La novità

È ufficiale: parrucchieri ed estetisti riaprono il 18 maggio. Le disposizioni

Il provvedimento è arrivato al termine dell’incontro con i rappresentanti pugliesi di parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza, al quale ha partecipato anche il prof. Pier Luigi Lopalco che ha illustrato le linee guida

Cronaca
Corato giovedì 07 maggio 2020
di La Redazione
Parrucchieri
Parrucchieri © n.c.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato in serata un’ordinanza in materia di attività dei centri estetici, di bellezza, inclusi i saloni di acconciatura, con efficacia dal 18 maggio sino al 1 giugno.

Il provvedimento è arrivato al termine dell’incontro con i rappresentanti pugliesi di parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza, al quale ha partecipato anche il prof. Pier Luigi Lopalco che ha illustrato le linee guida del provvedimento.

«Questa ordinanza è il frutto di un approfondito lavoro - ha detto Emiliano - Il professor Lopalco ha esaminato le proposte delle organizzazioni datoriali e sindacali, ha effettuato sopralluoghi tecnici nei centri estetici e di acconciatura e questo proficuo lavoro di squadra ha portato alle prescrizioni che consentiranno a questi esercizi di riaprire il 18 maggio nella massima sicurezza per operatori e i clienti».

Presenti all’incontro anche i rappresentanti di Anci con il Presidente Domenico Vitto e Giuseppe Giulitto, Cna, Casartigiani, Caai, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Cgil, Cisl e Uil,, gli assessori Gianni Stea, Raffaele Piemontese, Sebastiano Leo, i Presidenti di Commissione Donato Pentassuglia e Filippo Caracciolo, il consigliere Michele Mazzarano, il consigliere del Presidente Domenico De Santis.

Il testo dell'ordinanza (clicca qui per scaricarla)

È consentita l’attività da parte degli esercizi di servizi estetici (codice ATECO 96.02.03), servizi di bellezza (codice ATECO 96.02.02), saloni di acconciatura (codice ATECO 96.02.01) a condizione che il servizio venga svolto per appuntamento, assicurando il rispetto delle misure generali per la prevenzione della trasmissione del virus ed in particolare, il distanziamento fisico, l’igiene delle mani e della persona, la pulizia e la sanificazione degli ambienti di lavoro e l’uso di dispositivi di protezione individuale laddove il distanziamento fisico non possa avere luogo nonché nel rispetto delle misure specifiche di seguito stabilite.

L’attività è consentita a condizione che il titolare dell’esercizio abbia posto in essere le indicazioni previste dal Documento INAIL richiamato in premessa nonché dai Protocolli condivisi allegati al D.P.C.M. 26/04/2020 se ed in quanto applicabili alle tipologie di attività di cui alla presente Ordinanza.

Al fine di assicurare il necessario livello di cautela e di prevenzione dei rischi da contagio COVID-19, i titolari degli esercizi di servizi di cui all’art. 2 che intendono operare ai sensi della presente Ordinanza, devono:

a) seguire una scrupolosa igiene personale prima di recarsi sul posto di lavoro, procedendo ad una completa detersione del corpo, compresi i capelli;

b) all’inizio di ogni turno di lavoro, assicurare che agli operatori sia misuratala temperatura corporea e, nel caso di temperatura superiore a 37,5 C°, assicurare che l’operatore abbandoni immediatamente il luogo di lavoro con rientro a domicilio e che lo stesso si rivolga alle autorità sanitarie per l’attivazione delle procedure di isolamento, come previste per legge;

c) all’inizio di ogni turno di lavoro, assicurare che gli operatori indossino una divisa pulita che dovrà essere cambiata ad ogni turno;

d) osservare il divieto, per gli operatori, di consumare pasti all’interno dei luoghi di lavoro;

e) assicurare che tutti gli operatori indossino una mascherina tipo chirurgico per tutto il turno di lavoro; in caso di trattamenti che prevedano il contatto con il cliente o l’avvicinamento ad una distanza minore di un metro, è obbligatorio indossare, oltre alla mascherina, occhiali e/o visiera protettiva;

f) assicurare che tutti gli operatori indossino una mascherina di tipo FFP2 senza filtro se l’attività in questione non consente di far indossare al cliente una mascherina chirurgica (es. taglio della barba, trattamenti estetici nella zona del naso o della bocca); le mascherine con filtro non devono essere mai utilizzate;

g) assicurare che, prima di indossare la mascherina FFP2, l’operatore abbia cura di detergersi accuratamente le mani; analoga operazione deve essere effettuata alla fine dell’utilizzo che non può essere superiore al turno di lavoro; gli occhiali e la visiera potranno, invece, essere riutilizzati avendone cura di prevedere la loro detersione e sanitizzazione prima e dopo l’utilizzo;

h) assicurare che, ad inizio turno, l’operatore proceda ad un accurato lavaggio delle mani con acqua calda e sapone e successiva disinfezione con applicazione di gel idroalcolico; una scrupolosa igiene delle mani dovrà, comunque, essere praticata durante tutta l’attività lavorativa;

i) assicurare che, fra un cliente e l’altro, sia sempre praticata la disinfezione con gel idroalcolico delle mani;

j) assicurare che sia apposto, in prossimità del lavabo, un cartello con le istruzioni sul corretto lavaggio delle mani, secondo quanto raccomandato da OMS e Ministero della Salute;

k) assicurare che l’operatore abbia cura di non portarsi mai le mani sul volto, con particolare riferimento a bocca e occhi senza prima averle lavate e disinfettate;

l) assicurare che debba essere garantita l’igienizzazione dei servizi e delle postazioni per ogni nuovo cliente; tutte le superfici da trattare dovranno essere preliminarmente sottoposte ad una accurata pulizia attraverso l’utilizzo di acqua e detergenti comuni per eliminare l’eventuale presenza di materiale organico; successivamente, dovranno esser utilizzati, ai fini della disinfezione, prodotti a base di cloro (es. l’ipoclorito di sodio 0,1%) sia disinfettanti a base alcolica (alcol etilico al 70%); per i servizi igienici (gabinetto, doccia, lavandini) si possono utilizzare disinfettanti a base di cloro attivo fino allo 0,5%; tutti i dispositivi elettronici (es. touchscreen, tastiere, bancomat, cornetta del telefono) possono essere disinfettati utilizzando salviette o spray contenenti alcol etilico al 70% e successivamente asciugati per evitare l’accumulo di liquidi;

m) assicurare che gli operatori dei centri estetici utilizzino camici/grembiuli monouso e soprascarpe monouso o ciabatte monouso o autoclavabili;

n) assicurare, per i centri di estetica, l’accurata detersione dei lettini con prodotti a base di cloro o alcool denaturato, ed arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento,

o) laddove possibile, assicurare di utilizzare materiali monouso; qualsiasi altro materiale deve essere correttamente disinfettato e/o sterilizzato;

p) gli esercenti devono mantenere la lista giornaliera dei clienti da esibire a richiesta da parte delle autorità sanitarie in caso di attività di contact tracing da effettuarsi per i casi previsti dalle circolari del Ministero della Salute.

Gli esercenti devono, altresì, garantire che, prima della riapertura, si sia proceduto alla manutenzione degli impianti di condizionamento, in base alle indicazioni fornite dai produttori e/o dai responsabili incaricati.

In prossimità dell’entrata del locale, deve essere disponibile un dispenser automatico contactless di gel idro-alcoolico che dovrà essere utilizzato per igienizzare le mani all’ingresso e all’uscita dal locale da ogni cliente.

Il cliente è tenuto a riporre eventuali giacche e soprabiti in un armadio o attaccapanni posto in prossimità dell’entrata. Non devono essere presenti nel locale riviste o libri ad uso dei clienti.

Gli esercenti devono fornire al cliente, all’ingresso del locale, una mascherina chirurgica da indossare obbligatoriamente durante tutte le attività che lo permettano. Se il cliente indossa una propria mascherina, dovrà essere invitato a sostituirla con quella nuova fornita dall’operatore.

Le mascherine usate, laddove non venissero portate via dal cliente, dovranno essere raccolte in un apposito contenitore e smaltite con la raccolta indifferenziata dei rifiuti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria Lippolis ha scritto il 09 maggio 2020 alle 18:43 :

    Vanno bene le precauzioni, pero' ci si sta speculando alla grande, io ho un centro estetico e da sempre rispettiamo norme igieniche scrupoloso... Ora sarà peggio della sala operatoria... E va bene... Però poi vedere il menefreghismo in giro... Tutti senza mascherine, nessun controllo, raggruppamenti... Allora il tutto diventa ridicolo... Con tutto quello che dobbiamo spendere per una sicurezza lavorativa che già avevamo... A trovare proprio il pelo nell'uovo Rispondi a Maria Lippolis

  • Luigi di bella ha scritto il 08 maggio 2020 alle 07:00 :

    Mi fa piacere ke ritorniamo a lavorare sn un barbiere ke da giorno 11 marzo o abbasato la serranda e ke fino adoggi nn o visto uneuro dallo stato mi dite come faccio ad aprite con tutte queste disposizioni avendo gia 2mesi sotto di affitto e piu le bollette da pagare ditemi come faccio senza avere un sostegno economico.oltre a questo o visto molti clienti. Miei con i capelli gia tagliati....... Rispondi a Luigi di bella

    G M ha scritto il 08 maggio 2020 alle 10:16 :

    La penso come te ... sono un tuo collega ...anche noi stiamo aspettando di poter riaprire ma se ne sente di ogni ...aiuti zero e spese sempre di più...sembra sempre più palese che in Italia sta meglio chi va a lavorare in nero e si fa mantenere dallo stato con i vari sussidi... Non ho più ne forza ne parole ... Rispondi a G M

  • Dom ha scritto il 07 maggio 2020 alle 20:38 :

    È giusto riaprire ed è giusto utilizzate al massimo tutte le precauzioni nel rispetto della persona. Così com’è giusto contenere gli orari affinché non ci sia troppa gente in giro Rispondi a Dom

    G M ha scritto il 08 maggio 2020 alle 10:18 :

    Ok le regole e tutto il resto ma se devo anche contenere gli orari e far entrare in un salone più piccolo di 40 mq ... secondo lei apro per servire 3 clienti al giorno ... Mi sa tanto che lei non è del mestiere.. Rispondi a G M

  • Gina Micettina ha scritto il 07 maggio 2020 alle 19:18 :

    Ok, un taglio costerà minimo 100 euro. Rasiamoci tutti a zero a casa e basta. Rispondi a Gina Micettina

    carlo mazzilli ha scritto il 08 maggio 2020 alle 05:10 :

    oppure libero pelo in libero stato! cessiamo ogni tipo di contenimento pilifero! voglio rivedere capelli, ascelle, inguini folti come natura comanda! ben puliti, ma folti come la foresta del Borneo! bellissimo! Rispondi a carlo mazzilli

    Libero pensatore ha scritto il 09 maggio 2020 alle 08:08 :

    Stipendiuccio statale al 27 o pensione accreditata il primo di ogni mese? Mi sa che tra poco la pacchia finisce per tutti Rispondi a Libero pensatore

    Alfredo Saba ha scritto il 09 maggio 2020 alle 07:47 :

    Str...te!L'igiene è igiene migiore da rasati e rasate.Provate ad informarvi presso un qualsiasi laureato in medicina. Rispondi a Alfredo Saba