Il processo

"Giustizia svenduta", Nardi colto da malore prima dell'udienza

Disposto un accertamento presso la Asl di Matera per verificare se Nardi può essere o meno accompagnato nel pomeriggio e non far saltare l'udienza che prevede l'ascolto di numerosi testi dell'accusa

Cronaca
Corato mercoledì 12 febbraio 2020
di La Redazione
Il tribunale di Lecce
Il tribunale di Lecce © n.c.

È stato colto da un malore questa mattina l'ex gip di Trani Michele Nardi, atteso a Lecce per l'udienza del processo che lo vede imputato per corruzione in atti giudiziari.

A questo si apprende l'ex gip, arrestato nel gennaio 2019 e attualmente detenuto nel carcere di Matera, avrebbe accusato dei forti dolori addominali tali da impedirgli di affrontare il viaggio per Lecce. Il presidente della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce Pietro Baffa, ha disposto un accertamento presso la Asl di Matera perché verifichi se può essere o meno accompagnato nel pomeriggio e non far saltare l'udienza che prevede l'ascolto di numerosi testi dell'accusa, tra cui anche l'ex procuratore di Trani Carlo Maria Capristo.

Nel processo, oltre a Nardi, sono imputati l'ex ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, l'avvocatessa Simona Cuomo, Gianluigi Patruno e Savino Zagaria.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • M.B ha scritto il 13 febbraio 2020 alle 08:16 :

    Ce piccat...cur uagnaun! Rispondi a M.B

  • salvatore di gennaro ha scritto il 13 febbraio 2020 alle 04:42 :

    La giustizia: senza dubbio il problema più grande dell'Italia. La eterogeneità nella formazione del popolo, tale solo perché delle persone abitano accidentalmente la stessa penisola, ha spinto alla diffidenza reciproca, al non riconoscimento della legittimità di convivenza. Questa idea ha maturato il vittimismo, l'idea di essere sempre oggetti d'ingiustizia, il voler favorire solo i propri diritti: al termine di questo percorso, che ha impedito il coagulo della gente, ne è uscita una giustizia lenta, farraginosa, tendente al perdonismo (per puro timore personale o per la paura di sbagliare), lacunosa, cavillosa, spesso iniqua. E' chiaro che, in questo assurdo marasma, poi facilmente escano delle anomalie, fagocitate come normalità, da tutti. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Ettore miscioscia ha scritto il 12 febbraio 2020 alle 18:19 :

    Guarda caso Rispondi a Ettore miscioscia