​Saranno affrontate tematiche molto complesse e delicate per scoprire che solo attraverso l'educazione ai sentimenti è possibile un mondo più sano

“Cuori raccolti”, un viaggio poetico nella natura umana

L’appuntamento è per domenica (16 settembre) alle 19 negli ambienti del "Corato Open Space", in viale Ettore Fieramosca 169, nei pressi della scuola elementare Nuova Italia

Cultura
Corato venerdì 14 settembre 2018
di La Redazione
Aurora Taranto
Aurora Taranto © n.c.

Per un impegno etico e civile. Con questa motivazione domenica 16 settembre Corato Open Space ospita “Cuori raccolti”, il libro dell’autrice Aurora Taranto, il secondo volume della Collana Letteraria della Biblionumis Edizioni, con il patrocinio dell’Accademia Italiana di Studi Storici e Letterari.

Modererà Marina Stancarone, critica e autrice della Prefazione; Corrado De Benedittis, docente di Filosofia approfondirà l'aspetto sociologico del testo; interverranno poi Mirella Musicco, poetessa e presidentessa del premio internazionale SentieriDiVersi, e l’editore Luca Lombardi, membro del direttivo dell’Accademia Italiana di Studi Numismatici e della Società Napoletana di Storia Patria che si soffermerà sulla genesi dell’opera e sui progetti della casa editrice Biblionumis Edizioni.

La serata sarà accompagnata dalle note musicali di Rosanna D'Abramo e dalla voce di Claudia Claps, interprete, insieme alla stessa autrice, di alcune poesie tratte dall’opera. Si concluderà con un momento conviviale. L’appuntamento è alle 19 in viale Ettore Fieramosca 169, nei pressi della scuola elementare Nuova Italia.

Saranno affrontate tematiche molto complesse e delicate per scoprire che solo attraverso l'educazione ai sentimenti è possibile un mondo più sano.

Ascolto. Perché si sente anche col cuore. La parola è un potente medicinale contro le ingiustizie e un prezioso alleato nei conflitti interiori che riversiamo sul mondo esterno. La violenza non ha confini e non si può parlare di cultura se non si ha rispetto dell’uomo. La violenza genera violenza; l’amore genera amore. Sempre. Eppure qualcosa accomuna queste due realtà: se la violenza è la domanda, l’amore è la risposta. Siamo esseri in cerca di salvezza, in cerca di una religione, qualunque essa sia, ma soprattutto siamo esseri spinti verso un cammino in continua trasformazione.

Il cambiamento non solo è possibile, ma è inevitabile. A partire dalla carezza amniotica che riceve alla nascita, l’uomo si evolve e racchiude dentro di sé quell’abbraccio che non lascia che l’amore si depositi sul fondo, ma che esso emerga con forza inarrestabile. L’amore è ancora un mondo da scoprire. Una voce amica per i più piccoli, una guida per chi ne ha bisogno e uno scudo per i più deboli: “Cuori raccolti” si concentra sulla memoria del nostro tempo e ci offre una visione d’insieme sulle cose man mano che scende nelle nostre corde più delicate. La poesia non risolve, ma può aiutare facendosi portatrice di pace, amicizia, etica e amore.
Lascia il tuo commento
commenti