Ieri alle 18.30

Lo fermano con un lampeggiante: imprenditore rapinato su via San Magno

Dopo essere uscito da lavoro è stato seguito e minacciato con una pistola. Rubati auto ed effetti personali

Cronaca
Corato martedì 21 gennaio 2020
di La Redazione
Lo fermano con un lampeggiante: imprenditore rapinato su via San Magno
Lo fermano con un lampeggiante: imprenditore rapinato su via San Magno © n.c.

Hanno utilizzato un lampeggiante simile a quelli in dote alle forze dell'ordine per farlo fermare e poi lo hanno rapinato sotto la minaccia di una pistola. È accaduto ieri ad un imprenditore coratino, verso le 18.30 su via San Magno.

Uscito dalla sua azienda, l'uomo è stato seguito dai rapinatori che hanno prima lampeggiato con gli abbaglianti e poi hanno utilizzato un lampeggiante per trarlo in inganno. Accostatosi a bordo strada, l'imprenditore è quindi stato minacciato con una pistola da due uomini a volto coperto che gli hanno sottratto tutti gli effetti personali e sono ripartiti con la sua auto.

La vittima ha dichiarato ai Carabinieri della stazione di Corato che i rapinatori parlavano un dialetto di difficile comprensione, molto simile all'andriese, come se volessero mascherare il loro vero accento.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Amedeo Strippoli ha scritto il 22 gennaio 2020 alle 14:32 :

    Non c'è bisogno dell'intervento dell'Esercito, come auspicato da alcuni (ormai è di moda). Basterebbe dare delle direttive chiare alle FF.OO. , che la Magistratura applicasse, in modo serio, le leggi esistenti e che i genitori ritornassero a fare i genitori, per risolvere il problema. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • carlo mazzilli ha scritto il 22 gennaio 2020 alle 12:00 :

    cerignolani? Rispondi a carlo mazzilli

  • Pier Luigi ha scritto il 21 gennaio 2020 alle 16:49 :

    Che squallore Rispondi a Pier Luigi

  • nerdrum ha scritto il 21 gennaio 2020 alle 15:32 :

    la "modernità", la "civiltà", l'essere in "prima pagina" per notizie di "nera" ha raggiunto corato, che da grosso centro agricolo del secolo scorso, dove delinquenza = rubagalline, si sta trasformando in vero centro urbano dell'era post-industriale. degradato, abbruttito nel suo aspetto (abbandono), sempre più sede di criminalità locale e di importazione. Rispondi a nerdrum

    fc ha scritto il 21 gennaio 2020 alle 16:46 :

    Con il silenzio e la benedizione di tutti. Rispondi a fc

  • salvatore di gennaro ha scritto il 21 gennaio 2020 alle 15:03 :

    La società si è incattivita, e lo nota solamente chi ha una certa età o/e una certa sensibilità sociale. Gli altri, si sono ormai assuefatti o rassegnati. Che fare? Io credo che, e l'ho sperimentato sul lavoro, un esempio di correttezza e di sobrietà, da parte delle Istituzioni, dal grado più alto al più basso ed in ogni campo d'intervento, possa forse servire a fungere da sprone per un cambiamento verso il meglio. Infatti le Istituzioni si rispecchiano nel popolo, e viceversa: tocca alle prime, e solo a loro, fermare questa spirale micidiale. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Drago69 ha scritto il 21 gennaio 2020 alle 12:43 :

    Come vedete ..le zone assiedate dalle forze dell ordine ,vedi Foggia e dintorni l organizzazzione si e' spostata nei paesi limitrofi...escalation di furti rapine ecc ecc ...e tutto tace Rispondi a Drago69