Il fatto

Secondo contagio in 24 ore: a Corato il numero dei positivi sale a 12

La Asl ha avviato le indagini epidemiologiche al fine di isolare tutti i contatti.

Cronaca
Corato mercoledì 02 settembre 2020
di La Redazione
Drive-through
Drive-through © n.c.

Secondo contagio da Covid 19 a Corato in sole 24 ore.

Il numero delle persone attualmente positive in città sale così a 12.

La Asl ha avviato le indagini epidemiologiche al fine di isolare tutti i contatti.

Rinnovato, dal Comune, il richiamo «al pedissequo rispetto del D.P.C.M. del 7 agosto 2020 nonchè delle Ordinanze della Presidenza della Giunta della Regione Puglia n. 335 del 11/08/2020 e n. 336 del 12/08/2020. Specificatamente, si ricorda che tutti sono tenuti al rispetto delle indicazioni diramate dal Ministero della Salute-Istituto Superiore della Sanità "Dieci Comportamenti da Seguire" tra cui: rispetto delle norme igienico-sanitarie; garantire continuamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 1 metro; uso corretto della mascherina».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Anonimo ha scritto il 03 settembre 2020 alle 15:37 :

    Vogliamo i nomi grazie Asl Rispondi a Anonimo

  • Pippo Franco ha scritto il 03 settembre 2020 alle 07:15 :

    ATTENZIONE! A proposito della positività di Berlusconi, ricordo che la senatrice Ronzulli, praticamente la portavoce del cav, sia venuta a Corato il giorno 29 Agosto per la campagna elettorale di Forza Italia incontrando tutti i candidati del partito oltre al candidato sindaco Perrone. Sarebbe interessante sapere delle sue condizioni. Che ne dite? ALTRO CHE URLO DI MUNCH Rispondi a Pippo Franco

  • Franco Bufi ha scritto il 02 settembre 2020 alle 18:35 :

    Per stare tranquilli basta andare al fruttivendolo (uno qualsiasi). Lì nessuno indossa la mascherina e nessuno mantiene la distanza. Evidentemente è dimostrato che lì non c'è rischio di infezione, altrimenti sarebbero già stati multati. Rispondi a Franco Bufi

  • Enzo coratino DOC ha scritto il 02 settembre 2020 alle 16:37 :

    Ma che razza di metodo è questo!!! Bisognava dire nome è cognome delle persone, tanto da permettere di capire se noi cittadini siamo siamo stati a contatto con queste persone attualmente POSITIVI ma nn solo loro ma anche con i loro parenti questo è un metetodo che per me nn dovrebbe riguardare la privacy ma mettere in guardia titta la cittadinanza. VERGOGNATEVI... Rispondi a Enzo coratino DOC

    Ss ha scritto il 02 settembre 2020 alle 21:24 :

    Esatto.Io per motivazioni serie ho dovuto fare il tampone.Ho aspettato 8 ore per avere la risposta.Negativa ovviamente.Mica sono andata cazzeggiando ,mettendo a rischio la vita ,degli altri o certo non vorrei mai pensare di recarmi in ospedale per atteggiamenti Irresponsabili.’.QuindiVanno divulgati i nomi,dobbiamo sapere se c’è una possibilita’di aver frequentato o incontrato,queste persone,che non ti diranno mai nulla.Sono stata in ospedale ricoverata.Per una patologia seria,non c’era posto da nessuna parte.Voglio urlare che gli ospedali sono strapieni per altre cose,quindi se vi ammalate di covid pregate di non essere intubati.Ripeto,gli Ospedali sono pieni.Siate meno egoisti e statevi a casa deficienti perche’ci sono persone che lottano con malattie brutte e i medici sono stanchi! Rispondi a Ss

    Alessia ha scritto il 02 settembre 2020 alle 20:08 :

    Ma secondo me se noi siamo venuti a contatto con qualcuno che magari ha preso il covid e sa di averlo in quanto ha fatto il test sierologico e dopo covid, credo che ce lo direbbe. Quindi mettiamo il caso che io conosca una persona che non sa di avere il covid, ma che con i risultati dei test vede che lo ha, penso che avvisi i suoi amici, colleghi e parenti. Perciò non vedo dove ci sia il problema di non dire nomi e cognomi.... Rispondi a Alessia

    francesco amenduni ha scritto il 02 settembre 2020 alle 18:26 :

    scus cumbà, chi è che dovrebbe vergognarsi? i contagiati? i giornalisti? i commentatori? i parenti dei contagiati? non zi capisce bene ... Rispondi a francesco amenduni

    Enzo coratino DOC ha scritto il 03 settembre 2020 alle 15:12 :

    Wee cumbà il VERGOGNATEVI ovviamente è riferito alla Asl che nn divulga i nomi di queste persone i giornalisti nn c'entrano nulla perché se la prassi è quella nn possono ovviamente essere denunciati moo siii capit cumbà... Rispondi a Enzo coratino DOC

    amenduni francecso ha scritto il 04 settembre 2020 alle 12:45 :

    car m'bà vingenzo, car car, m'bà, ti sembrerà strano ma la asl, o meglio il personale della asl è soggetto alle stesse leggi che impediscono ai giornalisti e a chiunque altro di divulgare i nomi e i cavoli di chicchessia. ti sembrerà strano ma è così. la stesa legge incombe anche su di te, se sputtani ai quattro venti il nome di qualcuno che è positivo, finisci in un pozzo di guai ... non serve scalmanarsi ed indignarsi.

  • Ricdomy ha scritto il 02 settembre 2020 alle 15:24 :

    Ma i parenti dei positivi, amici e dipendenti, parenti dei dipendenti, ecc.. Sono stati controllati?? Le loro attività commerciali?? Rispondi a Ricdomy

    Lorenzo ha scritto il 02 settembre 2020 alle 16:07 :

    Secondo me, si saranno controllati da soli per un fatto egoistico, viene paura a chi è lontano figurati a chi è vicino. Io non mi preoccupo di quelli mi preoccupo di tutti coloro che non hanno fatto il tampone, perché tutti possiamo essere asintomatici Rispondi a Lorenzo

  • carlo mazzilli ha scritto il 02 settembre 2020 alle 15:19 :

    ... e vai con il trenino della samba pèpèppèppèpè pèpèppèppèpè !!! Rispondi a carlo mazzilli