La terza edizione

Poesia, teatro, musica e arte: è la "cura" di Verso Sud

L'anteprima alla "controra" realizzata domenica in larghetto Mastrosanto è stata l'occasione per presentare l'intero programma alla città

Cultura
Corato martedì 11 settembre 2018
di La Redazione
Verso sud
Verso sud © Verso sud

Una presentazione alla “controra”. Così, nelle primissime ore del pomeriggio di domenica scorsa, Giuliano Maroccini e Luigi Piccarreta hanno raccontanto alla città l'edizione 2018 del Festival Verso Sud. I vari punti del programma sono stati illustrati in larghetto Mastrosanto, sorseggiando un buon caffè con i presenti.

Il termine dialettale dà il nome ad un nuovo progetto del Festival, dedicato ai più piccoli. Per spiegarlo è intervenuta la curatrice Angela Malcangi: «“Controra – Piccola scuola Naturale” è un laboratorio di ricerca basato sui principi dell’educazione emotiva e sensoriale. La parola “controra” contiene un opporsi, un gesto contrario, un moto di rivoluzione; è piccola perché ha in sé i sogni dei piccoli; è scuola perché skholḗ in greco è il tempo libero, dedicato all’errare della mente. Naturale, perché cerca la naturalezza nell’apprendere, nel conoscere, nello scoprire. Ai bambini di oggi manca il contatto di prima mano con le cose semplici».

Il sindaco Massimo Mazzilli si è detto entusiasta di aver appoggiato il progetto sia dalla sua prima edizione seppure inizialmente fosse perplesso per la vastità degli eventi in programma. Ha illustrato i vari problemi del centro storico di Corato, diventato negli anni una sorta di periferia avendo problemi con l’impianto idrico, ma che: «attraverso un progetto di rigenerazione urbana, deve puntare ad essere un importante polo per giovani professionisti in ambito tecnologico e culturale».

Dell’installazione curata per “Controra” in larghetto Mastrosanto hanno parlato Giuseppe dell’Aquila e Michelangelo Olivieri: consente di creare l'ombra necessaria nello spazio urbano, utile nei momenti di conversazioni all'interno del Festival.

Per l’anteprima del Festival è intervenuto anche Aldo Patruno, direttore del Dipartimento cultura e turismo della Regione Puglia. Dopo aver ringraziato con enfasi i direttori artistici e tutti coloro che in maniera proattiva collaboreranno alla realizzazione del festival, ha esortato e mandato un invito agli operatori del settore cultura e turismo a creare relazioni, a fare rete. «Le tante realtà importanti presenti nella nostra Regione – ha detto Patruno - possono contribuire a creare un’offerta di qualità sempre maggiore che vada a consolidare il già tanto apprezzato brand “Puglia” oltre quella che può essere una moda del momento. Grazie a questa rete e alla crescita degli investimenti in cultura e turismo della Regione, spero ci sia un chiaro ritorno in termini di impatto economico sul territorio: Cultura può significare anche impresa e occupazione».

Conclusi i discorsi, come annunciato, non è mancata la "partita" a pallavolo fra i direttori artistici, gli organizzatori, Aldo Patruno e il sindaco.

Protagonista della giornata anche l’installazione d’arte a cura dell’artista salernitana Luisa Terminello, “Per il figlio”: è «qualcosa di bello - come lei stessa ha spiegato - Quando per la prima volta sono venuta a Corato ho notato questa casetta abbandonata, incastonata tra un alto palazzone frutto dell’abuso edilizio degli anni ’60-70 e una abitazione ristrutturata e suggestiva e me ne sono innamorata.

Fortunatamente siamo riusciti ad aver l’autorizzazione ad aprire le porte. È un lavoro ispirato al vostro territorio, io non sono una turista ma una passante e da passante ho notato che, allontanandoci dal centro abitato, c’è terra, tanta terra e fiori, che nonostante siano secchi, resistono a tutto e ho cercato di portare questi elementi nel mio lavoro».

La serata di anteprima di Verso sud è stata affidata alla musica: Santiago Cordoba, con "El ruido de las cosas", un progetto caleidoscopico che mescola diversi strumenti a percussione, loops, piano, chitarra e oggetti di natura.

Per consultare tutto il programma basta cliccare qui.

Lascia il tuo commento
commenti