Lo sguardo alla Luce della giornata di ieri ha reso impossibile non prendersi cura del proprio corpo, lo spazio in cui tutti viviamo e che non deve in alcun modo essere trascurato

“Verso sud”: il quarto sguardo è diretto al “corpo”

Tutti gli appuntamenti in programma oggi e le immagini della giornata di ieri

Cultura
Corato sabato 15 settembre 2018
di La Redazione
Verso sud, sguardo rivolto alla
Verso sud, sguardo rivolto alla "luce" © Verso sud

Prosegue la cura di “Verso Sud” e per questa quarta giornata si sofferma sul Corpo. Lo sguardo alla Luce della giornata di ieri ha reso impossibile non prendersi cura del proprio corpo, lo spazio in cui tutti viviamo e che non deve in alcun modo essere trascurato.

E per guardare in questa prospettiva si fa più fitto il programma di oggi.

La prima parta della giornata. Si parte al mattino, alle 10.00 lo street artist Emanuele Poki e Daniele Geniale, illustratore e designer grafico passeggeranno con i presenti per le vie del centro storico discutendo rispettivamente di “Manutenzione dello sguardo” e di poesia Strada strada. A conclusione terranno i loro laboratori, di poster art e di poesia di strada riservati agli studenti.

Dopo le lezioni tenutesi presso Tutto in un Abbraccio e Masseria Coppa, Controra – Piccola scuola naturale si svolgerà all’aperto, in piazza dei Bambini, a partire dalle 10.00, analizzando “La parola che cura” con Hans Hermans, Giusi Quarenghi, Fuad Aziz e Angela Malcangi.

Ci saranno sorprese anche al Mercato dove, alle 11.30, i 180gr terranno un dj set per signore e buste della spesa.

La seconda parta della giornata. Nel pomeriggio, alle 16.30 in larghetto Mastrosanto, si prenderà il caffè della Controra con Enrico Castellani, Stefano Masotti, un artista e uno psicologo clinico chiacchierando sul tema “Da vicino nessuno è normale. Etica estetica delle condizioni differenti”

La disabilità non è una diversità, ma una condizione di vita. Ogni individuo è diverso dall’altro senza che per questo venga meno il valore. L’attenzione sta lì, sulla persona. La sua condizione, se proprio serve esprimerla, viene dopo.

Alle 18.30, in largo Aregano, Guido Celli leggerà “frammenti di un poema lirico nato per caso, tra il cardo selvatico, il geco, la ferula” durante il reading “Pietra, corpo, madre. Per un’idea di poema sulla murgia”.

Into c’ddar a seguire, Murgia, spettacolo di e con Michele Sinisi, attore e regista teatrale, segnalato come miglior attore under 30 in occasione delle edizioni 2000 e 2001 del Premio Ubu.

Lo spettacolo è la narrazione di un viaggio di ritorno. Un giovane natio delle Murge ignaro della sua identità di uomo e dei ritmi e idee del suo popolo, scopre per la prima volta quel paesaggio in una delle sue visite alla terra da cui è lontano: decide di restare?

Alle 20.30 al Teatro Comunale andrà in scena Purgatorio, con Enrico Castellani e ZeroFavole Teatro a cura di Babilonia Teatri.

Purgatorio è i nostri segreti e i nostri desideri. È un sacco da box che oscilla sopra le nostre teste. Le sue oscillazioni ci sfiorano e ci accarezzano. Ci cullano e ci sbattono. Non sono oscillazioni regolari, né continue. Sono scosse come quelle della corrente alternata. Il pendolo ci ricorda che la nostra parabola non è infinita. Ogni attimo il tempo di oscillazione diventa sempre più breve fino alla stasi. Alla pace. Con Purgatorio ci chiediamo se è dopo la fine che si comincia a purgare, come ci racconta Dante, o se invece, al contrario, con la fine si mette fine al nostro purgare.

Alle 22.00 in piazza Di Vagno, Amalia Franco e Anna Moscatelli si esibiranno in “Ogni notte ti metto insieme osso per osso”, performance site specific.

A seguire il concerto dei Ninos Du Brazil Vita Eterna con l’apertura di Maria Cristallo. Un concerto dei Ninos Du Brasil si pone tra l’esperienza mistica, un rito pagano e una festa carnevalesca. Una ricetta all’insegna del ritmo al cubo, al cospetto della quale stare fermi è praticamente impossibile.

Di nuovo poesia, a mezza notte in largo Abbazia con Dario Zumkeller e la sua “Vita Talassocratica”.

La poesia di Zumkeller getta l’immaginazione in scacco e sospinge l’ascoltatore a concepire una dimensione altra, composta da una logica ulteriore, un abbaglio di coscienza.

Si proseguirà fino a notte fonda con “Il peso del Vinile”, dj set con dischi in vinile dei 180gr.

Al termine, Into c’ddar (via Mercato, ang. via Lobello), Claudia Fabris sarà La Cameriera di Poesia.

Questa ristorAzione nasce dal desiderio di nutrire lo spirito con la stessa cura con cui si nutre il corpo, offrendo la possibilità di ascoltare le parole incorniciate dal silenzio, esperienza rara al giorno d’oggi, dopo averle scelte dai menù proposti, esattamente come in un ristorante.

Intanto, in via Casale, Fuad Aziz, lavorerà alla sua Arte Pubblica con “Il mio colore” opera che, come tutte quelle dell’artista ha in sé l’essenzialità delle cose primitive, e il colore dei sogni.


La giornata di ieri
E dall’oscurità si è fatta la luce: una luce fatta di parole e di musica, una luce fatta di pienezza e di emozioni, una luce fatta di cura.

Il tutto è iniziato con un caffè, quello della controra, quello delle chiacchierate e dei pensieri, quello in cui Donato Emar Laborante ha raccontato storia e respiri della Masseria Jesce, luogo in cui vive e di cui assorbe sfumature e storie, luogo in cui nascono le sue opere e le sue installazioni che vogliono ricucire la frattura che ha diviso l’uomo dal paesaggio.

Nel frattempo Claudia Fabris ha dato il via alla sua prima riVelazione della luce del primo momento di “Hombre” una vera e propria Lavanda dell’ombra umana proiettata dal sole, un lavarla con acqua e sale e asciugarla con panni bianchi, un prendersi cura di quell’altra parte di noi che pare essere comune ma che a volte si rivela un vero e proprio miracolo.

“Hombre” è poi proseguito con una personale fotografica e una videoinstallazione, attraverso le quali Claudia Fabris ha avuto modo di studiare la luce e la sua relazione con l’ombra e con la bellezza dei colori.

Su via Carmine, nella chiesa di San Francesco Roberto Latini ha interpretato il suo Cantico dei cantici..

Nel sogno-messinscena di Roberto Latini, la Sposa e lo Sposo del Cantico dei Cantici lodano all’unisono il sentimento che li unisce, li attraversa e li allontana. Da qui, forse, la volontà di far abitare il palco da una presenza androgina, una rockstar sul viale del tramonto, cappotto viola, lungo fino alle caviglie, parrucca scura, rossetto e gli occhi cerchiati di nero da un trucco pesante; una presenza che trattiene in sé il maschile e il femminile, l’amore e il rovescio della sua medaglia, la condizione in cui l’umanità vive in sua assenza: la solitudine.

In controluce si sono poi esibiti in concerto i Biondo Dio, un’esibizione “Dal vivo senza poesia”, tra ritmi ossessivi, pedali analogici e divagazioni elettroniche.

Con un lungo abito bianco, è tornata in Piazza Abbazia Claudia Fabris con “Ostia splendente del nonsenso e della luce”, un ultimo momento di parola, un ultimo momento di luce perché: “Non c’è buio se qualcuno parla”.

Into c’ddar, in Via Mercato ang. Vico Lobello si è poi esibito Andrea Nabel live, cantautore dal timbro originalissimo, con le sue melodie placide e crescendo impetuosi, trame acustiche, eleganze di contrabbasso e riff chirurgici di chitarre elettriche.

Lascia il tuo commento
commenti