Questa sera attorno alle 22

Cinghiali attraversano la 231, investiti da veicoli in transito. Feriti gli automobilisti

In seguito al violento impatto, alcuni automobilisti sono rimasti feriti e soccorsi da tre ambulanze giunte sul posto.​ Diversi i cinghiali morti

Cronaca
Corato giovedì 15 ottobre 2020
di La Redazione
Ambulanza 118
Ambulanza 118 © n.c.

Un branco di cinghiali attraversa la strada provinciale 231 e viene investito da alcune auto in transito. È accaduto ieri sera, attorno alle 22 all'altezza del cavalcavia per l'inversione di marcia, poco prima di entrare in territorio di Ruvo.

Gli animali, spuntati all'improvviso dalle campagne a ridosso della provinciale, hanno provocato una carambola tra incidente.

In seguito al violento impatto, alcuni automobilisti sono rimasti feriti e soccorsi da tre ambulanze giunte sul posto. Diversi i cinghiali morti.

Sul posto, oltre ai soccorritori, anche le forze dell'ordine.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesco tedone ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 17:27 :

    Bravi ora rivolgete le stesse domande sia ai nostri signori politici che ci governano sia agli animalisti che ogni volta che succedono questi spiacevoli incidenti fanno finta di niente salvo poi protestare se si decide di abbattere qualche capo per contenere in parte il sovrapopolamento di detti animali perché per loro la vita umana vale meno di quella animale. Rispondi a Francesco tedone

  • carlo mazzilli ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 11:26 :

    io vorrei davvero parlare con quell'incompetente, quel grandissimo incompetente, che ha avuto questa fulminante idea di introdurre in un territorio così già svantaggiato questi simpatici animaletti, che finora non hanno creato un cappero, se non devastazioni, incidenti, alcuni mortali e una immensità di danni di ogni intensità. ma questo signore, su cui, sono certo, non ricade e non ricadrà nessuna responsabilità, certo dorme tranquillo, mentre gli utenti delle strade provinciali devono stare con il patema che ad ogni curva, ad ogni cespuglio, possano sbucare fuori questi mostri, con tutti i rischi del caso. Maledetti, incompetenti, asini, capre!!! Rispondi a carlo mazzilli

    giuseppe ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 19:20 :

    hai ragione Rispondi a giuseppe

    M.D ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 14:24 :

    Anche io vorrei sapere chi è questo genio!.. Rispondi a M.D

    Paolo Tortora ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 13:25 :

    Uno dei tanti cretini dotati di potere decisionale ed esecutivo che non ha conoscenza di equilibrio faunistico. Quando si inseriscono per il ripopolamento degli animali selvatici ,per primo si scelgono quelli tipici del territorio, e non importati dall'estero,poi si prevede in rapporto alla loro capacità di riproduzione il ripopolamento dei predatori che vanno monitorati sul territorio per mantenere l'equilibrio ambientale. Tra un po' scenderanno nei paesi. E tutti assistiamo passivi alle conseguenze di scelte ambientali insulse. Rispondi a Paolo Tortora

    carlo mazzilli ha scritto il 15 ottobre 2020 alle 16:54 :

    benissimo, scelte insulse e da incompetenti, fatte in nome di un ambientalismo da salotto radicalchic. con la stessa ratio mi chiedo come mai non abbiano introdotto anche delle jene, dei rinoceronti, delle megattere, dei dugonghi??? Rispondi a carlo mazzilli