La nota

Quote Asipu al Comune di Ruvo, movimento Schittulli: «Proposta da respingere»

«Meglio farebbe Asipu e l'amministrazione Mazzilli a concentrarsi sulla attività interna intensificando i servizi in essere.In più l'ingresso del Comune di Ruvo non porterebbe alcun incremento economico/patrimoniale significativo»

Politica
Corato mercoledì 22 agosto 2018
di La Redazione
Il centro di raccolta rifiuti Asipu di via Castel del monte
Il centro di raccolta rifiuti Asipu di via Castel del monte © CoratoLive.it

Risale allo scorso 6 agosto la delibera di giunta con cui il Comune di Ruvo di Puglia ha manifestato l'intenzione di acquisire alcune quote dell’Asipu, la società coratina che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in città.

Una proposta che, secondo il movimento Schittulli, andrebbe «rispedita al mittente».

«In merito alla proposta del Comune di Ruvo di P. di acquisire (mediante conferimento di un automezzo CAM) delle quote della nostra Asipu credo sia doveroso evidenziare alcuni aspetti per meglio comprendere come sia da respingere al mittente tale intento» scrive il coordinatore Mario Matteo Malcangi.

«Asipu nasce come azienda di servizi la cui opera è rivolta prevalentemente (se non esclusivamente) al territorio del nostro Comune. Nel corso del tempo grazie alle capacità, i mezzi e le certificazioni acquisite ha ampliato il suo raggio di azione intervenendo anche (per gestire l'emergenza!) in comuni vicini (Ruvo,Terlizzi,Minervino).

Tale lodevole crescita però ha senso se fatta senza deteriorare la qualità del servizio svolto a Corato. E questo francamente non sembra sia avvenuto.

Meglio farebbe Asipu e l'Amministrazione Mazzilli a concentrarsi sulla attività interna intensificando i servizi in essere (raccolta differenziata, pulizia strade, derattizzazione, disinfestazione ecc.) e tornando a mettere ad uso i tanti (troppi) mezzi che da anni sostano inoperosi in azienda;

Meglio farebbe Asipu e questa Amministrazione ad avviare il percorso attraverso il quale giungere alla stabilizzazione delle tante risorse umane occupate da anni con contratti a breve termine la cui professionalità acquisita meriterebbe di essere riconosciuta con una assunzione definitiva.;

Infine sotto l'aspetto prettamente tecnico l'ingresso in Asipu del Comune di Ruvo non porterebbe alcun incremento economico/patrimoniale significativo. Servirebbe a Ruvo per superare i limiti temporali della gestione dell'emergenza e darebbe adito ad altri comuni per formulare analoghe richieste».

Lascia il tuo commento
commenti