune: si chiede “quant'è il budget che ho a disposizione per fare opere? X miliardi di euro; cosa faccio con questi X miliardi? Porto l'energia sottomarina a Ischia o vado a fare il tronco di 36 km Modugno-Corato industriale?”.

Oggi si compie un punto fondamentale del programma. Dal momento in cui avranno la disponibilità, non so se l’hanno già ottenuta da tutti i Comuni, avranno 24 mesi per armare la nuova linea e smantellare la precedente a regola d'arte».

«L’opera dell'elettrodotto presente nella zona 167, sbaglio o inizialmente era stata inserita in un progetto di riqualificazione delle periferie? - ha replicato Tommaso Loiodice - E perché all'epoca qualcuno decise di non seguire più quel programma ma di delocalizzarla nella zona cuscinetto? Perché aveva avuto la garanzia che era un'opera necessaria che l'Enel doveva assolutamente fare. Stasera scopriamo che anche questo non è vero perché è solo grazie all'intervento di questa amministrazione che ha avuto la priorità e l'iscrizione nelle opere strategiche nazionali. Allora siamo stati presi in giro non una volta, ma più di una volta sulla questione Terna e sulla questione dislocamento. Per cui, o ci hanno detto la bugia prima o ci si sta dicendo la bugia oggi.

Su una cosa, è vero, sono d'accordo: si raggiunge l'obiettivo di delocalizzare, di togliere questo benedetto elettrodotto nella zona 167. Questa sarà l'unica cosa vera di tutta la vicenda nel momento in cui sarà fatto. Però, come si arriva a questo obiettivo? Io preannuncio che anche come gruppo del Partito Democratico daremo il nostro voto contrario. A Barletta l'interramento è stato fatto, a Corato si sta andando a dare il nullaosta a quest'opera senza aver insistito più di tanto con tutte le forze che avevamo. Terna non aveva problemi a progettare da una parte o dall'altra. Lo dico con molta sincerità: se stasera fossi convinto che quella è l'unica soluzione attuabile sul nostro territorio, io direi andiamo avanti. Il problema è che io, e penso parecchi di voi, non siamo convinti fino in fondo che si siano stati espletati tutti i tentativi per capire se quella è l'unica e possibile soluzione. Si è parlato di soluzioni alternative però non c'è stata la volontà di affrontare e di studiare fino in fondo quali potessero essere le criticità.

Come Comune non possiamo dire che nei confronti della città abbiamo espletato tutte quelle che erano le possibilità per arrivare con convinzione alla determinazione che quella dove sorgerà il nuovo elettrodotto, sia la migliore e l'unica soluzione attuabile».

«Se decidessimo di portarlo ancora più a nord - ha ipotizzato Franco Caputo - troveremmo sicuramente un viticultore o un coltivatore di uliveti che potrebbe contestare la presenza dei tralicci che minano la qualità delle coltivazioni; e non parlo di abitazione dove il diritto sarebbe ancor più legittimo. È vero, si poteva fare di più e meglio».
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Amedeo Strippoli ha scritto il 17 settembre 2018 alle 13:52 :

    Bastava semplicemente interrare i cavi della dorsale urbana, come fatto in tanti comuni d'italia con problemi simili. Evidentemente non era possibile per motivi che posso intuire, ma non esternare. Rispondi a Amedeo Strippoli