La novità

Ordinanza scuola, le indiscrezioni dai sindacati: da lunedì 22 tutti gli studenti tornano a distanza

Stop" alla presenza per le prossime settimane per tutti gli ordini di scuola, inclusa l'infanzia. Eliminata la possibilità di scelta per le famiglie. Limite del 50% in presenza per classe per alunni con bisogni educativi speciali

Politica
Corato venerdì 19 febbraio 2021
di La Redazione
Scuola, aula alunni in Dad DDI
Scuola, aula alunni in Dad DDI © AndriaLive

È terminata dopo le 22 la riunione tra l'assessore regionale all'Istruzione, Sebastiano Leo, e i sindacati della scuola, in vista dell'attesa ordinanza che dovrebbe essere emanata domani. La novità più rilevante sarebbe lo "stop" alla presenza per le prossime settimane per tutti gli ordini di scuola, inclusa l'infanzia, con attivazione della didattica digitale integrata.

Tra le altre indiscrezioni: eliminata la possibilità della scelta delle famiglie tra didattica in presenza o a distanza; limite del 50% in presenza per classe per alunni con bisogni educativi speciali o con altri problemi che le scuole hanno facoltà di valutare; piena attenzione al Piano vaccinale che parte da domani. È stato inoltre revocato lo sciopero di lunedì 22 febbraio indetto proprio per contrastare il contenuto delle precedenti ordinanze regionali.

«L’Amministrazione regionale - è emerso al termine della riunione - alla luce della recrudescenza dei dati di contagio a causa della diffusione della cosiddetta “variante inglese” e al fine di rallentare la curva epidemiologica su tutto il territorio pugliese, comunica che con la prossima ordinanza disporrà la didattica digitale integrata al 100% per tutte le scuole di ogni ordine e grado al fine di procedere alla vaccinazione di tutto il personale scolastico».

«Dopo ampia e approfondita discussione - si legge nel verbale dei sindacati - le parti concordano quanto segue. La regione accoglie la richiesta delle OO.SS. di eliminare dall’ordinanza l’attribuzione della facoltà di scelta alle famiglie in merito alla frequenza a distanza o in presenza degli studenti. La regione avvia una massiccia campagna di vaccinazione di tutto il personale scolastico, anche alla luce dell’alto tasso di adesione (tra il 70% e l’80%), che è stato riscontrato in tutte le province, al fine di garantire la ripresa in sicurezza della didattica in presenza al 100%. Le OO.SS. impegnano la regione ad avviare immediatamente il piano sanitario deliberato dalla giunta che prevede 355 unità di personale (Toss) assegnati alle singole scuole in modo da garantire uno screening di massa periodico».

Il provvedimento sarà in vigore dal prossimo lunedì.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • disperato ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 14:55 :

    E' una vergogna.....chiudono scuole, bar, pizzerie e lasciano aperte le frontiere...che senso ha???? Se vogliamo veramente combattere il virus bisogna chiudere tutto evitando che le persone si spostino da una nazione all'altra....altrimenti lasciamo tutto aperto.... Rispondi a disperato

  • canta che ti passa ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 12:10 :

    Praticamente si fa tutto normalmente, tutto davvero (guardatevi intorno...) ..... tranne la scuola, che chiude e che ha (già...) chiuso..... che VERGOGNA !!!!! Rispondi a canta che ti passa

    roberto ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 17:08 :

    appunto....la scuola e' la colpevole della diffusione del virus...come i runner di marzo... Rispondi a roberto

  • Del vecchio Martino ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 11:41 :

    Siete tutti esperti adesso, vedo che capite tanto di virus , diffusione e quant’altro, invece di lasciare i figli a scuola e andare al bar per una bella colazione educate i vostri figli da casa, ovvio che non faccio di tutta un erba un fascio. Rispondi a Del vecchio Martino

    Samira ghozzi ha scritto il 21 febbraio 2021 alle 07:24 :

    Caro Martino ci sono genitori che lavorano entrambi e non hanno nessuno come nel mio caso ho una bimba di 5 anni e l'altra di 10 che fai tu le lasci a casa da soli e anche in Campania purtroppo il nonni no ci sono più o in questo tempo di crisi dobbiamo lasciare il lavoro per stare con loro la scuola e un diritto ....secondo te chiudere le scuole risolvere il problema anzi adesso hanno più tempo di andare in giro Rispondi a Samira ghozzi

    luigi ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 17:07 :

    guardi che chi lascia i figli a scuola e va al bar, come dice lei, col suo commento inutile e sterile, (per non dire altro), non fa nulla di diverso da quello che fanno tutte le mammine che lavorano, soprattutto nel pubblico,...anche quest'ultime lasciano i bimbi a scuola e scappano in ufficio per il primo caffe' con la collega e la seguente sigaretta...per poi fare l'altra pausa caffe' alle 10....e cosi via, finche' arriva il termine giornata e purtroppo si deve tornare a casa a sopportare figli e mariti..vero ? vai a dire a queste signore se sono piu' contente di andare a lavoro o di seguire i figli a casa...quelle del bar come dice lei, dopo l'espressino, che resta l'unico svago, poi trnano a casa a cucinare pulire e accudire mariti e figli che rientrano...RISPETTO PER TUTTI VOGLIO DIRE Rispondi a luigi

  • Costantino ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 11:09 :

    C'è casin. Chi dice bianco, chi dice nero. Intanto una cosa è certa che questo virus e "rut" Rispondi a Costantino

  • Giovanni ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 10:56 :

    tanto i ristoranti o pizzerie non moriranno di fame per 3 settimane di chiusura...avete dimenticato quanto si paga un normale pranzo fuori o una pizza ? quanto realizzo hanno suiloro prodotti...visto ache che hanno dimostrato di non rispettare le regole sui coperti e sui distanziamenti....chiudete tutto...aperti solo alimentari e farmacie...tutto il resto stop e forse vedremo qualche risultato....sempre che le notizie sull'andamento del virus siano tutte vere....chi lo puo' dire....invece chiuduno la scuola e tuttoil resto aperto....e' tutto cosi incredibile.... Rispondi a Giovanni

  • ernesto ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 10:50 :

    a questo punto visto che il virus continua ad essere cosi pericoloso abbiate il coraggio di chiudere tutto ma tutto come a marzo 2020 ed anche di piu..ed invece chiudete le scuole...ma soprattutto infanzia e materna come si fa a chiuderle...chi si occupera' dei bimbi a casa nei casi del doppio lavoro o nei casi di famiglie numerose...affidandoli ai nonni? ma non bisogna preservarli? o babysitter? ma non bisogna evitare contatti esterni al nucleo? e poi specie i piccoli cosa fanno tuttoil giorno a casa sui divani...e poi senza fare la loro vita di relazione con i loro coetanei...e' una vergogna...semplice prendersela con la scuola...i prof dovevano essere tra i primi vaccinati e tamponati ogni settimana...questo significa preservare la scuola...ABBIATE IL CORAGGIO DI CHIUDERE TUTTO.... Rispondi a ernesto

    Alfonso de Leo ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 11:39 :

    Metti la Babysitter se lavorate entrambi Rispondi a Alfonso de Leo

    ernesto ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 16:58 :

    che risposta del c.......o..!!! Rispondi a ernesto

    Rosanna Prisco ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 15:22 :

    Se uno nn lavora come lo paga genio Rispondi a Rosanna Prisco

  • Io ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 08:12 :

    Grandissimi! Poi il sabato tutti al mercato con i bimbi👍🏼 Rispondi a Io

    Rosanna Prisco ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 15:22 :

    Già Rispondi a Rosanna Prisco

  • Maurizio ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 08:04 :

    Lo sbaglio è stato fatto in estate ,dovevano rimanere chiuse le frontiere e le regioni..ora si è ad un punto di non ritorno!! Rispondi a Maurizio

  • Lucy ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 08:00 :

    I prof il contagio lo portano da casa,non si contagiano a scuola, stessa cosa per i bambini/ragazzi, le positività sono in famiglia!! Basterebbe un po' di coscienza da parte di tutti!! Rispondi a Lucy

  • Non se ne può ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 07:24 :

    Eeee bastaaa!!! State dicendo solo eresie. Ma non sentite i casi di positivi tra bambini e prof?? Qui non ne usciamo più! Statevene a casa! Smettetela con gli assembramenti in casa x festeggiare. È un anno che tutti noi non festeggiamo più ricorrenze, alcune più importanti di altre. Non paragonate la Puglia alle altre regioni, questo è il bello di poter governare indipendentemente la propria regione. Uno sforzo da parte di tutti per riavere la nostra libertà. Non cercate il colpevole ad ogni costo. La Puglia fino ad agosto era free, dopo....(le vacanze di qualche scapestrato) non si è capito più niente. Fatevi due domande e datevi sagge risposte. Incoscienti!!!! Rispondi a Non se ne può

  • Luca ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 06:59 :

    Ma qui davvero siamo fuori di testa !!! Chiudere scuole ,compresa quella dell'infanzia e poi lasciare aperte situazioni che facilitano l'assembramento!! Non tanto gli adolescenti, ma i bambini hanno BISOGNO di relazionarsi con i propri coetanei e la scuola primaria e quella dell'infanzia sono posti chiave perché ciò accada!! VERGOGNAAAAAA Rispondi a Luca

    Io ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 08:13 :

    Poi il sabato tutti al mercato con i bimbi💪🏼 Rispondi a Io

    Federica Ferrante ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 07:46 :

    Ormai è follia pura. Noi genitori che accettiamo passivamente siamo anche folli. Pagheremo le conseguenze, anzi già stiamo raccogliendo gli effetti negativi su questi bambini!!!! Rispondi a Federica Ferrante

  • Lia ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 06:29 :

    Manca di organizzazione scusate nn e neanche normale far rientrare 26 alunni tutti in una classe!!per quanto sia importante l,' istruzione prima la salute! Rispondi a Lia

  • Mamma delusa. ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 04:57 :

    Ce l'avete con la scuola, insomma. La prima cosa che si pensa a chiudere è la scuola. Ma se il covid è cosi grave e pericoloso perché allora non chiudono tutte le frontiere? Compresi gli sbarchi ininterrotti di clandestini che avvengono quotidianamente? Quanta ipocrisia, un vero e proprio controsenso. State governando male e distrosamente!!! Rispondi a Mamma delusa.

  • Brescia125 ha scritto il 19 febbraio 2021 alle 22:37 :

    Fate schifo. State distruggendo una generazione. Le scuole, insieme alle caserme e agli ospedali devono restare aperte. In Lombardia le scuole sono state aperte molto di più che in Puglia. Mi stupisco che un sindaco di spessore, insegnate, assecondi certe scelte. Chiudete tutto il resto: negozi, bar, ristoranti,... P. S. Anticipo le lamentele di qualcuno. Sono d'accordo a dare ai ristoratori i ristori. Almeno il 50% di quello dichiarato negli anni precedenti... 5000 euro all'anno lo Stato li trova. Rispondi a Brescia125

    Ss ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 00:41 :

    Mi scusi di qualche caserme parla?Perche’se parliamo dell’esercito.......La vita che ognuno desidererebbe.Non mischiate il sacro con il profano va’.Le scuole sono l’unico edificio a dover rimanere aperto.I ristoranti rispettando davvero le regole pure.Ma siccome le regole i ristoratori propri niente,chiudiamo anche quelloi Assieme ai parrucchieri.Ebbe’scusate! Rispondi a Ss

    Brescia125 ha scritto il 20 febbraio 2021 alle 09:00 :

    Nel senso che la scuola è un presidio che non bisognerebbe mai chiudere alla stregua di caserme e ospedali. Le scuole sono fondamentali per la vita sociale. Tutto il resto ... chiuso. Non si può tenere la "pizzeria " aperta e la scuola chiusa. Rispondi a Brescia125

  • Ss ha scritto il 19 febbraio 2021 alle 22:12 :

    Bene.Io spero che tanti provvedimenti vengano presi anche in estate.......E non solo per uccidere la scuola!Non si può andare avanti così. Rispondi a Ss