​Il festival di arte pubblica e arti performative, organizzato dall’Associazione culturale Lavorare Stanca, con il sostegno del Comune di Corato e della Regione Puglia

Verso Sud Festival, stasera si parte in “silenzio”

Alle 20.30 in piazza Abbazia l’inaugurazione di -termìa. Il respiro degli inconsistenti, mostra personale di Fabrizio Riccardi con testi critici di Gaetano Centrone

Cultura
Corato mercoledì 12 settembre 2018
di La Redazione
Verso sud
Verso sud © Verso sud

In silenzio si prende coscienza di se’, del proprio corpo e di tutto ciò che accade dentro e fuori da noi. È in silenzio che il corpo ci comunica di aver bisogno di una cura ed è dal “Silenzio” che prende il via la “Cura” di Verso Sud, festival di arte pubblica e arti performative, organizzato dall’Associazione culturale Lavorare Stanca, con il sostegno del Comune di Corato e della Regione Puglia.

Una “cura territoriale” basata sull’attenzione, sulle domande di uno sguardo che allarga i confini, incontra lo stupore e contempla il mistero, nelle piazze e nel centro storico di Corato.

Gli occhi di Verso Sud si apriranno, infatti, con la totale assenza della parola in modo da ascoltarsi e ascoltare anche e soprattutto percettivamente.

Alle 20.30 in piazza Abbazia con l’inaugurazione di -termìa. Il respiro degli inconsistenti, mostra personale di Fabrizio Riccardi con testi critici di Gaetano Centrone.

Le opere di Riccardi sono acropoli del ricordo, un tempio di macerie, intimo sentiero del rimosso. La sua pittura ha un odore più che una consistenza, il minimo comune denominatore è uno struggimento senza ragione, un sussulto di malinconia pacata. Un leggero disturbo coglie lo spettatore di fronte alle sue opere: i vuoti contano al pari dei pieni, nello spazio bianco si proietta un pallore vagamente mortuario, una cecità bianca e abbacinante, un’ode al silenzio.

A seguire Covarianze - Hybrid set, performance sonora di Pier Alfeo.

Alla successione degli eventi sonori è necessario un cambiamento di stato, le tensioni sono destinate al rilassamento per poi divenire nuovamente eccitazione e viceversa. Tali condizioni creano dipendenza reciproca: le compressioni e le rarefazioni s’influenzano tra loro condizionando l’andamento. Le sonorità elettroacustiche ed elettroniche si susseguono sfiorando le frontiere del rumorismo, del field recordings e della drone-ambient music; gesti e sfondi sonori coesistono, dialogano, raggiungendo dimensioni immersive.

Nel silenzio si esibirà poi Amalia Franco, artista indipendente e performer per il Teatro del Lavoro e La barca dei matti, IfOperetor production, con il primo quadro di Lasciare andare con grazia.

L’apparizione nasce dal silenzio del corpo, ovvero della materia: un silenzio che parla in lingue altre dalla nostra, e che pure sono non meno nostre. La domanda insinuante quanto banale che immerge in questo silenzio, in questa lingua, è “fino a che punto un corpo solido può sostenere la deformazione prima di rompersi?”.

Un viaggio magico, in una miscela di tensioni e distensioni, improvvisazioni magnifiche, lirismo ed energia pura, che catturerà l’ascoltatore in un suono incantevole sarà quello di Tandem, Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello in concerto.

Contemporaneamente, in Via D’Onofrio, Vico Gisotti lavorerà Never 2501, artista milanese dall’animo inernazionale, il quale, per la sezione Arte Pubblica di Verso Sud, si dedicherà all’opera Negative spaces / Dinamic influences.

I suoi lavori murali sono estremamente riconoscibili: linee ondulate bianche e nere che si alternano come i cerchi concentrici di un albero che si ripetono in modo quasi ipnotico. Ciò che più colpisce è l’assenza di colore, quasi totale. 2501 non è un’entità fisica. 2501 è lo spirito nel guscio, si trasforma nel tempo senza limiti stilistici o di media, si nutre dell’ambiente circostante proponendo nuove e sommerse chiavi di lettura, sa che per vedere l’alba non c’è altra strada che la notte.

Domani, il percorso di “Cura” di Verso Sud proseguirà attraverso il secondo sguardo, quello dell’Oscurità.

Lascia il tuo commento
commenti