Il provvedimento

Ordinanza del sindaco: da 9 al 14 sospesa la didattica in presenza nelle scuole. Video

Lo ha deciso il sindaco De Benedittis che questa mattina ha emanato un'apposita ordinanza sindacale

Cronaca
Corato domenica 08 novembre 2020
di La Redazione
Il sindaco De Benedittis in diretta Facebook
Il sindaco De Benedittis in diretta Facebook © n.c.

Didattica in presenza sospesa nelle scuole di Corato di ogni ordine grado - ad esclusione della scuola dell'infanzia - a partire da domani, 9 novembre, e fino a sabato 14 novembre. L'attività in presenza è sospesa anche per la didattica speciale. Lo ha deciso il sindaco De Benedittis che questa mattina ha emanato un'apposita ordinanza sindacale. Clicca qui per consultare il testo.

«Abbiamo preso questa decisione dopo un'attenta valutazione e in considerazione dell'aumento dei contagi, di alcune situazioni specifiche e di una generale apprensione manifestatami dal mondo della scuola che è oggettivamente in difficoltà nel garantire sia la didattica in presenza che quella a distanza. È una misura forte e necessaria per contenere i contagi. Dobbiamo tutelare tutti e creare un argine. La scuola non chiude, ma resta confermata la didattica a distanza. Nelle prossime ore valuteremo anche altre misure a tutela della salute pubblica. Interverremo sugli assembramenti».

Il video della diretta


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Balducci ha scritto il 11 novembre 2020 alle 14:26 :

    Caro sindaco non è meglio per nn creare confusione nei negozi nn li chiudi e lascia aperto solo il mangiare il resto chiudi vedi che i casi a Corato salgono Rispondi a Rosanna Balducci

  • Marco ha scritto il 09 novembre 2020 alle 14:07 :

    Qui nei commenti sotto tutto il delirio degli sceriffi da balcone. Rispondi a Marco

  • cittadino ha scritto il 09 novembre 2020 alle 12:47 :

    già che stiamo in tema di processi vogliamo parlare degli orari pomeridiani della villa comunale (apertura ore 18 cioè al buio!)??Perchè non si fa apertura pomeridiana (o orario continuato) fino alle 17,30-18?? Rispondi a cittadino

  • catall ha scritto il 09 novembre 2020 alle 12:01 :

    uno dei tanti effetti collaterali del lokdown è che si reta a casa a scrivere sui social le proprie insindacabili teorie su tutti gli argomenti. Tutto questo è fantastico. Rispondi a catall

  • Maria P. ha scritto il 09 novembre 2020 alle 11:59 :

    Come si può notare nei commenti sotto ormai siamo al delirio dei novelli sceriffi. Aspiranti virologi da troppa tv. Rispondi a Maria P.

  • Costantino ha scritto il 09 novembre 2020 alle 09:48 :

    Vedrete che fra poco chiederanno tutto. Non c'è alternativa. Rispondi a Costantino

  • nuccia2 ha scritto il 09 novembre 2020 alle 06:37 :

    Sig.Sindaco la situazione anche a Corato non è bella ma quello che non capisco come mai si permette al sabato di fare il MERCATO?? Rispondi a nuccia2

    Elisa Imperato ha scritto il 10 novembre 2020 alle 11:05 :

    Il sabato deve restare chiuso il mercato come i centri commerciali, tranne alimentari Rispondi a Elisa Imperato

  • Ctarricone ha scritto il 08 novembre 2020 alle 21:40 :

    Non c’è niente da fare: tutti hanno da ridire, qualsiasi decisione si prenda! Ma xome si fa a non capire che la situazione è tragica e la gente, nonostante tutto, è xomunque irresponsabile? Non tutti, per fortuna , ma una buona parte! Ed è proprio a causa loro che necessitano le misure dure! Ogni limitazione è frutto di precedenti abusi! Pertanto, pazienza e collaboriamo tutti! Rispondi a Ctarricone

  • U SPLAT ha scritto il 08 novembre 2020 alle 19:41 :

    E' facile dire questo è giusto e questo è sbagliato se si parla per interesse personale ma è difficile farlo se si deve considerare l'interesse generale di tutta la popolazione. Detto questo visto che non si vuole capire, per ignoranza o presunzione, che non si fanno assembramenti, bisogna intervenire con controlli mirati e continui in alcuni posti tipo: alcuni bar e pizzerie, spiazzali di via Santa Faustina e via Santa Maria, piazza Buonarroti, via Colombo, via Salvator Rosa e tante altre stradine dove bande di giovani si raggruppano, bevono, pisciano e sporcano con la massima indifferenza. Certo le forze dell'ordine sono ridotte e non possono stare ovunque ma visto che con le buone non si ottiene niente passassero alle maniere forti cominciando a multare e a denunciare. Rispondi a U SPLAT

  • Mest Catal ha scritto il 08 novembre 2020 alle 19:18 :

    Se si fa una cosa bianca la vogliamo nera se si fa nera la vogliamo bianca. Bisogna capire che ognuno ha le proprie esigenze ma non è possibile fare 50000 cose diverse per soddisfare tutti ma bisogna far prevalere l'interesse comune e non quello personale e ora bisogna tutelare la salute. Forse chi critica certe scelte è proprio chi gira senza mascherina e crea assembramenti o chi chiede più controlli e poi si lamenta se viene multato. A questo punto fate come credete ma evitate di fare commenti stupidi e senza senso. Rispondi a Mest Catal

  • Già ha scritto il 08 novembre 2020 alle 19:10 :

    Se i ragazzi non devono andare a scuola, non devono nemmeno poter uscire in gruppo il pomeriggio o la sera. Ci vogliono controlli soprattutto in quei bar dove si continua a far entrare gente! Ci vogliono soluzioni volte a evitare che la gente vada in giro senza motivo Rispondi a Già

  • 1234 ha scritto il 08 novembre 2020 alle 19:09 :

    Ma perché oltre a chiudere le scuole non sento parlare nessuno di mettere dei punti per fare i tamponi o di creare qualche struttura per potenziare i posti letto?la soluzione non e solo isolarsi..la soluzione non é scappare dal nemico ma cercare di organizzarsi per sconfiggerlo...se per fare un tampone ci vogliono 10 giorni e nel frattempo gente potenzialmente contagiosa va in giro perché sta aspettando il risultato quando lo risolviamo sto problema?perché invece di chiudere le scuole non rendere l'app immuni obbligatoria? Rispondi a 1234

  • Franco ha scritto il 08 novembre 2020 alle 18:34 :

    Per la serie sindaci che si sostituiscono ai virologi e pur di far vedere che fanno qualcosa emettono provvedimenti di dubbia e indimostrata utilità. Rispondi a Franco

  • Aldo lastella ha scritto il 08 novembre 2020 alle 17:02 :

    Desiderei che le insegnanti della scuola dell'infanzia caro sindaco vengano tutelate almeno con tamponi di sorveglianza settimanali. Non sono delle giovincelle come lei grazie Rispondi a Aldo lastella

  • nerdrum ha scritto il 08 novembre 2020 alle 16:57 :

    mammmaaaaa perché nn mi hai fatto diventare prof. o ins. ???? natale, carnevale, pasqua, 2 mesi in estate, elezioni, gite, ponti vari.... una vita in vacanza prima e dopo in virus. 18 ore la settimana. c'è qualcuno che le fa in un giorno e 1/2. Rispondi a nerdrum

    patrizia scaringella ha scritto il 08 novembre 2020 alle 21:57 :

    Bastava studiare, diplomarsi e/o laurearsi e vincere un concorso....oppure iniziare facendo supplenze. Credo che non le fosse preclusa la possibilità. p.s.: non sono un insegnante...neanche un dipendente pubblico di altra natura. Saluti Rispondi a patrizia scaringella

    Umberto R ha scritto il 08 novembre 2020 alle 20:00 :

    Fa sempre in tempo a riscriversi a scuola ed intraprendere la carriera di insegnante. Enorme rispetto e soddisfazione e rispetto da parte della comunità l'attendono. Rispondi a Umberto R

  • luigi ha scritto il 08 novembre 2020 alle 16:30 :

    fossi in Corrado non darei peso ai commenti , premetto che non rientra nelle mie simpatie politiche, quando furono installate le rotatorie si invocava la presenza del sindaco sulle rotatorie per spiegare il loro funzionamento, ora vogliamo che l'attuale amministratore si presenti ai bar,scuole e numerosi ritrovi per controllare e sanzionare, ma nella attesa non sarebbe meglio far funzionare una minima parte del nostro intelletto prendendo le dovute precauzioni, chi si disattiene non arriva dalla luna ma siamo noi stessi. Rispondi a luigi

  • Qualcuno ha scritto il 08 novembre 2020 alle 16:29 :

    Chiudere la scuola caro signor sindaco x una settimana non serve assolutamente a nulla, ci ha messo un mese x fare la sua prima ordinanza,ma alle manifestazioni è stato sempre in prima fila,deve controllare i bar che invece di fare soltanto servizio da asporto o a domicilio servono i caffè al bancone , i centri scommesse che aprono mezza saracinesca ,i ragazzini che vanno in giro senza mascherina, gli anziani che la portano sotto al naso,vada in giro x il paese invece di stare seduto sulla poltrona Rispondi a Qualcuno

  • Lucia Zaza ha scritto il 08 novembre 2020 alle 16:15 :

    Sindaco, abbia il coraggio di chiudere anche i nidi e gli asili. Se i dati sono tragici, sia coerente. Le famiglie non possono permettersi rette mensili salate con questi rischi!!! Rispondi a Lucia Zaza

  • Cittadino ha scritto il 08 novembre 2020 alle 15:53 :

    Ma io mi chiedo : serviranno questi 5gg per risolvere i problemi dei contagi e del rischio connesso alla presenza? O è solo una anticamera di un provvedimento a lungo termine? Rispondi a Cittadino

  • Delc ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:16 :

    Grande Corrado. Bravo. Intelligente e con le p.... E. Non vivo a Corato ma in una citta limitrofa ed apprezzo la tua decisione che salvaguardia persone. Purtroppo e dispiace la tua collega neoeletta nella mia citta non è stata capace di prendere questa decisione nonostante la situazione fosse ben piu grave. BRAVO Rispondi a Delc

  • Valeria ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:16 :

    Chiudi le piazza e i luoghi di assembramento, controlla gli alcolizzati che vegetano in piazza Buonarroti come nelle altre piazze dimenticate da Dio...manda le pattuglie a sorvegliare la gente in giro senza mascherina e a scrivere verbali. Proteggi gli over 60 e le persone con patologie limitandoli allo smart working anche da case di campagna dove possono uscire a passeggiare senza avere paura...la scuola non basta a limitare i contagi considerando l'esiguo numero di posti letto disponibile. Ciao Corrado! Rispondi a Valeria

  • Eleonora padovano ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:15 :

    Sono mamma di tre bambini, di cui due anno bisogno della didattica in presenza, perché invece di chiudere le scuole non pensate a chiudere calcetti, tabacchi, mettete in sicurezza le scuole perché il covid viene da fuori Rispondi a Eleonora padovano

  • Assurdo ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:14 :

    Non si mandano i ragazzi a scuola ma in giro per le strade si... Per non parlare di quello che succede su via Santa Faustina Rispondi a Assurdo

    Antonio51 ha scritto il 08 novembre 2020 alle 16:34 :

    Carissimo Assurdo, i ragazzi a scuola non li manda un'istituzione, e fa bene, ma i ragazzi per strada li mandano i GENITORI.....meditate gente, meditate Rispondi a Antonio51

  • Non se ne può ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:14 :

    Secondo me, a qualcuno di voi, il cervello si è completamente scollegato. Ma lo volete capire che non si riesce più a controllare i contagi? Quindi ci rimane solo arginare e questo neanche si riuscirebbe se aprissero le scuole. L'infezione non è nella scuola ma si porta nella scuola. Un'ultima cosa: dobbiamo tutelare noi stessi ma anche gli altri e in questo caso è la categoria dei docenti ....chiaramente il tutto è reciproco e verso chiunque ci stia intorno. Forza, smettiamola di borbottare su tutto e tutti, nella guerra ci siamo tutti e tutti in prima linea. Rispondi a Non se ne può

  • Paolo Tortora ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:08 :

    Una decisione saggia Corrado,l'unica cosa da fare in questa situazione è il distanziamento, non ci sono alternative Rispondi a Paolo Tortora

    Maria P. ha scritto il 08 novembre 2020 alle 18:33 :

    Un altro virologo Rispondi a Maria P.

    carlo mazzilli ha scritto il 09 novembre 2020 alle 12:36 :

    maria, vuoi darci tu per piacere la ricetta giusta per andare avanti? visto che stai a dare del virologo, del epidemiologo, del medico, del farmacista, dell'infermiere, del portantino, dell'o.s.s a tutti ad ogni commento, con malcelata aria di superiorità e con un certo snobbismo intellettuale, vuoi gentilmente indicarci la via da percorrere? te ne saremmo infinitamente grati, saresti la salvatrice della patria, non sottrarti al destinale intervento, alla impronta nella Storia, dicci cosa C A $ $ 0 e S T R A C A $ $ 0 fare e noi lo faremo ! Ma se, come ho il sentore, sei lì solo a criticare senza sapere nulla, senza avere null'altro di sensato da dire ... ma che te lo dico a fare ... Rispondi a carlo mazzilli

  • Ornella ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:56 :

    Completamente assoggettato ad Emiliano, avrà ricevuto l'ordine mentre era a tavola. Alzati ed esegui! Obbedisco! Rispondi a Ornella

  • Salvatore Vernice ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:43 :

    Abbiamo scoperto che gli alunni della scuola dell’infanzia, le insegnanti e i collaboratori scolastici, appartengono alla categoria degli IMMUNI. Anche nel primo lockdown tutti si sono impegnati per la didattica a distanza per un periodo che è andato oltre i 5 giorni attuali. Rispondi a Salvatore Vernice

  • carlo mazzilli ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:32 :

    ma è chiaro come la luce del sole: il primo e più potente veicolo di contagio è la scuola e tutte le attività ad essa connesse, trasporti, attività extrascolastiche, attività delle mamme pre e post orario scolastico ecc. non ci volevano arche di scienza come lopalco, emiliano, sezioni di tar, debenedittis per asserirlo e stabilirlo. se vogliamo arginare il contagio QUESTA è una delle prime cose da fermare. se poi vogliamo che il virus scorra e si arrivi presto alla immunità di gregge, allora riapriamo tutti e tutto, ma sappiate che costerà caro, costerà la vita di tutti coloro che sono più deboli. anziani, persone con patologie, persone a qualsiasi titolo non forti abbastanza per resistere al virus. e non ci saranno mai abbastanza posti in ospedale. siete pronti a pagare questo prezzo? Rispondi a carlo mazzilli

  • Marco ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:07 :

    Una follia mascherata da responsabilità. Rispondi a Marco

  • Antonio. M ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:06 :

    Quando la smetterete di giocare con i nostri figli sarà troppo tardi. Ormai è diventata una pagliacciata. Rispondi a Antonio. M

  • Antonio Caputo ha scritto il 08 novembre 2020 alle 12:43 :

    Era ora che cominciasse a farsi sentire e a prendere iniziative serie, risolutive e totali! Bravo! Ripuliamo la nostra Corato da questa brutta bestia del virus e riportiamola a VirusFree come la scorsa primavera Rispondi a Antonio Caputo

    Papagno Giovanni ha scritto il 08 novembre 2020 alle 13:27 :

    Come se il problema di Corato sono le scuole!! Questa è monocrazia, con questa decisione il sindaco ha appena privato gli ospedali di almeno una cinquantina di infermieri che avendo i bambini piccoli a casa e nessuno a cui affidarli,visto che non è nemmeno il caso di chiamare babysitter o altri estranei nelle case, saranno costretti a non andare al lavoro e usufruire dei permessi assentandosi. Poi non venitemi a parlare del fatto che Lo Palco non riesce a trovare infermieri nemmeno pagandoli a peso d’oro visto che quelli che ci sono nessuno li mette nelle condizioni di poter lavorare serenamente. Il vero problema sono le persone che incuranti del rischio vanno in giro ovunque infischiandosene di adottare le disposizioni! A scuola insegnanti e bambini Erano gli unici a rispettare le regole. Rispondi a Papagno Giovanni

  • Franco ha scritto il 08 novembre 2020 alle 12:38 :

    Mai visto che la frequenza scolastica dipendesse dal Sindaco. Il Ministro dell'Istruzione non ha nulla da replicare? Rispondi a Franco

    michele ha scritto il 08 novembre 2020 alle 15:27 :

    Il Sindaco di fatto è la figura che ha sbrogliato la matassa intricatissima creata da Ministero e Regione e TAR, i quali non sono stati in grado di decidere se riaprire o chiudere le scuole. Rispetto assoluto per la presa di posizione (condivisibile o no) assunta dal Sindaco (a maggior ragione se si è assunto la responsabilità di una decisione come questa). Su una nave il capitano deve prendere decisioni, giuste o sbagliate che siano..... e De Benedittis lo ha fatto. TUTTO IL RESTO SONO CHIACCHIERICCI DA BAR Rispondi a michele

  • Arrabbiata ha scritto il 08 novembre 2020 alle 12:30 :

    Ognuno fa quello che vuole Rispondi a Arrabbiata

    M.D ha scritto il 08 novembre 2020 alle 14:09 :

    State sempre a criticare non va mai bene niente qualsiasi cosa si faccia....!Ma secondo voi se la cosa non fosse così grave.....Si potrebbero prendere decisioni così severe??? Rispondi a M.D