Nuova ordinanza del presidente della Regione, Michele Emiliano, relativa agli obblighi di segnalazione per chi arriva in Puglia

Dal 3 giugno abolita la quarantena, ma chi arriva da fuori regione deve autosegnalarsi

È esclusa l’applicabilità della misura per gli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonché al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia

Cronaca
Corato martedì 02 giugno 2020
di La Redazione
Controlli alla Stazione di Bisceglie
Controlli alla Stazione di Bisceglie © n.c.

Nuova ordinanza del presidente della Regione, Michele Emiliano, relativa agli obblighi di segnalazione per chi arriva in Puglia.

Come previsto, è stata abolita la quarantena obbligatoria, ma, «allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19», il provvedimento dispone «con decorrenza dal 3 giugno, che tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati segnalino lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia; dichiarino il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano; conservino per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno.

È esclusa l’applicabilità della misura per gli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonché al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia.

In pieno spirito di collaborazione - aggiunge la Regione - è vivamente consigliato di scaricare l'app “Immuni”».

Qui il testo completo dell'ordinanza.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giuseppe lacetera ha scritto il 03 giugno 2020 alle 09:09 :

    ma il modulo dov'è Rispondi a giuseppe lacetera

  • Maria P. ha scritto il 03 giugno 2020 alle 08:51 :

    Non di tratta di nessun "accertamento" reale ma di una semplice autodichiarazione priva di valore sanitario. Uno spot, pure inutile. Rispondi a Maria P.

  • Riccardo munno ha scritto il 03 giugno 2020 alle 08:20 :

    E giusto fare gli accertamenti dovuti 👍👍 Rispondi a Riccardo munno