Il fatto

Sconcerto al cimitero, distrutta la lapide sulla tomba di Fedele Tarantini

Il marmo è stato sfondato. ​La scoperta, decisamente amara, è avvenuta stamattina

Cronaca
Corato sabato 21 novembre 2020
di La Redazione
Distrutta la lapide della tomba del tenente Fedele Tarantini
Distrutta la lapide della tomba del tenente Fedele Tarantini © CoratoLive.it

La scoperta, decisamente amara, è avvenuta questa mattina: la lapide posta sulla tomba nel cimitero di Corato che accoglie la salma dell'ex commissario capo della polizia locale, Fedele Tarantini, è stata oggetto di un vile atto vandalico.

Il marmo, come si può vedere nella foto, è stato sfondato. Il fatto, che ha comprensibilmente sconcertato la famiglia Tarantini, è stato subito segnalato alla Polizia locale che ha avviato le indagini.

Sulla morte di Tarantini, deceduto il 26 luglio scorso nell'ospedale di Andria in seguito a un incidente domestico avvenuto cinque giorni prima, è tuttora in corso un'inchiesta aperta dalla Procura di Trani per fare luce sulle cause del decesso.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Victor ha scritto il 25 novembre 2020 alle 10:21 :

    Dal modus operandi immagino che hanno conseguito la laurea presso la Oxford University. Spiegazione ineccepibile. Rispondi a Victor

  • Niky nivk ha scritto il 24 novembre 2020 alle 16:48 :

    Se notate sulla scritta tarantini esce fuori sull altro lato invece rimane dentro. .. bene la mia spiegazione è questa nel momento del colpo dietro la lapide si forma una bolla d aria di conseguenza il frammento che cade fa sprigionare un deflusso d aria per cui un frammento tende ad uscire Rispondi a Niky nivk

  • fedelissimo ha scritto il 23 novembre 2020 alle 15:11 :

    Bravo Ing.Coratino finalmente una persona competente infatti ci doveva essere un colpo di un martello ed era diverso penso che solo uno stupido va a toccare i morti ........, Rispondi a fedelissimo

  • Aeldus ha scritto il 23 novembre 2020 alle 15:08 :

    Bastardi Ce ne fossero di quei vigili, oggi Rispondi a Aeldus

  • Filiberbo ha scritto il 23 novembre 2020 alle 06:54 :

    Prima di farci tanti film e colpevolizzare persone che non hanno colpa aspettiamo i risultati delle indagini delle forze dell'ordine. Condivido pienamente l'ipotesi dell'Ing Coratino che sostiene che potrebbe essere un cedimento strutturale che a causato la rottura della lapide. Spero che l'ipotesi sia questa altrimenti non avrei parole per giustificare il gesto vigliacco. Rispondi a Filiberbo

  • Ing. coratino ha scritto il 22 novembre 2020 alle 00:05 :

    Scusate osservate bene la foto la lastra di marmo si presenta con i pezzi che si spingono dall’interno verso l’esterno. Se fosse stata colpita sarebbe esattamente il contrario; dato ciò potrebbe non essersi trattato di atto vandalico, ma di un cedimento e/o assestamento della struttura che pressando sulla lastra ne abbia causato la rottura. Alla luce di questa mia considerazione, spero di avere ragione, perché altrimenti sapere di un gesto vile come quello di uno sconsiderato non è proprio ammissibile. Rispondi a Ing. coratino

    Angelo Losapio ha scritto il 22 novembre 2020 alle 21:44 :

    Giusta osservazione.......probabilmente è un danno strutturale.......se poi ovviamente ci sono degli imbecilli è un'altra cosa.......condannabile a parte.... Rispondi a Angelo Losapio

    Pasquale Cannillo ha scritto il 22 novembre 2020 alle 17:10 :

    Anch'io penso che non si tratta di atto vandalico. Rispondi a Pasquale Cannillo

    Riccardo clemente ha scritto il 22 novembre 2020 alle 12:42 :

    Forse ha ragione decisamente si vedono dei pezzi di marmo spinti dall'anterno verso l'esterno, ovviamente e tutto da accertare Rispondi a Riccardo clemente

    Michele Rosito ha scritto il 28 novembre 2020 alle 23:01 :

    Riccardo, anche tu con questa favola del cedimento strutturale? Prima di tutto le probabilita' che succedesse proprio alla tomba di Fedele e' una su non so quante migliaia. Ma poi si vede chiaramente che e' un colpo. Le filature sono a raggiera e da sinistra verso destra. Un grosso frammento e' caduto all'interno spinto dal colpo e che poi alcuni pezzetti siano caduti fuori, forse rimbalzando sul restante marmo, o come comnentava un altra persona spinti dalla bolla d'aria, compressa all'interno, non dimostra proprio niente. Al centro della raggiera di filature, si nota anche la forma di un attrezzo appuntito. Io ipotizzerei un piccolo martello, o uno scalpello, facili da occultare sotto gli abiti. Rispondi a Michele Rosito

  • Riccardo clemente ha scritto il 21 novembre 2020 alle 20:19 :

    La vigliaccheria è la virtù dei deboli che dimostrano la loro forza compiendo atti sacrileghi Rispondi a Riccardo clemente

  • niky nich ha scritto il 21 novembre 2020 alle 20:18 :

    gran bella persona fedele ...ignobile gesto nn vi va neanche di commentare...nn ho parole solo rabbia peccato che nn saprò mai chi sei..... Rispondi a niky nich

  • OSSERVATORE ha scritto il 21 novembre 2020 alle 17:57 :

    IO NON CAPISCO PURE DA MORTO RICORDATEVI CHE NON DORMIRETE TRANQUILLI PEGGIO DEL GATTO NERO ....................................... Rispondi a OSSERVATORE

  • franco ha scritto il 21 novembre 2020 alle 17:09 :

    dire che CORATO era una parentesi sicura tra qualche città vicina turbolenta ormai NON serve più - adesso la città riscopre tutti gli aspetti della realtà-positivi e negativi- quindi chissà cosa ci aspetta Rispondi a franco

  • Aldo M.... ha scritto il 21 novembre 2020 alle 16:29 :

    Perché tu ignoto, nn te la sei presa con lui quando era in vita? Sapevi che ti avrebbe fatto un ..... come una scimmia. Chiunque tu sia, hai dimostrato che nn vali nulla e ricordati che Fedele ti aspetta quando salirai in cielo. Nn vorrei essere nei tuoi panni. Rispondi a Aldo M....

    Antonio Caputo ha scritto il 22 novembre 2020 alle 02:20 :

    Che film hai visto sull'aldila'?? Rispondi a Antonio Caputo

    Stefania ha scritto il 21 novembre 2020 alle 18:37 :

    mi scusi signor Aldo lei ha una visione terrena dell’aldilà,i morti non stanno lì sull’uscio ad aspettare di vendicarsi.Il gesto commesso appartiene ad un vigliacco e cretino. Rispondi a Stefania

  • Taken ha scritto il 21 novembre 2020 alle 16:24 :

    Tarantini ha fatto il suo dovere da vivo alla comunità di Corato prestando servizio di polizia municipale con tanto coraggio e abilità ora chi ha fatto questa cosa e un grande bastardo perché I morti si lasciano in pace il marmo non parla con voi bastardi Rispondi a Taken

  • Antonio Procacci ha scritto il 21 novembre 2020 alle 15:53 :

    È gente che non ha avuto coraggio di affrontarlo da vivo adesso se la prende da morto. Imbecille che non sei altro.😠 Rispondi a Antonio Procacci

  • Giuseppe berardi ha scritto il 21 novembre 2020 alle 15:13 :

    Vigliacchi infami!!! Rispondi a Giuseppe berardi

  • Pasquale Lotito ha scritto il 21 novembre 2020 alle 15:09 :

    Non ci sono parole....che vigliacchi!!!! Rispondi a Pasquale Lotito

  • Gabriella ha scritto il 21 novembre 2020 alle 14:02 :

    I morti lasciamo dove sono. Grande stupidaggine prendersela con una pietra! Rispondi a Gabriella

  • Giuseppe Bovino ha scritto il 21 novembre 2020 alle 13:56 :

    Non ho parole, solo tanta rabbia! Rispondi a Giuseppe Bovino

  • Francesco Corato ha scritto il 21 novembre 2020 alle 13:42 :

    Non ci sono parole, ormai non c'è più niente che ci meraviglia, siamo di fronte a gente che non merita neanche essere chiamati bestie, perché le bestie hanno più intelligenza e cuore, sarebbe un offesa per loro, VERGOGNA PER QUESTO ATTO VANDALICO Rispondi a Francesco Corato

  • Michele Rosito ha scritto il 21 novembre 2020 alle 13:17 :

    Gentaglia che non e' capace di affrontarti faccia a faccia e si crede grande prendendosela con un pezzo di marmo. Venite a prendervela con me se avete un poco di sangue nelle vene, a parte la cocaina e la vigliaccheria! Rispondi a Michele Rosito

  • carlo mazzilli ha scritto il 21 novembre 2020 alle 12:34 :

    un atto infame. non ci sono punizioni umane adatte a questi gesti. ci saranno però quelle divine. Rispondi a carlo mazzilli

    Anonimo ha scritto il 21 novembre 2020 alle 16:59 :

    I morti lasciamoli riposare in pace Rispondi a Anonimo