Le esibizioni musicali hanno preso avvio il 9 luglio e si concluderanno il 26 settembre

Tra Castel del Monte e Liceo Artistico, Corato protagonista del Festival delle Murge

Il resoconto degli eventi tenutisi a Castel del Monte e nell'atrio del liceo artistico “Federico II stupor mundi”

Cultura
Corato mercoledì 21 luglio 2021
di La Redazione
Tra Castel del Monte e Liceo Artistico, Corato protagonista del Festival delle Murge
Tra Castel del Monte e Liceo Artistico, Corato protagonista del Festival delle Murge © n.c.

È entrato nel vivo il programma del 21° Festival delle Murge con gli appuntamenti tenutisi sabato 17 e domenica 18 luglio a Castel del Monte. Il trio d’archi La Stravaganza, con il violinista Alessandro Fiore, la violista Paola Rubini e il violoncellista Elia Ranieri ha presentato una rara e ricercata esecuzione dell’Ottocento tedesco dal titolo “Arte svelata”. “Quasi favellando in armonia” è, invece, il titolo del concerto eseguito nel cortile del prestigioso maniero nel quale il trio dei maestri de La Stravaganza, accompagnato dal basso continuo di Anna Rosa Ruta, ha dedicato l’incontro musicale al canto lirico.

I maestri hanno eseguito un programma di musica antica tra ‘500 e ‘600 cantato dal Maestro Vito Cannillo che, per alcuni brani, ha duettato con l’allieva Porzia Volpe. I testi musicali, in gran parte inediti, sono stati illustrati, nella loro genesi e contesto culturale, dal Maestro Cannillo al pubblico presente che, nel rispetto della normativa Covid, è stato contingentato. Tuttavia, pur se di numero inferiore, gli spettatori hanno usufruito di un’acustica particolare tutta racchiusa nelle tipiche facciate calcaree del cortile ottagonale.

Lo scenario suggestivo ha permesso di rievocare gli antichi fasti delle corti rinascimentali e barocche e di risalire ai tempi di Isabella d’Aragona e Bona Sforza quando Bari fu luogo di produzione delle cosiddette Villanelle. Tra il repertorio musicale, grande risalto hanno avuto, tra le altre, le musiche di Caccini e Monteverdi tutte inserite nello stile musicale del “recitar cantando” ampiamente spiegato al pubblico.

Il concerto di domenica è stato già il quarto appuntamento del Festival delle Murge e il Castel del Monte si inserisce nel fitto elenco di siti che la Direzione Regionale Musei Puglia ha messo a disposizione della Direzione Artistica del Festival organizzato e allestito, fin dalla prima edizione, dal Maestro Paola Rubini. Le esibizioni musicali hanno preso avvio il 9 luglio e si concluderanno il 26 settembre.

Oltre al parco archeologico di Canne della Battaglia, al museo archeologico e Castello di Gioia del Colle e al museo Pascali di Polignano a Mare, anche il Comune di Corato ha offerto diversi luoghi in cui si esibiranno maestri e allievi. Assieme al chiostro e alla Sala Verde del Palazzo di Città, che dal 23 al 28 luglio si aprono alla musica, si affiancano i siti di San Magno, Torre Palomba, il Duomo e piazza Abbazia.

Da quest'anno anche il liceo artistico “Federico II stupor mundi”, nella pace dell’ampio cortile sul retro, è stato teatro della prima nazionale "Mare Nostrum” con le melodie popolari delle Nazioni che si affacciano sul Mediterraneo, evento a cui hanno partecipato tanti coratini, tutti accolti seguendo sempre le direttive Covid. L'appuntamento dell’Orchestra Giovanile “Festival delle Murge” - tenutosi il 10 luglio - ha visto la luce dopo tanti mesi di chiusura pandemica ma la sua gestazione parte da lontano ed è nata attorno all’iniziativa ”Una bandiera per il Mediterraneo” in collaborazione con l’associazione Progetto Mediterranea. Il liceo artistico, con i professori Porzia Volpe e Paolo De Santoli e l’apporto di Michelangelo De Santoli, ha aderito con una propria proposta di bandiera, attingendo inizialmente notizie dalla trasmissione Linea Blu della Rai.

Nel cortile del liceo artistico sono stati ospitati dal dirigente scolastico Savino Gallo, l’assessore alla cultura, Beniamino Marcone, e il sindaco Corrado De Benedittis. Il primo cittadino ha subito dato la disponibilità della città di Corato ad esporre la Bandiera del Mediterraneo vincitrice del concorso. Le ospiti di Progetto Mediterranea, Francesca Piro e Lucia Angeli, hanno apprezzato l’accoglienza e dichiarato che la bandiera - offerta al dirigente Gallo e già esposta nell’atrio del Liceo Artistico assieme a quella della scuola – sarà a breve spedita al sindaco così come verrà inviata ai 30 capi di Stato dei Paesi mediterranei, ai vertici dell’UE, alle autorità italiane. «L’alza bandiera del 10 luglio - hanno commentato - rappresenterà per sempre una data importante per i Mediterranei. Rinnoviamo l’appuntamento al prossimo anno quando la vela di Mediterranea entrerà nell’Adriatico ed attraccherà anche a Trani».

A suggellare la presentazione (prima volta nel sud Italia) della bandiera vincitrice che, come detto sul quotidiano La Stampa da Simone Perotti, rappresenta “…  il primo passo, il simbolo di pace e integrazione, di coesistenza nella diversità che porterà inevitabilmente e necessariamente ai futuri Stati Uniti del Mediterraneo…”, la musica selezionata dalla direzione artistica che ha rappresentato il collante principale muovendosi lungo le coste del Mediterraneo. Partendo dall’Italia, con il brano originale ViolinTango, e seguendo in senso orario i confini del Mare Nostrum, la grande Orchestra Giovanile del Festival delle Murge ha toccato i brani simbolo della musica popolare delle nazioni estere tra cui Grecia, Siria, Egitto, Marocco, Spagna ed altri paesi ancora fino a ritornare all’Italia con l’esecuzione di celebri melodie come la Tarantella. Il Festival delle Murge, anche nell’estate 2021, si attesta a grande veicolo di messaggi comunitari da far suonare, fin da piccoli.

Lascia il tuo commento
commenti